Guide

Come realizzare una brochure azienda ad hoc (GUIDA)

Le brochure sono uno degli elementi fondamentali per un’azienda o start-up che vuole farsi conoscere o promuovere la propria attività e i prodotti. Un semplice opuscolo ma altamente efficace nel mandare all’utente finale un messaggio chiaro e coinciso che lo spinge all’azione.

Ma è anche vero che affinché venga realizzata, una brochure deve essere impostata in un certo modo, ponendo attenzione a molti particolari; nell’insieme, i tanti aspetti che la compongono ne definiscono l’efficienza.
Vediamo come impostarlo e a cosa rivolgere particolare attenzione nella realizzazione di una brochure azienda di design.

L’impostazione e lo scopo finale è fondamentale per una brochure efficace

Prima di iniziare a utilizzare un programma per l’impostazione del vostro opuscolo, è bene aver chiaro lo scopo finale; se il vostro intento è farvi conoscere come azienda, è abbastanza chiaro che bisognerà sponsorizzare un servizio preciso o una promozione. Comprendendo questo concetto, si può iniziare a bozzare una prima brochure, con le principali idee e informazioni che si desidera esporre.

E’ importante inserire la giusta quantità di elementi, così da non farlo sembrare troppo pieno o troppo vuoto. Diversi programmi offrono delle brochure pre-impostate e da personalizzare, ma basta poco a farla da zero. Un’immagine è consigliata, magari quella che rappresenta la vostra azienda con il logo o ancora qualcosa legata al servizio che si offre, magari puntando a stimolare delle emozioni (o comunque delle reazioni nei fruitori).

A ogni immagine va associato un testo, altro dettaglio da non sottovalutare.

Evidenziare gli obiettivi e usare un layout accattivante

L’immagine fa sicuramente parte del lavoro, con l’aspetto visivo si anticipa l’argomento principale. Ecco perchè il corpo del testo deve avere una lunghezza limitata ma chiaro nell’esporre all’utente finale i macro e i micro obiettivi. Il carattere del testo ha anche il suo peso in questo lavoro, come l’uso di caratteri speciali e il colore e i giusti spazi tra un paragrafo e l’altro. Anche le infografiche sono un valido aiuto – e a volte anche sostituto – per esporre concetti e obiettivi.

Il testo deve essere informativo e non autocelebrativo, aspetto importante per non disorientare il lettore; l’obiettivo è quello di attirare l’attenzione dell’utente proponendogli un prodotto che gli garantisce una soluzione ai suoi bisogni. Attenzione anche all’uso del linguaggio, bisogna trovare il giusto compromesso tra tecnicismo e semplicità nella comprensione di ciò che si offre, in quanto la brochure è destinata a un vasto pubblico.

Altro aspetto importante e che ha un grande impatto visivo è il layout; deve essere accattivante e originale così da lasciare il segno e spingere il cliente a tenere la brochure con sè come oggetto da collezione. Qui ruolo fondamentale lo gioca anche la qualità della carta su cui viene stampata; ricorda che una brochure è come un biglietto da visita della tua azienda.

Leggi anche:
Stampare etichette online è possibile? I 3 siti web più affidabili

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button