Fumetti, Comics e Manga

Convergence: secondo appuntamento con la fine del Multiverso

A distanza di un mese dal primo numero dell’edizione italiana, è arrivato nelle nostre edicole il secondo numero di Convergence, l’ultimo maxi-evento di casa DC. Dopo essere riusciti a mettere le nostre mani su una copia, d’obbligo è il tirare le somme su quanto visto fino ad ora.

Avevamo già parlato della prima uscita, contenente il numero zero ed i primi due numeri della pubblicazione americana. Il secondo volume raccoglie, come era prevedibile, la seconda metà del numero 2 ed i numeri 3 e 4 della serie – anche se il numero 4 è stato “alleggerito” di quattro pagine rispetto all’originale; pagine che saranno poi incluse nel prossimo.

Riprendendo la battaglia esattamente dal punto in cui l’avevamo lasciata, il volume ci presenta gli eroi di Terra-2 intenti ad attaccare Telos, dopo che ques’ultimo era riuscito ad imprigionarli. Lo scontro porterà ad un nulla di fatto, visto che l’antagonista riuscirà senza problemi a scappare dal campo di battaglia. Green LanternAlan Scott, qui Avatar del Verde; lo avevamo detto, ricordate? – cercando di rispondere agli attacchi, riesce a connettersi con l’energia del pianeta che, per quanto aliena sia, riesce ad essere utile, connettendolo allo stesso Telos e facendogli capire che, in fondo, anche lui teme qualcosa…

Intanto, Batman e Dick Grayson, riunitisi sul campo di battaglia, si dirigono verso una delle Gotham City più vicine, palcoscenico di uno dei momenti migliori: l’incontro tra Thomas e Bruce Wayne nei meandri della Bat-caverna.
Nessun dialogo viene scritto tra i due, lasciando il tutto solo ai pensieri di Dick, che prende qui il ruolo del narratore ed all’immaginazione del lettore, in una scena in cui un padre ed un figlio riescono a riunirsi con la consapevolezza, allo stesso tempo, di non essere l’uno la parte mancante dell’altro.

Convergence (2015) 002-021
Intanto il gruppo di Terra-2 trova, durante una ricognizione, un nuovo personaggio: il misterioso Deimos; questi si presenta agli eroi come una possibilità di salvezza, l’unico a sapere come fermare il piano di Telos e Brainiac.
Sarà proprio grazie a lui che gli eroi scopriranno la città di Skartaris, sotto la superficie del pianeta stesso. Una città sconvolta da guerre interne presa sotto scacco dal malvagio tiranno Warlord.

Convergence (2015) 003-016 All’esterno, intanto, Batman e Grayson sono costretti a difendersi dall’attacco di alcuni vecchi e nuovi nemici che, avendoli seguiti da Gotham City appena lasciata, vogliono prendersi la loro vendetta uccidendo, se non il loro Batman, un Batman qualunque. Incapace di poter fronteggiare tutti gli antagonisti, Thomas Wayne sacrifica la sua vita, facendosi esplodere, salvando dall’attacco il giovane Dick, che viene però raggiunto dal Joker – non il nostro, ma sono tutti folli il giusto – che lo colpisce di sorpresa sparandogli e paralizzandolo – ho letto un altro bel fumetto in cui succede una cosa del genere, non so se state pensando a quello che sto pensando io.

16
Ma non divaghiamo…

Proprio quando sembra essere arrivata la fine anche per il nostro beniamino, Telos si presenta dal nulla uccidendo Joker e salvando Dick, unico superstite – ad eccezione degli eroi – di Terra-2 che, resistendo fino a quel momento, ha dimostrato di essere degno di sopravvivere nel nuovo mondo.

Intanto, anche all’interno del pianeta le cose precipitano e ben presto le vere intenzioni di Deimos diventano chiare: con l’aiuto inconsapevole degli eroi vuole prendere il controllo della città, legata, in qualche ancora oscura maniera, a tutto quanto sta avvenendo…

Le sorprese di certo non mancano in questo secondo numero; anzi, in alcuni punti ci sembrerà forse di perdere di vista la trama principale, per spostare il fuoco dell’attenzione verso altri avvenimenti.
Di certo, qualsiasi sia la nostra opinione, siamo ben lontani dalla fine dell’evento ed ancora molte potranno essere le sorprese…

Tommaso Mellace

Cresciuto sin dalla tenera età a pane e videogiochi, passa i primi anni della sua vita eliminando astronavi su XataX e sparando raggi laser contro lumache aliene in Commander Keen 4, fino ad entrare in contatto con il variopinto mondo Pokémon, di cui è schiavo tutt’oggi. Grazie ad MTV conosce il mondo giapponese, bombardando il suo cervello di dodicenne con anime quali Trigun e Neon Genesis Evangelion, i cui effetti si riveleranno devastanti. La presa di coscienza dell’esistenza del fumetto americano sarà il colpo finale per la sua vita, che spazia oggi tra una missione di Metal Gear ed un numero di Batman. Appassionato anche di musica, passa il resto della giornata a suonare la sua chitarra elettrica, passando da un riff dei Megadeth al main theme di Legend Of Zelda. Dovendo prendere come punto di riferimento i dati immagazzinati nella sua testa, è autore di diverse trame per altrettanti diversi progetti. Il problema principale è la sua totale pigriza, che lo porta a non scrivere mai nulla di quello che immagina, con conseguente perdita totale di ogni buona idea. Si spera che adesso possa cambiare qualcosa.
Back to top button