Cinema, Film e Serie Tv

Dungeons and Dragons: un reboot scritto da autori Marvel?

Si vocifera il coinvolgimento degli sceneggiatori di Homecoming

Alcune indiscrezioni sul web vedrebbero Jonathan Goldstein e John Francis – gli scrittori di Spider-Man Homecoming – come direttori per il nuovo film di Dungeons and Dragons. Il lungometraggio è previsto per il cinema il 21 novembre 2021, stando alle dichiarazioni di Paramount e AllSpark Pictures che però non hanno commentato le voci circa il coinvolgimento dei due sceneggiatori.

Per chi non lo conoscesse, D&D è il gioco di ruolo fantasy più famoso al mondo; per tanto tempo è stato considerato un passatempo per nerd ma oggi – grazie anche a Stranger Things – ha spopolato tra i “non addetti ai lavori”. Essere tornato in auge, è forse il motivo per cui si è deciso di investire nuovamente su questo franchise e sul suo ritorno sul grande schermo.

Ma che cosa sappiamo di Dungeons and Dragons?

Oltre al conoscere i nomi dei due possibili sceneggiatori – ancora in trattativa – non si sa quasi niente di interessante. Pare, comunque, che i due scrittori vogliano ispirarsi alle classiche avventure – forse le più famose e conosciute – per scrivere un film che possa essere apprezzato sia dai giocatori – di ogni tipo – sia dal grande pubblico (che è la fascia su cui puntare per assicurarsi l’incasso).

Con Dungeons and Dragons le possibilità per scrivere un buon fantasy sono davvero molteplici. Pur non volendo introdurre troppe armi, razze, nemici e basando la storia sulla più semplice campagna di avventura e ricerca, ci permette di immaginare un barbecue con davvero tanta carne al fuoco.

L’unico dubbio è: saranno all’altezza delle possibilità?

Sicuramente, già il fatto di aver chiamato due scrittori che vantano un curriculum degno di nota, in cui spicca principalmente il lavoro svolto presso la Marvel, è un fattore che indica una volontà ben precisa, cioè quella di voler attirare l’attenzione soprattutto del pubblico del MCU (che è notoriamente ben esteso e variegato).

L’unica speranza che è possibile nutrire è che possa essere il più lontano possibile dal film del 2000, quello con l’attore Jeremy Irons (che al botteghino non era neanche andato male come altri), stroncato purtroppo da critica e giocatori.

Ma come per i Master che narrano l’avventura ai giocatori, Goldstein e Francis avranno come unico limite le loro immaginazioni… Più eventuali richieste strane da parte dei produttori. Incrociamo le dita!

Leggi anche:
Dungeons and Dragons: il primo amore non si scorda mai
Gdr cartacei: possono essere considerati arte?
Stranger Things 3: la recensione senza spoiler

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close