Videogiochi e Gaming

Epic Games sul piede di Guerra: Google ed Apple rimuovono Fortnite dagli store

Epic Games dichiara guerra a Google ed Apple. Il motivo? La sparizione del loro gioco di punta, Fortnite, dai rispettivi App Store delle aziende.
Ha iniziato Apple bannando il gioco dalla sua piattaforma, ricevendo così una risposta da parte dei legali di Epic Games. In queste ore, anche Google ha rimosso il gioco dal suo store.

Perché eliminare Fortnite dagli Store? Epic Games contrattacca

Per capire cosa sia successo tocca fare qualche passo indietro. Epic Games ha da tempo criticato la percentuale che Apple riceve da ogni transazione effettuata tramite le app del suo store. Nel dettaglio, Apple ottiene il 30% per ogni acquisto.

Questo è uno standard del settore – Steam e Google Play Store prendono la stessa percentuale – ma Epic sta cercando di cambiare questa convenzione.

Infatti, ha lanciato il proprio store per PC che chiede una percentuale inferiore (il 12%) ed ha offerto Fortnite per Android tramite il suo sito Web per aggirare Google Play Store (in seguito si è unito al Play Store per causa di forza maggiore).

“Stop 2020 from becoming “1984” – non si può certamente dire che il video messo online da Epic non sia coinvolgente!

Nel suo continuo tentativo di aggirare la condivisione delle app su cui Apple stava lucrando, Epic ha aggiunto un’opzione di pagamento separata che consentiva agli utenti di acquistare contenuti ad un prezzo scontato per gli acquisti in-game consentendo transazioni dirette alla società di Fortnite, bypassando così il sistema.

Questo gesto non è arrivato per caso.

Ciò é partito dal rifiuto di Apple di acconsentire app di giochi cloud come Stadia e xCloud nell’App Store, con la scusante che ogni titolo andrebbe sottoposto a revisione individualmente.

Da Apple arriva una dichiarazione attraverso The Verge:

Epic ha abilitato una funzione nella sua app che non è stata esaminata o approvata da Apple e lo ha fatto con l’intento di violare le linee guida dell’App Store relative ai pagamenti in-app che si applicano a ogni sviluppatore che vende beni o servizi digitali … Epic ha accettato i termini e le linee guida dell’App Store liberamente e siamo lieti che abbiano creato un business di tale successo sull’App Store. Il fatto che i loro interessi commerciali ora li portino a spingere per un accordo speciale non cambia il fatto che queste linee guida creano condizioni di parità per tutti gli sviluppatori e rendono il negozio sicuro per tutti gli utenti.

In realtà, Apple sarebbe disposta a riportare Fortnite sul suo store, se Epic si dimostrasse disposta ad un nuovo accordo… Ma da Epic Games sembra che al momento, non ci sia possibilità per un accordo.

Apple è stata a lungo oggetto di accuse di antitrust, più recentemente da parte di Microsoft, Google e Facebook.

Gli ultimi tre hanno tentato di mettere le proprie app di giochi sull’App Store, solo per essere costantemente rifiutati.

Facebook ha dovuto sventrare la sua app per farla approvare, cosa di cui non era affatto soddisfatta.

Microsoft ha affermato, quando la sua app Xbox Gaming Pass è stata rifiutata, che Apple

tratta costantemente le app di gioco in modo diverso, applicando regole più indulgenti alle app non di gioco anche quando includono contenuti interattivi.

Epic ha citato sia xCloud che i giochi di Facebook nella sua causa. Per quanto Fortnite sia diventato un fenomeno di massa non ha la forza per opporsi ad Apple e forse, più nomi potrebbero smuovere qualcosa.

Ma chi ha ragione in questo caso? Apple dovrebbe fare marcia indietro o Epic dovrebbe sottostare al contratto? Diteci la vostra nei commenti.

Leggi anche:
Ologrammi: PORTL ci permetterà di visitare gli amici lontani e i cari defunti (VIDEO)
Netflix vorrebbe iniziare un franchise che rivaleggi con Star Wars e Harry Potter
Cos’è la Local SEO? Perché e quando inserirla nel preventivo per il tuo sito web?
Il Primo Re: Cinque buoni motivi per andare a vederlo

Back to top button