Humor e Varie

Ecco un cattivo utilizzo della nostra tecnologia

Giusto ieri parlavamo del fantastico uso che si può fare dell’internets in determinati contesti: far conoscere nuove realtà al mondo, denunciare una violazione…

Oggi, invece, riporteremo un esempio di pessimo uso (e abuso) che a volte si può fare del Uorld Uaid Ueb.

E’ il caso che vede i proprietari di uno dei più celebri ristoranti di Cardiff (Inghilterra), chiamato Burger & Lobster, postare furbissimamente questa foto sulla propria pagina di facebook:

876866-3efd5dca-915b-11e4-974c-371957f154e6Come vedete, sulla destra, c’è un gruppo di persone fotografate dal circuito chiuso del locale mentre si apprestano a uscire… senza aver pagato il conto. In descrizione alla foto compare il messaggio:<<Alla famiglia uscita stanotte senza pagare il conto: siamo sicuri sia stato solo un “errore” e che ve ne siate solo dimenticati quindi, per favore, chiamateci domani per saldare il debito>>.

Lo so che starete dicendo cose tipo “eh hanno fatto bene a umiliare sti stronzoni quahahaha”. Di sicuro non la pensano così gli altri 600 abituali clienti del locale che hanno risposto inorriditi al gesto di ripicca pubblica di cui si sono resi protagonisti i tizi del ristorante.

E’ ovviamente diritto di ogni lavoratore riscuotere quello che gli spetta ma è un diritto ancora maggiore rispettare l’immagine umana delle persone. Mi trovo d’accordo con chi ha risposto contrariato alla reazione dei gestori del locale, sarebbe stato molto più opportuno che i distrattoni fossero stati contattati in privato.

La vicenda causerà, irrimediabilmente, un calo nella frequenza di clientela. D’altro canto queste sono cose che succedono… ma lasciarsi sostituire da un social network per bacchettare le persone, beh, questo NON DEVE SUCCEDERE. Mai.

Adesso sapete perchè non ho più una pagina di Faccialibro, voi invece cosa ne pensate? Soddisfatti così? Bravi, bravi. Allora fatevelo spiegare da lui. Così mi crederete.

george_orwell_2320735bFonte notizia: BOTTONEDAPREMERE

 

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

3 Commenti

  1. non si discute tanto sulla gravità del gesto quanto invece alla reazione, inaspettata dagli autori forse, che ha suscitato. E sull'(ab)uso dei loro volti in pubblico. Credo che anche l’omissione di (questo) dovere non sia stato tanto grave come potrebbe sembrare, a chi non è mai capitata qualcosa di simile?

  2. Io penso, semplicemente, che si possano reclamare i propri diritti solo dopo aver svolto i propri doveri: queste persone non hanno pagato quanto dovuto, quindi la “violazione” delle loro immagini non è un gesto così grave come potrebbe sembrare.

  3. A mio parere è una questione squisitamente teorica relativa al patto sociale: in una società organizzata, viene prima il diritto o il dovere? Esistono doveri anche nei confronti di chi ha infranto i diritti altrui? Etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close