Videogiochi e Gaming

Game Awards 2019: tra i vincitori spicca il sorpasso di Sekiro su Death Stranding

The Game Awards 2019 si sono da poco conclusi, assegnando le loro statuette ai migliori videogiochi del 2019. Prima di dare uno sguardo ai vincitori, dunque, un breve commento sui titoli che hanno segnato maggiormente questa edizione.

I titoli che hanno agguantato le maggiori riconoscenze sono stati rispettivamente Disco Elysium (Miglior indie, Fresh Indie, Miglior RPG e Miglior Narrativa) con quattro statuette e Death Stranding (Miglior game direction, Miglior colonna sonora, Miglior interpretazione a Mads Mikkelsen) con tre statuette. Il GOTY, Sekiro: Shadows Die Twice, ha portato a casa sia il premio di Gioco dell’anno che quello di Miglior Action-Adventure.

I Game Awards di quest’anno

Già le nomination dei candidati ha destato davvero tanto stupore; tra grandi assenti e titoli scontati sembrava già tutto scritto, invece, con gran stupore abbiamo assistito alla vittoria di un Sekiro sul chiacchieratissimo Death Stranding nella contesa del Gioco dell’anno. Nel frattempo, Super Smash Bros. Ultimate supera Mortal Kombat 11 come miglior picchiaduro.

Inutile dire che ci sono state notevoli differenze anche tra i vincitori reali e quelli sperati – e votati – dal pubblico.

I vincitori dei Game Awards di quest’anno, sono stati:

Game of The Year: Sekiro: Shadows Die Twice
Best Game Direction: Death Stranding
Best Narrative: Disco Elysium
Best Art Direction: Control
Best Audio Design: Call of Duty: Modern Warfare
Best Score/Music: Death Stranding
Best Performance: Mads Mikkelsen nei panni di Cliff – Death Stranding
Best Ongoing Game: Fortnite
Best Community Support: Destiny 2
Games for Impact: Gris
Best Independent Game: Disco Elysium
Best Mobile Game: Call of Duty: Mobile
Best VR/AR Game: Beat Saber
Best Action Game: Devil May Cry 5
Best Action/Adventure Game: Sekiro: Shadows Die Twice
Best RPG: Disco Elysium
Best Fighting Game: Super Smash Bros. Ultimate
Best Family Game: Luigi’s Mansion 3
Best Strategy Game: Fire Emblem: Three Houses
Best Sports/Racing Game: Crash Team Racing Nitro-Fueled
Best Multiplayer Game: Apex Legends
Fresh Indie Game: ZA/UM for Disco Elysium
Content Creator of the Year: Michael “Shroud” Grzesiek
Best Esports Game: League of Legends (Riot Games)
Best Esports Player: Kyle “Bugha” Giersdorf (Immortals, Fortnite)
Best Esports Team: G2 Esports (LOL)
Best Esports Event: League of Legends World Championship 2019
Best Esports Host: Eefje “Sjokz” Depoortere
Best Esports Coach: Danny ‘Zonic’ Sørensen – (Astralis, CSGO)

Siamo di fronte ad una carrellata di bei giochi, con ottime qualità ed avversari dello stesso calibro. Ma i gusti son pur gusti, no? Voi siete d’accordo con i vincitori dei Game Awards di quest’anno? C’è qualcuno che avreste fatto vincere e qualcun altro no? Diteci la vostra nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close