Guide

Hai deciso di cambiare smartphone? Ecco cosa devi sapere

Uno smartphone è come un piccolo computer tascabile in grado di svolgere le funzioni più varie ed è ormai usato da chiunque senza limiti di età, cosa fare però quando è arrivato il momento di cambiarlo?

Gli appassionati del settore sono sempre aggiornati e alla ricerca dell’ultimo modello disponibile ma c’è ancora una percentuale molto ampia della popolazione che decide di acquistare un nuovo smartphone solo quando il dispositivo precedente smette di funzionare.

Che tu appartenga all’una o all’altra categoria, prima di scegliere un nuovo smartphone è importante capire quali caratteristiche ricercare, basandoti anche sul tuo stile di vita e ponendoti le giuste domande:

  • quando lavori utilizzi spesso il telefono?
  • scarichi molti file sullo smartphone?
  • scatti tante fotografie?
  • chiami spesso?

Aspetti da analizzare quando si acquista uno smartphone

Il costo è la prima caratteristica che si analizza quando si acquista un nuovo telefono ma è importante anche conoscere il motivo di quel costo basso o elevato. I prezzi variano in base alla tipologia del prodotto, che nel caso di uno smartphone si dividono in: entry level e smartphone top gamma.

Cambiare smartphone oggi è possibile anche attraverso i gestori telefonici che spesso facilitano l’acquisto di modelli anche top gamma concedendo pagamenti suddivisi in rate abbinati alle attivazioni di nuove offerte. Inoltre, se cerchi ad esempio gli smartphone in offerta su fastweb.it vedrai che per ogni modello disponibile esiste una scheda tecnica con caratteristiche, funzioni e modalità di pagamento.

Eccone alcune molto importanti da tenere in mente durante l’acquisto:

  • Sistema Operativo: è utile saper scegliere tra Android, iOS o altri sistemi operativi presenti sul mercato. Esistono sistemi poco conosciuti e di alto livello ma non dispongono di una forza tale da offrire fiducia al cliente.
  • Fotocamera: una delle caratteristiche più analizzate negli ultimi anni e rappresenta l’elemento che più si evolve modello dopo modello. Ad oggi, infatti, gli smartphone raggiungono una qualità di scatto eccellente grazie alle lenti e alle tecnologie installate nel dispositivo.
  • Batteria: è il fulcro di uno smartphone, deve poter durare almeno un’intera giornata, in particolare per chi ha necessità di utilizzare il telefono per lavoro. Attenzione ai numeri, perché spesso i valori di una batteria sono elevati ma la durata è poca, questo a causa dell’elevato consumo di energia dello smartphone.
  • Design: esistono tanti e diversi design con linee sinuose o con linee più tonde. La scelta del design è molto soggettiva ma si consiglia di basarsi sia sul gusto personale che sulla praticità del design stesso.
  • Memoria interna: RAM e memoria interna sono essenziali, anche se è possibile installare una card che permette di espandere la propria memoria con una esterna, è necessario avere una capacità di memoria interna di almeno 64gb.
  • Schermo: anche la dimensione dello schermo e la tipologia varia in base al gusto personale, tuttavia è consigliabile acquistare uno smartphone che possiede uno schermo di almeno 5,2 pollici. Le tipologie di schermo disponibili sono varie tra cui, quelle più installate sono LCD e AMOLED che si distinguono dalla proiezione della luce. Gli schermi LCD tendono ad essere più luminosi e mostrano meglio il contenuto quando lo smartphone è all’esterno, sotto la diretta luce del sole. Gli schermi AMOLED mostrano contrasti più netti e i colori più saturi.

La scelta di un nuovo smartphone è quindi tutt’altro che semplice, bisogna conoscere i marchi e i prodotti venduti sul mercato, capire le caratteristiche principali come sistema operativo, display, RAM e così via. Se la comprensione di alcune caratteristiche diventa difficile hai sempre la possibilità di affidarti ad esperti che saranno in grado di proporti il modello più giusto in base alle tue disponibilità ed esigenze.

Leggi anche: Una guida alle radiazioni da Smartphone

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close