Cinema, Film e Serie Tv

In attesa della Justice League Snyder Cut parliamo del concetto di ‘Canon’: che cos’è?

È ufficiale. La Justice League di Zack Snyder non farà parte del Canon del DC Extended Universe.
Questa non è sicuramente una sorpresa. I film della DC hanno ampiamente superato la Justice League. Mentre Aquaman e Wonder Woman 1984 si muovono totalmente slegati da quel film, molte delle recenti uscite della Warner sembrano esistere in maniera abbastanza legata rispetto a una sorta di universo troppo condiviso partito con Man of Steel. Anche se Superman è apparso in Shazam!, Henry Cavill no. Birds of Prey è costruito attorno all’assenza di Batman e Joker, anche se Ben Affleck e Jared Leto hanno abbandonato i ruoli nel franchise.

man of steel

Anche al di là della comprensibile voglia di allontanare l’universo esteso dalla versione cinematografica di Justice League, l’idea stessa della Director’s cut apre molte domande sulla meccanica di un universo condiviso. Quando esistono due diverse versioni dello stesso film, quale ha la priorità? Il fascino centrale di un universo condiviso è l’insistenza sul fatto che ogni film è importante e che ogni film fa avanzare la singola narrativa, ma ciò non funziona quando ci sono più versioni alternative.

L’universo cinematografico Marvel lo capisce. La Disney ha imposto uno “stile” cinematografico sui film della serie, sia visivamente che concettualmente. La regista Lucrecia Martel ha rifiutato l’opportunità di dirigere Black Widow quando le è stato detto che le scene d’azione del film sarebbero state gestite dallo studio. L’universo condiviso è prioritario rispetto alle visioni individuali. Edgar Wright si oppose all’idea che la Marvel riscrivesse una bozza della sua sceneggiatura di Ant Man; è stato sostituito da Peyton Reed.

ant man canon

Ci sono molti film di supereroi che offrono tagli estesi o alternativi, da Superman II a Daredevil a Watchmen a X-Men: Days of Future Past. Tuttavia, i Marvel Studios hanno evitato di pubblicare versioni alternative dei suoi film, anche quelli con periodi di postproduzione notoriamente lunghi come The Incredible Hulk o Avengers: Age of Ultron. Questa è una scelta audace, dato quanto denaro circola all’interno di questo mercato. È una dichiarazione di principio, piuttosto che un semplice calcolo finanziario.

Come il rifiuto di George Lucas di rilasciare i tagli originali di Star Wars, la decisione di preservare l’integrità delle versioni cinematografiche di questi film è un esercizio di branding.

C’è qualcosa di encomiabile nell’idea che non esista una singolare interpretazione definitiva di una determinata proprietà della cultura pop. Il mantenimento di un’unica narrativa coerente ha sfumature quasi religiose. I termini “canone” e “apocrifo” non vengono applicati per coincidenza. Se Grant Morrison ha ragione sul fatto che i supereroi hanno soppiantato la mitologia, allora l’attenta coltivazione aziendale della continuità è un atto equivalente alla selezione dei vangeli scelti? Un canone gospel a quattro colori?

Che cos’è il Canon?

Questa non è una novità. “Canon” è stato a lungo utilizzato per far rispettare l’ortodossia all’interno di franchising. Richard Arnold si è affermato come curatore del canone di Star Trek, dichiarando notoriamente non-canonici sia i romanzi tie-in che la serie animata. Ha anche usato la sua autorità per opprimere coloro che non si sarebbero sottomessi alla sua idea di cosa fosse Star Trek, come scrittori come Peter David o Diane Duane. Dopo che Arnold se ne fu andato, le idee dei romanzi e del cartone animato tornarono alla continuità.

Questo è vero anche per i film all’interno del cosiddetto “Snyderverse”.

Non si tratta di difendere a fondo questi film, che probabilmente continueranno a servire come punto focale di discussione e dibattito per gli anni a venire. Piuttosto, è importante sottolineare che è bene avere uno spazio nel quale possano prosperare interpretazioni alternative e contrastanti di questo tipo di personaggi. Se tanta tensione nella moderna cultura dei fan deriva da discussioni su ciò che è e non è “canone”, allora forse il canon non ha motivo di esistere

Se l’unico scopo del canon è quello di escludere piuttosto che di espandersi, per delimitare i confini di ciò che è ritenuto accettabile e ammissibile con questi personaggi immaginari, allora vale la pena chiedere a che serva alla fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button