Cinema, Film e Serie Tv

Fan girano Toy Story con i veri giochi del film

Verso il Live Action e oltre!

Sono mesi che sentiamo parlare di live action. I film d’animazione più amati e storici, sono ormai soggetti ad una rimessa in scena, con risultati che spesso dividono il pubblico. Tra chi rimane scontento per l’assenza del personaggio preferito o per quella canzone del cuore che per “motivi di trama” viene tagliata, e chi grida subito al capolavoro poiché “i film Disney sono sempre i film Disney!”. Si tratta di grandi classici in cui attori ed attrici hanno l’arduo compito di dover impersonare quelle figure iconiche, che ci hanno accompagnato tra infanzia ed adolescenza. Ma non sono qui per parlare di quanto sia complessa la nuova strada intrapresa da Disney, e dal cinema, che ormai sembra sempre più interessato a riproporre grandi classici in chiave diversa, ma sono qui per parlare di qualcuno che ha intrapreso questa strada molto prima.
Possiamo parlare di live action quando si parla di giocattoli? Di Stop Motion? O è qualcosa di completamente diverso, l’unione delle due?
Era il 2013 quando i due youtubers, Jonason Pauley e Jesse Perrotta, si sono armati di videocamera, ma soprattutto di tantissima pazienza, ed hanno tentato di replicare in modo casalingo e super minuzioso, un film storico: il primo capitolo di Toy Story.

Quasi dieci anni fa, Youtube era pieno di tributi, remake, video ridoppiati e canzoni con aggiunta di lyrics. Come ognuno di questi prodotti, JPandBeyond (è questo il nome del loro canale) ci propone  la propria versione di “Toy Story” per omaggiare il grande classico. I due riescono a ricreare perfettamente ogni scena, utilizzando i giocattoli come protagonisti, mischiando la tecnica dello stop motion a quello delle marionette.

Niente viene perduto o tagliato, ma riproposto fedelmente con affetto e simpatia. Una settimana dopo l’uscita del video, uno youtuber nostrano, si è occupato del ridoppiaggio, montando l’audio italiano sul video dei due colleghi americani. Così grazie a Stefano Crispino, abbiamo anche la versione sub-ita che potete ammirare qui sotto.

È un esperimento divertente, audace e sicuramente eseguito con passione. Avendo esperienza come animatrice, sono rimasta impressionata dalla cura con cui ogni cosa viene riproposta, sono stati fedeli all’originale ed è ammirevole. Certo qualcuno dirà che per riprodurre qualcosa di “già girato” non ci vuole nulla, invece non è così. Non ci sono attori, almeno, la maggior parte non è in carne ed ossa, tutto il lavoro sta quindi nel trovare il modo per far muovere Woody, Buzz e tutti gli altri personaggi, come vediamo nel film d’animazione. Certo, non è una replica fluida e senza incertezze, ma è palpabile la passione e gli escamotage utilizzati, spesso strappano un sorriso.

Leggi anche:
Toy Story 4: la recensione Hardcore del film Pixar
Ray Harryhausen, tributo al mago della Stop Motion
Live Action, Remake e Reboot: un nuovo modello di Cinema?

Back to top button