Attualità

Ecco quanto spendono le famiglie italiane ogni mese (e come potrebbero risparmiare)

Ogni famiglia sa che la vita in casa costa, e che ogni mese bisogna fare i conti con certe uscite importanti. Fra queste troviamo ad esempio le bollette, che riescono a incidere parecchio sui bilanci familiari, alle volte più della spesa alimentare e degli altri costi di questo tipo. Nonostante non sia possibile ottenere dei dati certi in merito alle spese di ogni singola famiglia, si possono comunque tirare delle somme e capire a quanto ammontano le medie nazionali. C’è infatti un recente studio di Istat che ha preso in esame proprio questo tema, e che merita di essere approfondito.

Quanto spendono ogni mese le famiglie italiane?

In base alle analisi condotte da Istat, in media la metà delle famiglie della Penisola spende circa 2.150 euro al mese, mentre la media nazionale sale addirittura a oltre 2.500 euro mensili. È chiaro che i dati cambiano, e anche di molto, se si vanno ad analizzare le spese a livello regionale, con un divario che alle volte arriva anche a 800 euro. Quali sono le voci di costo più impattanti? Al primo posto troviamo le spese per la casa, che assorbono il 35% delle uscite totali, mentre al secondo posto si colloca la spesa alimentare, che arriva intorno ai 460 euro al mese (18% del totale). Questo podio viene poi chiuso dai costi per i trasporti, che rappresentano l’11% del totale e che corrispondono a quasi 300 euro al mese.

Come ridurre le spese mensili

Si comincia proprio dalla voce più importante, ovvero la casa: per risparmiare è ad esempio possibile intervenire sulle bollette, consultando le offerte di luce e gas insieme e cercando una proposta più conveniente di quella attuale. In secondo luogo, si consiglia di fare attenzione allo spreco di energia elettrica, di acqua e di gas. Serve spegnere le luci quando non servono, utilizzare in modo intelligente gli elettrodomestici più dispendiosi (come la lavatrice) ed evitare di lasciare aperti i rubinetti.

È importante intervenire pure sulla spesa alimentare, cercando ad esempio di ridurre l’acquisto delle bevande alcoliche, il cui prezzo impatta molto a bilancio. Inoltre, è meglio fare la spesa sempre a pancia piena, per evitare gli acquisti dettati dalla fame e dalle voglie. Si suggerisce poi di recarsi al supermercato armati di lista della spesa, per evitare di comprare prodotti non necessari.

Per quanto concerne i trasporti, basta un po’ di pianificazione. Ci sono infatti opzioni molto valide, come ad esempio sfruttare gli autobus e i mezzi pubblici, magari sottoscrivendo un abbonamento, per economizzare ancor di più. Inoltre, è possibile usare la bicicletta per i tratti che lo consentono, sebbene in Italia vi sia un serio problema relativo alle piste ciclabili.

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button