Videogiochi e Gaming

Gamer Girl: il videogioco che sensibilizza sul cyber-bullismo è ritenuto di pessimo gusto (POLEMICA)

Fin dal suo annuncio, il gioco Gamer Girl si è trascinato le polemiche e le perplessità degli utenti, quasi quanto ne abbia sollevato una qualsiasi recensione su The Last of Us 2 in questo periodo e infatti, dopo neanche un giorno di discussioni e pareri vari, ecco che il caso scoppia anche al di fuori delle community inizialmente coinvolte.

Gli sviluppatori del titolo, i Wales Interactive, hanno rimosso il trailer del gioco da YouTube perché ritenuto di pessimo gusto a causa del tema trattato.

Gamer Girl è un Thriller psicologico che vorrebbe far riflettere sugli effetti che dei commenti di odio e denigrazione esercitano su chi sta dietro la webcam.

Gamer Girl: gioco di pessimo gusto o importante rivelazione?

Che il cyber bullismo sia all’ordine del giorno, nell’epoca di Internet, è palese a tutti.

Non importa chi siete o cosa fate, se volete mostrare le vostre sessioni di gioco in una live avrete sempre qualcuno pronto ad offendervi o denigrarvi per il vostro aspetto, per ciò che dite, il come lo dite e qualunque altro dettaglio irrilevante.

Ma perché questo gioco ha sollevato una tale polemica?

Gamer Girl è un adventure game in FMV (full motion video) in cui il giocatore impersona un moderatore di chat di una giovane streamer emergente che porta il nick Abicake99.

gamer girl

La chat della Gamer Girl sarà invasa dai messaggi di un molestatore anonimo e starà a noi mantenere l’ordine e fare in modo di evitare più sentenze offensive possibili.

In tanti hanno puntato il dito contro il gioco accusando gli sviluppatori di voler lucrare contro i veri traumi che le streamer vivono costantemente ogni giorno.
Nonostante non si tratti certamente del primo titolo del genere.

Alcune streamer e youtuber si sono dimostrate solidali con gli sviluppatori del gioco perché hanno vissuto queste situazioni in prima persona, l’altro lato della medaglia invece mostra una grossa fetta delle community, contrariata dal fatto che sia un gioco a rappresentare questo problema e che forse, lo faccia impropriamente.

Sulla loro creazione, gli sviluppatori si sono invece espressi così:

Gamer Girl mostra l’impatto che i commenti e le azioni degli utenti hanno sulla salute mentale e sul benessere delle streamer. Il motivo per cui FMV Future ha creato il gioco è stato quello di mostrare il problema e l’ambiente tossico che spesso si crea online a causa dell’anonimato di un username. Gamer Girl è stato co-scritto da Alexandra Burton, l’attrice protagonista che ha improvvisato l’intera sceneggiatura. La ricerca sul contenuto in streaming di Gamer Girl è durata 4 anni e il team di sviluppo ha intervistato dozzine di streamer femminili, la maggior parte delle quali ha subito abusi di vario genere online – sono state persino condiviso le loro esperienze durante l’interviste all’interno del gioco. I giocatori iniziano il gioco come amico della protagonista ed sarà suo il compito di mantenere l’ordine nella chat di Abi. L’abuso online è reale e continua a verificarsi ogni giorno: Gamer Girl cerca di sensibilizzare su questo problema.

Considerando che esistono giochi in cui si possono creare imperi del porno e fare la vita da youtuber, è paradossale trovare lamentele su un titolo che vuole mostrare come il popolo di internet possa diventare tossico quando si perde il rispetto verso il prossimo.

Che in realtà qualche Troll sia stato colpito sul personale? Non lo sappiamo, ma vorremmo sapere la vostra su questo Gioco nei commenti!

Leggi anche:
Twitch: da Amouranth a Lea May, gli ‘scandali hot’ delle streamer più famose

Back to top button