Guide

Creare un e-commerce online: ecco cosa devi sapere

Oggi, azienda o un libero professionista che svolge una qualsiasi attività, deve avere un sito internet o un e-commerce dove proporre articoli e servizi. Non ci sono scorciatoie.
Avere un sito internet ha diversi vantaggi e mira a soddisfare i tuoi obiettivi.

Facile a dirsi, è vero, ma difficile a farsi! Non è semplice creare un sito e-commerce e gli aspetti da considerare sono tanti; nel loro insieme, hanno un alto potenziale in termini di visibilità e performance e per questo bisogna rispettare dei requisiti fondamentali.

La consapevolezza che nulla è gratis

Partiamo dalla cruda realtà: nulla è gratis! Una volta che si è consapevoli di questo si è a un buon punto nella creazione del tuo e-commerce. Online ci sono diversi siti che offrono servizi come questo senza spendere 1 euro ma hanno più contro che pro; se guadagni dalla tua attività, devi anche saper investire in strumenti che ti permettono di guadagnare ulteriormente. Questi strumenti sono a pagamento ma con una piccola spesa mensile hai la possibilità di incrementare il tuo business andando a coprire l’investimento.

Aprire un e-commerce vuol dire acquistare un dominio tramite apposite piattaforme (sarà come il tuo indirizzo di casa) su cui costruirai il negozio online; questo prevede un costo mensile o annuale ed è necessario. Ci sono poi altre decisioni da fare come per esempio, che cms installare per consentire la creazione dell’e- shop. Spesso ricade su wordpress, in tal caso vediamo come andrebbe a svilupparsi successivamente la scaletta di cose da fare.

Template e analisi tecnica

Una volta acquistato il dominio con il nome della tua azienda o attività, si passa alla fase successiva che mette sempre un po’ in crisi: la scelta del template.

Come già detto precedentemente, il sito web deve avere come obiettivo quello di attirare l’interesse dell’utente non solo con i prodotti o servizi offerti, ma anche con il proprio aspetto o meglio, con il proprio stile.
I template permettono di risparmiare tempo nella costruzione dell’e-commerce in quanto sono “prefabbricati”, ovvero hanno una home page e diverse sezioni che si possono personalizzare in base alle proprie esigenze ed idee. Per questo è importante che siano quanto più idonei all’idea di progettazione iniziale.

Dunque, si inizi a pensare alla scelta dei colori, lo stile, la posizione delle varie sezioni e alle categorie, le immagini e altro ancora. Tutte queste cose vi saranno chiare una volta che avrete davanti i vari elementi e posizionarli come meglio si crede; è molto importante tenere presente che per far si che un e-commerce faccia il suo dovere, deve essere performante e funzionale, dallo scorrimento tra le categorie alla ricerca degli articoli o servizi. La regola è: professionali ma intuitivi!

Per quanto riguarda l’analisi tecnica, è un lavoro estremamente importante ed è quello che permetterà agli utenti di trovarvi sui motori di ricerca. Solitamente, questo genere di lavoro viene affidato a un esperto del settore (e anche in questo caso non è gratis, ma richiede un investimento) che valuterà il sito e i suoi contenuti e vi aiuterà nel posizionamento su Google e altri search engines.

Qui entrano in gioco diverse figure, a partire dal WebMaster che sviluppa e monitora il sito per conto vostro (qualora non siate già pratici) fino al SEO Specialist, che si occupa appunto dell’ottimizzazione della struttura e dei contenuti, rendendoli efficaci dal punto di vista dell’autorevolezza e del posizionamento nei motori di ricerca.

Le attività di marketing

Non dimentichiamo che anche il marketing ha il suo posto nella creazione di un e-commerce; infatti, per far sì che la tua azienda o attività sia visibile a quanti più utenti possibile, si deve investire in attività di marketing e quindi di promozione. Questa operazione richiede ancora una volta un investimento, ma è necessario soprattutto se si è alle prime armi ed è la prima esperienza. Si può svolgere in autonomia, oppure affidarsi a un professionista del settore che studia e monitora l’attività di marketing anche sui social media.

LEGGI ANCHE:
Bridgestone e Microsoft, collaborazione per la sicurezza delle gomme
Pubblicità, marketing e branding tra imbarazzo della scelta e storia

Back to top button