Cinema, Film e Serie Tv

Doctor Who: Orphan 55, la recensione del terzo episodio

Uno degli strani paradossi dell’era Chibnall è che spesso, sembra che gli scrittori che vengono come ospiti abbiano una comprensione più forte dei suoi temi fondamentali rispetto allo showrunner. Dopo tutto, Demons of the Punjab è stato forse il miglior episodio nell’aver caratterizzato in maniera passiva e dettagliata il Tredicesimo Dottore, un argomento molto più forte di quello articolato in Rosa o Arachnids in the UK o in uno qualsiasi degli episodi con il nome di Chibnall nei titoli di coda.
Orphan 55 attinge da un’impressionante serie di influenze nella storia di Doctor Who, fornendo un’interessante intersezione tra episodi del tipo “vacanza finita in tragedia” come in The Macra Terror e Delta and the Bannermen e episodi sul “futuro della Terra” come The Ark in Space o End of the world . In effetti, il posizionamento di Orphan 55 come primo episodio autonomo dopo la premiere è piuttosto astuto; riempie quella che sarebbe la slot “New Earth” in una stagione di Russell T. Davies. Tuttavia, offre una prognosi molto più chiara. Questo è appropriato per un’età molto più cupa.

Come gran parte dell’era di Chibnall, Orphan 55 è costruito attorno all’impotenza generale del Dottore. Il Dottore è un personaggio immaginario e quindi non può salvare il mondo. L’era Moffat ha affrontato questa domanda in un senso più astratto e metaforico in episodi come Extremis, dimostrando l’importanza di Doctor Who come storia e Dottore come idea. L’era di Chibnall tende a rispondere a questa sfida con un noioso letteralismo. Il tredicesimo dottore trascorre una quantità eccessiva della sua storia affrontando problemi sistemici o sociali con i quali si rifiuta di impegnarsi.

La passività del Tredicesimo Dottore di fronte alla mostruosità è uno degli aspetti più terrificanti dell’era Chibnall nel suo insieme. In The Ghost Monument , il Dottore ha rifiutato di trattenere Ilan per spiegare gli orrori che ha inflitto ai partecipanti. In Arachnids in the UK, Jack Robertson si è appena allontanato dalla responsabilità per omicidio di massa nel suo hotel. In Rosa, il Dottore ha gestito l’oppressione di Rosa Parks, costringendo persino la sua compagna a partecipare attivamente al razzismo sistemico.

Mentre l’era di Chibnall sta chiaramente cercando di fare un punto più ampio su come il Dottore non può salvare il mondo perché non esiste, questo spesso diventa uno studio deprimente di come l’immaginazione pubblica non possa più evocare mondi migliori. I demoni del Punjab sono riusciti a sostenere l’argomento migliore per questo approccio attraverso un’attenta costruzione, legando le sue ingiustizie storiche alla storia personale di Yaz. Orphan 55 realizza qualcosa di simile, principalmente impostando l’azione molto tempo dopo che il mondo non è stato salvato.

È stato suggerito che l’ambientalismo potrebbe essere il tema ricorrente della seconda stagione di Chibnall come showrunner. Ciò ha molto senso in termini pragmatici. Chibnall ha ampiamente evitato di offrire un commento troppo puntuale su problemi apertamente politici come la Brexit o il Trumpismo. Questo è in qualche modo deludente, perché significa che il più forte impegno dello show con la questione politica britannica che definisce i tempi moderni è a metà strada tra Empress of Mars e The Eaters of Light.

L’era di Chibnall potrebbe essere cauta nel sostenere questo dibattito per lo stesso motivo per cui la BBC è stata dolorosamente inefficace come emittente pubblica nel trattare il fandom. Chibnall ha supervisionato la prima rigenerazione femminile nella storia di Doctor Who. Nonostante offra l’interpretazione più esplicitamente conservatrice dello spettacolo dalla metà degli anni ottanta, la serie si è trovato soggetto a critiche per essere troppo “politicamente corretto”.

In apparenza, l’ambientalismo offre un argomento abbastanza sicuro. È senza dubbio politico, in quanto richiederà un’enorme volontà politica e incredibili sacrifici per salvare il pianeta. Tuttavia, il problema è anche abbastanza ambiguo pur essendo ampiamente accessibile. Nessuno sta sostenendo che l’umanità dovrebbe uccidere il pianeta, dopo tutto, anche se ci sono discussioni su come salvarlo al meglio. “Dovremmo salvare il pianeta”, è il tipo di affermazione generica che tutti dovrebbero teoricamente lasciarsi alle spalle, in un modo che “forse la Gran Bretagna non dovrebbe lasciare l’Europa” non lo è. È politico, ma può essere inquadrato in modo sicuro.

Per essere onesti con Himes e con Orphan 55 , l’episodio è relativamente schietto sulle cause dei cambiamenti climatici e sulle conseguenze. “Sono le società che permettono che ciò accada”, dice il Dottore a Graham .

C’è implicitamente qualche commento di classe infilato nella premessa dell’episodio, con la ricca élite che riesce a trasformare la Terra morta da tempo in una spa. Naturalmente, questa premessa è in qualche modo mitigata dal fatto che l’episodio evita ampiamente le dinamiche di classe nel suo casting. Graham riesce a portare tutti su Orphan 55 usando i coupon, Ryan scopre molto rapidamente che Trixie è “disoccupata”. Anche gli altri personaggi principali lavorano tutti nel resort. Benni e Vilma sono gli unici personaggi principali chiaramente ricchi, ma sono entrambi presentati come adorabili e affascinanti.

Come tale, le critiche del Dottore suonano solo un po’ vuote, in particolare data la lunga storia dello show  legati agli orrori dell’ipercapitalismo e del consumismo. Episodi come Planet of the Ood e Oxygen toccano entrambi il tema con un pizzico di intelligenza e di orrore. Al contrario, Orphan 55 sembra persino riluttante a criticare del tutto gli sforzi di Kane per terraformare il pianeta a scopo di lucro, perché non esiste una reale connessione causale tra lo sfruttamento che ha distrutto il pianeta e quello che ha costruito un villaggio turistico sopra un cimitero.

Tuttavia, queste connessioni rimangono in gran parte astratte piuttosto che chiaramente articolate. In effetti, dato quanto Orphan 55 lavora duramente per rendere evidente il suo tema centrale al pubblico, la sua riluttanza a inquadrare queste osservazioni in termini espliciti e letterali sembra in qualche modo deludente. Non aiuta che Orphan 55 tenti goffamente di buttare la colpa tra vari personaggi, invece di porre la classica domanda su chi è l’assassino.

L’era di Chibnall è stata in gran parte ancorata a una cupa inevitabilità, nel senso che le cose sono come sono e che non ha senso nemmeno cercare di immaginare un’alternativa migliore. Questa è la logica che porta il Dottore e i compagni a non solo a tollerare il razzismo sistemico in Rosa , ma a farsi complicare attivamente. Questo forse spiega l’indifferenza del Dottore nei confronti di mostri umani come Ilan e Robertson in The Ghost Monument e Arachnids  in the UK.

Durante la prima stagione, si ebbe la sensazione che il Dottore e i suoi compagni fossero entrambi completamente impotenti nel portare qualsiasi cambiamento positivo e significativo nei mondi che visitavano e spesso complimentarsi attivamente nelle ingiustizie sistemiche che si verificano. La prima stagione ha spesso lottato nello giustificare questa apparente insensibilità, in netto contrasto con le precedenti iterazioni della volontà del Dottore di intervenire per fermare l’ingiustizia e lo sfruttamento in episodi come Thin Ice .

Degli episodi della prima stagione di Chibnall, forse Demons of the Punjab si è avvicinato di più a una discussione convincente. L’episodio ha ammesso che tale passività era intrinsecamente egoista piuttosto che morale, con il Dottore diffidente nel cancellare Yaz dalla storia. Inoltre, Demons of the Punjab ha argomentato l’importanza di assistere all’ingiustizia storica, di permettere a se stessi di riconoscere l’orrore e la brutalità. Naturalmente, l’era Chibnall ha lottato con ciò che scaturisce da tale consapevolezza, lottando per fare il salto dalla consapevolezza all’azione.

Orphan 55 offre un fermo rifiuto di questa filosofia, con il Dottore che assicura ai suoi compagni (e al pubblico) che “il futuro non è fisso”. Questo è molto in linea con la filosofia secondo cui “il tempo può essere riscritto” che scorreva attraverso l’Era Moffat. Inoltre, è un messaggio lodevole e degno da inviare ai membri più giovani del pubblico. Dopo tutto, Doctor Who è uno spettacolo televisivo per famiglie. Chi vuole dire ai bambini che non c’è niente che possano fare per prevenire il collasso ambientale?

L’era di Chibnall ha spinto consapevolmente Doctor Who al suo obiettivo originale di educare il suo pubblico, in particolare i bambini più piccoli che guardano. Questo è encomiabile, anche se i risultati a volte sono ineleganti. Tuttavia, parte di ciò che è frustrante per episodi come Orphan 55 è la sua riluttanza a impegnarsi nei particolari.

L’approccio dell’episodio ai mostri è davvero interessante. L’era di Chibnall in Doctor Who ha spesso lottato con l’idea dei mostri, forse in parte a causa del suo desiderio di offrire un’iterazione più passiva del Dottore. L’undicesima stagione ha ottenuto le cose giuste in un paio di occasioni, ovviamente con gli alieni in Demons of the Punjab. Quell’episodio per lo più puro-storico si concentrava su una razza di mostri che avevano rinunciato a essere mostri per diventare testimoni e osservatori – un intelligente specchio dell’approccio mutevole dello show al Dottore.

Orphan 55 inizia come una storia classica di “base sotto assedio”, con “il mostro” che assedia il luogo di villeggiatura. Questa è una narrazione che potrebbe facilmente diventare inquietante, una storia horror su estranei ostili che tramano una sinistra invasione. Tuttavia, Orphan 55 tira un trucco molto pulito con (l’ inevitabilmente) svolta che Orphan 55 era la Terra e che “i mostri” non sono altro che l’umanità

In effetti, Orphan 55 si sente spudoratamente come una continuazione dell’estetica dell’era Saward e Cartmel che hanno avuto molte storie ambientate nel futuro, che poi abbiamo rivisto durante le epoche di Davies e Moffat. La trama di Orphan 55 sembra addirittura un film d’azione degli anni ottanta, con l’insieme di personaggi che si avventurano in battaglia contro una specie aliena ostile all’interno di un veicolo blindato che evoca direttamente film come “Alien”. Anche la pesante militarizzazione di Kane sembra parte di quell’estetica, riportandoci alla memoria storie come Earthshock o Resurrection of the Daleks .

L’era di Chibnall può occasionalmente sembrare un po’ troppo seria, togliendo molta della stupidità che dovrebbe essere ovvia in Doctor Who. C’è qualcosa di incredibilmente affascinante nei vari piccoli tocchi di Orphan 55, dall’implicazione di un’avventura invisibile con un “calamaro dello spazio profondo” (riferimento a Watchmen ?) O il fatto che Graham stesse collezionando sei coupon

C’è probabilmente anche qualche inizio di sottotrama in Orphan 55. Yaz nota che il Dottore si è comportato in modo un po’ meno gioioso del solito, in seguito alla sua scoperta della distruzione di Gallifrey in Spyfall, parte II . È interessante chiedersi se si stia seminando una potenziale tensione tra il Dottore e i compagni. Più precisamente, qui c’è un intelligente pezzo di sviluppo tematico. In Spyfall, parte II , il Dottore si trovò di fronte alla (apparentemente inevitabile) distruzione di Gallifrey. In Orphan 55 , i suoi compagni si trovano di fronte alla (apparentemente inevitabile) distruzione della Terra.

Ad essere onesti, ho la sensazione che Chibnall stia prendendo in prestito abbastanza pesantemente dalle storie di Russell T. Davies. In The End of the World, il Dottore ha scelto di affrontare il proprio dolore per la perdita di Gallifrey portando Rose alla distruzione della Terra. È stata una scelta molto precisa, sia in termini di carattere che di tema; il Dottore stava effettivamente (e forse inconsciamente) confrontando Rose con il suo senso di perdita. Orphan 55 fa qualcosa di simile, anche se un po’ più inelegante. Dopotutto, è Graham che porta la banda in Orphan 55, non il Dottore.

Questo episodio di Doctor Who non è proprio il grande successo di It Takes You Away , ma è evidentemente un episodio più ambizioso. Manca della fluidità e della sicurezza che ha reso It Takes You Away un successo così grande, privo di impegno e seguito fino alle sue idee più grandi audaci. Tuttavia, nonostante alcuni passi falsi considerevoli e una timidezza deludente sui punti che contano davvero, Orphan 55 ha ancora il suo cuore nel posto giusto. Si avvicina molto di gran parte dell’era di Chibnall a giustificare una versione del Dottore definita dall’osservazione passiva in un momento in cui il mondo ha bisogno di eroi.

L’unico problema è che Orphan 55 fatica a identificare chiaramente i suoi cattivi.

Back to top button