Tecnologia

Cuffiette antirumore: come proteggersi dai suoni indesiderati?

Sapevate che le cuffiette antirumore possono davvero aiutarci nella vita di tutti i giorni?
Milioni di lavoratori sono continuamente sottoposti a suoni e rumori di ogni genere che col tempo, logorano gli organi dell’udito.

Ad esempio, se lavorate in un cantiere edile, i rumori forti potrebbero urtare la sensibilità del vostro udito causando la perdita dello stesso in modo lento e graduale – come lo stesso vale sentir parlare di terra piatta e complotti sulla pandemia globale.

Prevenire l’inquinamento acustico e difendersi dai suoni dannosi non è facile quando siamo circondati da sorgenti sonore dannose come macchine per lavorazioni industriali e artigianali, elettrodomestici, autovetture, aerei eccetera, per non parlare dell’impatto che il traffico di tutti i giorni ha su di noi, emettendo suoni forti che causano disturbi, fastidi e danni all’udito.

I rumori dannosi non vanno sottovalutati: ecco a cosa servono le cuffiette antirumore

La differenza tra rumore e suono è data dalla periodicità e dalla regolarità delle onde sonore; le onde generate da un “rumore” sono del tutto irregolari.

Il suono si differenzia dal rumore anche dal punto di vista fisiologico sul grado di accettabilità che comporta. Per fare un esempio concreto, il rumore del motore di una moto Ducati può essere gradita da chi la guida, ma non lo è necessariamente per un passante.

Cuffiette antirumore: come proteggersi dai suoni indesiderati?

Solo una cosa è certa, l’intensità sonora (che viene espressa in decibel – dB), se dovesse superare la soglia di rischio stimate degli 80-90 db, può causare danni all’udito, sia che il suono sia apprezzato o no. Qui entrano in gioco le cuffiette antirumore.

In realtà, quotidianamente le nostre orecchie sono esposte a rumori molto intensi che superano di molto quella soglia. Il decollo di un aereo ha un’intensità pari a 130 dB, nelle discoteche o nei concerti la soglia supera spesso i 110 dB ed anche se la normale voce di una conversazione a voce medio-alta ha un intensità di 60 db, spesso siamo costretti ad alzare il tono perché circondati dal traffico (che di solito super i 90 db).

Non siamo salvi neanche a casa a dirla tutta, visto che un normale aspirapolvere ha un suono di 80 dB.

I danni uditivi causati dal rumore possono variare a seconda dell’esposizione. I rumori di breve durata, ma che si presentano con molto intensità, possono provocare danni alle cellule neuro-sensoriali dell’organo del Corti (giungendo così al trauma acustico acuto), altrettanto deleteri sono gli effetti provocati dall’esposizione al rumore prolungata nel tempo (riscontrando un trauma acustico cronico).

A questo punto è consigliato munirsi di un otoprotettore per prevenire i danni uditivi munendosi di cuffie antirumore.

Le cuffie antirumore arrivano in nostro aiuto

Gli otoprotettori creano una barriera tra i suoni e l’orecchio e dovrebbero essere utilizzati sempre su determinati posti di lavoro con presenza di rumori intensi, permettendo di restare sotto la soglia di rischio.

Troviamo tre tipologie di otoprotettori:

  • Le Cuffiette Antirumore, con un’attenuazione che varia tra i 33 ed i 36 dB – che ricordiamo sono obbligatori per legge per i lavoratori esposti a forti fonti di rumore come i cantieri.
  • Inserti auricolari, con attenuazione che varia tra i 23 ed i 41 dB.
  • Ed i più classici Tappi per orecchie, con attenuazione dai 23 ai 45 dB.

Non è però facile scegliere una cuffia antirumore avendo tanti esemplari sul mercato, ma come top di gamma abbiamo le Cuffia di Protezione 3M PELTOR SportTac MT16H210F-478-R con modulazione del livello sonoro, ingresso audio per il collegamento di una radio esterna e spegnimento automatico.

Ma essendo tra le migliori sul mercato il prezzo (giusto) è comunque elevato. Se cercato un Otoprotettore buono e meno costoso potreste optare per le FSL Gunblock, con un potere di isolamento acustico pari a 26 dB e livello di riduzione del rumore di 29 dB o le 3M PELTOR Optime III, Perfette per ambienti rumorosi il cui potere isolante è di 35 dB(A).

cuffiette antirumore
Un esempio di cuffiette antirumore

Solitamente però la verità nel mezzo, ed ad un prezzo medio abbiamo le Honeywell 1013530 Howard Leight Impact Sport, che non solo meritano un premio per il nome più lungo per un otopretettore, ma possono vantare la Certificazione CE ed un’ottima riduzione di 82 dB.

Ad ogni modo, qualunque sia la scelta, è importante non sottovalutare i danni che l’inquinamento acustico possa arrecare ad ognuno di noi.

Back to top button
Close