Scienza

Cometa di Borisov: curiosità e date per l’incontro “interstellare”

E’ ufficiale: le notizie riguardanti una nuova scoperta interstellare sono realtà! L’Unione Astronomica Internazionale (IAU) ha confermato che l’oggetto formalmente noto come C / 2019 Q4 (Borisov) proviene effettivamente da un altro sistema solare, e lo ha rinominato in 2I / Borison. È il secondo oggetto mai osservato oltre il nostro sistema solare, dopo la scoperta di Ouamuamua nell’ottobre 2017.

L’orbita è ora sufficientemente nota e l’oggetto ha origine inequivocabilmente interstellare; ha ricevuto la sua designazione finale come secondo oggetto interstellare, 2I.

Ha scritto la IAU in una dichiarazione.

L’oggetto è stato scoperto il 30 agosto dall’astronomo Gennady Borisov, da cui prende il nome. A differenza del suo predecessore Ouamuamua, sarà osservabile per un lungo periodo di tempo. A giudicare dalla sua coda corta e dall’aspetto sfocato, si tratta presumibilmente di una cometa.

cometa di borisov
Immagine del 2I/ Borisov, ottenuta grazie al Gemini Multi-Object Spectrograph su Gemini North Telescope (Crediti: IAU)

Secondo quanto dichiarato dal ricercatore della NASA, Davide Farnocchia,

la velocità dell’oggetto è nettamente superiore a quelle registrate per oggetti simili nel sistema solare. Ciò indica non solo che l’oggetto probabilmente ha avuto origine dall’esterno del nostro sistema solare, ma anche che lo lascerà e tornerà nello spazio interstellare.

All’inizio di questo mese, la JPL della NASA ha dichiarato che 2I / Borisov è a circa 260 milioni di miglia dal Sole. Raggiungerà la massima vicinanza al Sole, ovvero il suo perielio, l’8 dicembre 2019, data in cui si posizionerà a 190 milioni di miglia dal Sole.

I ricercatori hanno recentemente teorizzato che 21 / Borisov potrebbe essere intercettato utilizzando la tecnologia esistente e studiato per determinare diversi aspetti al riguardo, ad esempio se si tratta di una cometa o di un asteroide.

Grandi analisi telescopiche in grado di scansionare regolarmente grandi frazioni di cielo potranno aiutarci nel prossimo futuro a rispondere a queste domande e ad altre ancora

Ha scritto IAU sul suo sito web.

Leggi anche:
Cometa aliena di Borisov in visita per fine anno
Perseidi: tutto quello che c’è da sapere sulle “stelle cadenti”
Le spettacolari immagini della Meteora verde

Martina Cappello

Da studentessa non esattamente modello di Ingegneria dell'informazione, passo il mio tempo tra libri della facoltà, film d'autore e serie tv. Tra i miei interessi si distingue l'amore per l'universo di Twin Peaks, di Lynch in generale, della musica e della filosofia.
Back to top button