Cinema, Film e Serie Tv

Firestarter dovrebbe essere un film di Carpenter

Firestarter di Keith Thomas vorrebbe essere un film di John Carpenter. Il film segna il secondo tentativo di adattare il romanzo di Stephen King, dopo un adattamento del 1984 in gran parte dimenticato di Mark Lester. La storia è stata aggiornata per i tempi moderni e nonostante queste modifiche, il film sembra ancora radicato negli anni ’80.

Questa estetica di ritorno al passato è quasi ovvia in questo campo. Tuttavia, evoca direttamente un regista particolare. Il film presenta la colonna sonora di John Carpenter, che Thomas descrive come “la sua prima colonna sonora non direttamente collegata a qualcosa che aveva fatto“. Anche i titoli di testa ricordano le aperture vecchio stile di film di Carpenter come Fuga da New York, La cosa o Christine.

Carpenter era stato originariamente scelto per dirigere l’adattamento del 1984 di Firestarter, prima che la Universal lo cambiasse in seguito alla delusione critica e commerciale di The Thing. Carpenter in realtà ha diretto il sottovalutato adattamento del 1983 del romanzo di King, Christine, che Priscilla Page ha riassunto come “Grease all’inferno“.

Naturalmente, questo non è solo un riferimento furbo al cinema horror della metà degli anni ’80. C’è una ragione per cui Thomas, lavorando con Blumhouse e Universal, abbia scelto di citare Carpenter come riferimento per un film come questo. Non solo Carpenter è stato rivalutato negli ultimi anni come un vero artista, al punto da ricevere il Golden Coach Award al Festival di Cannes 2019. Carpenter è diventata una vera industria per Universal e Blumhouse.

Blumhouse ha creato una reputazione grazie al franchise di Paranormal Activity, con il suo successo iniziale in gran parte legato ai film dell’orrore con budget così bassi che non potevano mancare di realizzare un profitto. Tuttavia, la compagnia è entrata nei grandi giri con due colpi sismici influenzati da Carpenter. Nel 2017, Get Out di Jordan Peele, un social horror che il regista ha riconosciuto essere in debito con Carpenter, ha guadagnato $255 milioni in tutto il mondo e ha ottenuto quattro nomination all’Oscar, tra cui quello per il miglior film.

Lo studio ha reso un omaggio più palese a Carpenter l’anno successivo, con l’uscita del “requel” Halloween di David Gordon Green. Il budget del film è oggetto di dibattito, ma i rapporti suggeriscono che fosse il film più costoso prodotto da Blumhouse fino a quel momento. La mossa ha dato i suoi frutti, il film ha guadagnato $ 255 milioni in tutto il mondo. Ha anche dato allo studio un valido franchise, generando due sequel. Get Out e Halloween rimangono i due film di maggior successo di Blumhouse.

Ad essere onesti, Carpenter sta almeno traendo profitto dallo sfruttamento del suo lavoro precedente, ed è sincero su quanto gli piace essere pagato. “Sono per lo più estremamente eccitato, specialmente quando devono pagarmi“, ha osservato Carpenter. “Ho fatto i miei film e i remake sono i remake, quindi (va) bene per me“. È un atteggiamento mercenario, ma è difficile obiettare. La versione di Carpenter di The Fog è un classico, ma almeno qualcuno trae vantaggio dal terribile remake.

Se tutti gli altri stanno facendo dei remake e vogliono pagarmi dei soldi per fare un remake di un mio vecchio film, perché no?” ha riflettuto apertamente nelle interviste. Per sua stessa ammissione, è “pronto per quasi tutto ciò che riguarda i soldi“. Nei recenti film di Halloween, riceve un doppio compenso come produttore esecutivo e compositore. Anche Firestarter, che non è nemmeno direttamente uno dei suoi film, lo paga per il suo lavoro sulla colonna sonora. Questo è un affare molto migliore di quello che molti scrittori e artisti ottengono per adattamenti da miliardi di dollari del loro lavoro.

Vale anche la pena ammettere che Carpenter sembra godersi il suo ritiro, in particolare il suo status di grande vecchio del cinema americano. È ansioso di condividere le sue opinioni su Halo Infinite con il mondo. Ha trovato il tempo per fare un’apparizione come ospite e fornire il tema per l’omaggio horror dei Foo Fighters, semplicemente perché la band aveva trattato bene suo figlio durante il tour 15 anni prima. Carpenter non deve niente a nessuno.

Tuttavia, c’è la sensazione che Carpenter meriti di più. In particolare, il veterano regista dell’horror merita le opportunità creative che dovrebbero derivare da successi che hanno ridefinito il genere come Halloween, Escape from New York o The Thing e amati successi cult come Big Trouble in Little China o They Live. Il problema è che il successo di Carpenter è arrivato su una linea temporale molto lunga e che l’industria cinematografica ha purtroppo la memoria corta.

Carpenter non ha mai avuto modo di godere dei frutti del suo lavoro mentre lavorava a pieno ritmo. Molti dei suoi film hanno ricevuto recensioni negative e incassi al botteghino deludenti, che sono stati veleno per la sua carriera. Carpenter non è riuscito a dirigere Firestarter nel 1984 perché The Thing ha avuto incassi e recensioni negative, ma da allora The Thing è stato rivalutato come uno dei più grandi film horror mai realizzati. Realizzare la colonna sonora del remake di Firestarter sembra un deludente premio di consolazione.

C’è qualcosa di leggermente frustrante nel guardare una generazione di registi dell’orrore fare le loro migliori imitazioni di Carpenter, capitalizzando sulla buona volontà che questi film hanno lentamente coltivato nei decenni dopo essere etichettati come flop. Questi registi traggono profitto dal lavoro di Carpenter in un modo che non è mai riuscito a fare. Se Blumhouse voleva immaginare come potrebbe essere la versione di Firestarter di John Carpenter, perché non hanno semplicemente dato a John Carpenter l’opportunità di realizzarla?

Carpenter vuole tornare a fare film, nelle giuste condizioni. “Sarebbe un progetto che mi piace e che abbia un budget corretto“, ha spiegato a Cannes nel maggio 2019 . “Oggi fanno fare a questi giovani registi (un) film per 2 milioni di dollari quando il film viene scritto per 10 milioni di dollari. Quindi devi spremere tutto lì dentro e non voglio più farlo“. Ha insistito sul fatto che “le condizioni devono essere giuste. Ci devono essere abbastanza soldi e ci deve essere abbastanza tempo”.

Carpenter ha parlato di quanto ha dovuto lottare duramente per realizzare i suoi primi film. Ha lavorato come compositore su molti di loro perché “non poteva permettersi nient’altro“. Ha parlato di dover “combattere con le unghie e con i denti” con gli studi sui tagli finali dei suoi film. In particolare, Carpenter indica le battaglie con “il capo di uno studio che era un essere umano intenzionalmente crudele” su Big Trouble in Little China come qualcosa che lo ha allontanato dal cinema in studio.

All’età di 74 anni, forse John Carpenter non dovrebbe più combattere. Forse ci si dovrebbe fidare del regista che ha regalato film di Hollywood come Halloween e The Thing. Carpenter ha sicuramente messo abbastanza in banca da poter finalmente prelevare. È difficile credere che uno studio come Blumhouse – che deve così tanto a Carpenter, sia direttamente che indirettamente – non possa giustificare di dare al regista un budget di 10 milioni di dollari, un programma libero e un controllo creativo completo.

Poi di nuovo, forse questo è solo un microcosmo di una questione molto più ampia che si estende oltre il cinema horror e oltre il debito specifico nei confronti di John Carpenter. Dopotutto, gran parte del cinema di successo moderno si ricollega alla nostalgia per i progetti intensamente guidati dall’autore, con i principali studi che spesso estraggono quelle strane e personali storie di successo per i pezzi di ricambio. Cosa devono gli studi cinematografici agli artisti responsabili della creazione delle opere che sfruttano per alimentare i ricordi d’infanzia?

Leggi anche:
Blade Runner e The Thing: alla riscoperta dei cult

Back to top button