Attualità

Destinazioni, il nuovo servizio Google

Siete mai andati da qualche altra parte oltre a casa vostra? E se no , avete intenzione di andarci prima o poi? Se avete risposto “si” ad almeno una delle precedenti domande sapete bene cosa voglio dire quando parlo di quella fase indefinita e dalla durata imprecisa precedente al viaggio in cui si pianifica tutto: cosa vedere, dove pernottare, che tour fare, che mezzi prendere e via così. Ebbene, classicamente l attività di pianificazione la si immagina con la disponibilità di carta e penna, seduti ad un tavolo con un pc grazie al quale fare varie ricerche su ogni singolo aspetto del viaggio affidandosi a siti divers. Ma qui viene il bello. Sulla base di una serie di dati a loro disposizione , soprattutto quelli che indicano che l’accesso a questo tipo di informazioni è ormai sempre più mobile, Google ha introdotto una nuova feature che si chiama ” Destinazioni “, esclusivamente per mobile.

” Destinazioni ” è solo per mobile

Essa permette di valutare delle soluzioni complete, configurabili a piacere in base a parametri come data o budget disponibile, comprendenti viaggio soggiorno e biglietti per le attrazioni . Soluzioni diverse verranno attivate da combinazioni diverse di parole nel motore di ricerca, per esempio un nome di un paese abbinato alla parola ” destinazioni “. Oppure l’attività abbinata al paese (es. “escursioni Svezia”). Ciò ha messo sul chi va là la concorrenza composta dai siti classici come Expedia, Tripadvisor e simili, in quanto la quantità di dati a disposizione di Google è così vasta che potrebbe presto essere una seria minaccia in quella fascia di mercato ancora inesplorata.

” Destinazioni ” è una di tante features già presenti

In ogni caso questa non è altro che un’ennesima feature che rientra nel novero di quelle che già adornano il più grande motore di ricerca del mondo, al fine di renderlo un posto dove non solo “cercare” ma portare a termine delle azioni. Come esempio bastino la calcolatrice, il meteo e la conversione di valuta.

Source
Wired, Punto Informatico, Google

Joliet Jake

Nato in una assolata e ridente (?) valle ai confini con la Svizzera, Joliet Jake sfruttò, dalla nascita, questo profluvio di orologi e cioccolato per la sua crescita. Un’errata proporzione nel mix ottenne lo straordinario risultato di farlo arrivare sempre in ritardo e di dipendere dal cioccolato per la propria sopravvivenza. Informatico per passione, ha molti interessi e mirabilmente riesce a fallire in tutto in modo omogeneo. Autore di testi di vario genere per formazione e velleità, si prodiga nella redazione di castronerie astrali. Vi conviene leggere i suoi scritti prima che scompaia ed il suo genio venga riconosciuto postumamente da archeologi in cerca di reliquie letterarie(digitali) di alto lirismo. Che però saranno convinti che la lingua dei testi sia il turcomanno antico.
Back to top button