Fumetti, Comics e Manga

Dark Knight III #5: The Man Of Steel Returns

Seppur con un po’ di ritardo, è anche questa volta arrivato il momento di aggiornare la situazione su Dark Knight III: The Master Race: questo mese vede l’uscita – sugli scaffali americani – del quinto numero della serie (in Italia sarà disponibile il terzo da fine luglio).

Dove eravamo rimasti? La situazione si era fatta parecchio critica: Lara, figlia di Superman e Wonder Woman, passa dalla parte dei Kandoriani, Flash resta con le gambe spezzate dopo uno “scontro” – nel vero senso della parola – con uno dei sopracitati Kryptoniani, Superman in persona viene sconfitto e – sembra – distrutto dopo essere stato rinchiuso in uno strato di materia nera e tutti danno la caccia a Batman.

“E il ballo è domani!!!”

Ma sembra esserci una speranza.
Alla fine del tie-in conclusivo del terzo volume, Batgirl #1, la giovane spalla di Bruce Wayne viene inviata da Aquaman, che sembra essere l’unico in grado di poter fare qualcosa. Ed è proprio da qui che la storia continua.
Dopo aver recuperato Barry Allen – del quale, almeno per ora, non è dato sapere se camminerà ancora o no – la scena si sposta nelle profondità marine, dove Aquaman e Carrie sembrano occupati a recuperare il corpo di Superman, rinchiuso ancora nel blocco di materia, sprofondato nelle profondità oceaniche dopo lo scioglimento dell’intera Fortezza Della Solitudine da parte dei Kandoriani.
Grazie ad un piccolo gadget dato da Batman alla ormai proclamata Batgirl – che è, a conti fatti, un ago dorato sulle cui capacità ci viene detto molto poco, eccezione fatta per il fatto che sia l’unica cosa che possa aiutare L’Uomo d’Acciaio in quel momento – Superman riesce a tornare tra noi, pronto a prendere in mano la situazione, anche contro la sua stessa figlia.

29_09

Ma non è il solo a muoversi.

A Gotham City, ormai sotto il giogo degli invasori, la popolazione è completamente impazzita, dandosi a saccheggi e violenze, nella speranza di catturare il Cavaliere Oscuro e consegnarlo ai nemici per proteggere la città.
Ma se c’è qualcosa che sappiamo è che Batman non è tipo da arrendersi.
Con una entrata in grande stile – in un colpo solo ritornano la Batmobile, già in precedenza vista e l’armatura di The Dark Knight Returns, grandi lacrime per tutti noi – Bruce Wayne si prepara, almeno sembra, ad affrontare l’esercito degli invasori, corredando il tutto con un discorso interiore che ci ricorda quale sia la grande motivazione che lo spinge. E perché sia convinto di vincere.

29_13

E il seguito, effettivamente, ci coglie impreparati.
Con una mossa che sa di passato, una pioggia di Kryptonite artificiale investe tutta la città, indebolendo completamente i Kandoriani; a questo punto ci vuole poco perché il Cavaliere Oscuro possa aizzare la folla esasperata contro gli invasori.

“I have money.” (Cit. Bruce Wayne)

Vero colpo di genio in tutto questo, Flash, usato come un supercomputer in quanto immobilizzato, che coordina i droni incaricati di far piovere la Kryptonite.

29_14

Non resta allora che venire alle mani: mentre la battaglia infuria, Batman è in prima fila quando si tratta di “discutere” con il cattivo di turno, ma le sue condizioni fisiche non tardano a farsi sentire, nonostante l’armatura.

Per fortuna, qualcuno è pronto a dare il cambio.

Dark Knight III end
World’s Finest 2.0

C’è del tamarro in questo? Sicuramente.
Ci piace? SICURAMENTE.

 

Dark Knight Universe: Lara #1

Andando invece a parlare del classico numero conclusivo del Dark Knight Universe a cui siamo abituati, questa volta tocca a Lara #1.

Un numero per alcuni versi diverso dagli altri. Il focus sul personaggio è necessario ma forse eccessivamente leggero – complici anche le poche pagine. Quello che però è importante sapere è la fiera appartenenza alle Amazzoni della ragazza, che non esita a rimarcare ed il fatto che, forse in profondità, c’è un minimo attaccamento agli uomini, forse più di quanto lei stessa creda…

Un numero dunque che, in generale, continua a spingere sempre di più in direzione dello scontro finale e, dall’altra parte, non possiamo che riprendere le dichiarazioni fatte prima dell’uscita per cui, con questa serie, potremo tornare “ad amare Superman”.

Tommaso Mellace

Cresciuto sin dalla tenera età a pane e videogiochi, passa i primi anni della sua vita eliminando astronavi su XataX e sparando raggi laser contro lumache aliene in Commander Keen 4, fino ad entrare in contatto con il variopinto mondo Pokémon, di cui è schiavo tutt’oggi. Grazie ad MTV conosce il mondo giapponese, bombardando il suo cervello di dodicenne con anime quali Trigun e Neon Genesis Evangelion, i cui effetti si riveleranno devastanti. La presa di coscienza dell’esistenza del fumetto americano sarà il colpo finale per la sua vita, che spazia oggi tra una missione di Metal Gear ed un numero di Batman. Appassionato anche di musica, passa il resto della giornata a suonare la sua chitarra elettrica, passando da un riff dei Megadeth al main theme di Legend Of Zelda. Dovendo prendere come punto di riferimento i dati immagazzinati nella sua testa, è autore di diverse trame per altrettanti diversi progetti. Il problema principale è la sua totale pigriza, che lo porta a non scrivere mai nulla di quello che immagina, con conseguente perdita totale di ogni buona idea. Si spera che adesso possa cambiare qualcosa.
Back to top button