Eventi e Fiere

Ethicus: gli anime sbarcano in teatro con un musical

Il giovane mondo degli anime e quello più classico del teatro si impattano. Il risultato è il musical 100% italiano, Ethicus!

Ethicus è un musical teatrale scritto da Antonio Malfitano e rappresentato dalla Compagnia delle stringhe, compagnia amatoriale di San Fili (CS).

ethicus
La Compagnia delle Stringhe al gran completo

L’opera tratta della censura che gli anime subiscono in Italia con molta ironia, senza disdegnare quel pizzico di goliardia che lo rende uno spettacolo adatto e godibile a una platea formata sia dai più giovani che da adulti.
Gianni, il protagonista, è un autore di anime di scarso successo; incompreso, tacciato di infantilismo per via del suo lavoro, punta tutto su un prodotto che ritiene il suo capolavoro, Ethicus, un anime incentrato su temi etici e di valore.

Ma a un certo punto, Gianni riesce a vendere Ethicus a Mediaset, ma…

Si tratta di uno sceneggiato irriverente sulla libertà di espressione, l’etica, la giustizia relativa e il mondo degli anime. Un mix tematico dove gli eroi, forse, sono antieroi: dipende dai punti di vista.

Le musiche sono sigle italiane e giapponesi di anime ben noti, mentre i testi sono originali. L’opera contiene molte citazioni che gli appassionati di tutte le generazioni di anime si divertiranno a scovare.

Il cast è composto da 18 elementi che dimostrano la loro grande bravura nella versatilità con cui si cimentano a interpretare più di un ruolo ciascuno. Nell’opera, infatti, ci saranno spazi dedicati e recitati all’interno del mondo fittizio dello stesso cartone di Gianni.

Il musical è integralmente disponibile su Youtube, sul canale di Antonio Malfitano.
Potete trovare un collegamento diretto proprio qua sotto e il nostro consiglio, ovviamente è quello di visionarlo subito. Garantisce il Bosone, ci sarà da ridere ;)

Articolo estrapolata da nota stampa di Antonio Malfitano

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button