Guide

Come lavorare da casa senza impazzire?

Sei passato di recente allo smart working? Allora probabilmente hai capito che non è una cosa così fantastica come sembrava a prima vista. Ecco allora alcuni consigli su come gestire il lavoro da casa nel lungo periodo.

Quali sono gli svantaggi di lavorare da casa?

Lavorare da casa – spesso chiamato anche “smart working” – era un sogno precedentemente non disponibile per la maggior parte degli impiegati, ai quali il datore di lavoro richiedeva una presenza permanente sul posto di lavoro. Ma l’epidemia di COVID-19 ha cambiato tutto, e anche chi non si preoccupava di questa opportunità ha dovuto improvvisamente farci i conti.

Devi creare un ufficio a casa

Non tutti hanno lo spazio in casa per poterci lavorare a pieno. E così sono stati creati vari uffici improvvisati sul tavolo da pranzo, o anche sul tavolo da conferenza o sul divano del soggiorno.

Una tale soluzione può aiutare a risolvere un problema acuto a breve termine. Ma è insostenibile nel lungo periodo. Pertanto, i dipendenti hanno dovuto riservare una stanza separata per il lavoro o, ad esempio, allestire un’area di lavoro all’interno del soggiorno.

Nella maggior parte dei casi, è stato un compromesso che all’improvviso ha sottratto spazio prezioso all’appartamento e l’intera famiglia, soprattutto nel caso di appartamenti più piccoli, si è dovuta sentire stretta in casa propria.

Il datore di lavoro non ha contribuito per tutti oltre all’attrezzatura. E investire in una scrivania di qualità, una comoda sedia da ufficio, un monitor esterno, una tastiera e un mouse non è qualcosa che andrebbe trascurato. Senza di loro, rischiamo problemi con il sistema muscolo-scheletrico. Non è proprio appropriato posizionare un tavolino nell’angolo della camera da letto accanto all’armadio. Ci sediamo in una posizione innaturale davanti al computer e possono verificarsi mal di testa, alla colonna lombare e altre parti del corpo.

Lavorare in presenza di bambini piccoli? Difficile

Soprattutto nei giorni del lockdown durante il COVID-19, se le scuole e gli asili nido erano chiusi, era molto difficile prendersi cura dei bambini e allo stesso tempo lavorare da casa. La stessa situazione si verifica durante le vacanze o nel caso di bambini più grandicelli che tornano da scuola mentre si sta ancora lavorando. Conciliare il lavoro da casa con un elemento dirompente sotto forma di bambino non è semplicemente facile.

Mancanza di contatti con i colleghi

Finora, le telefonate e le videoconferenze non sono state in grado di sostituire completamente il contatto personale sul posto di lavoro. Possiamo sentirci soli a casa. Per alcune professioni è necessario anche il contatto personale con i colleghi. Nemmeno i superiori hanno più una panoramica del tuo lavoro come un tempo. Potrebbero essere meno in grado di apprezzare i tuoi sforzi o, al contrario, supportare le tue prestazioni.

Cerca soluzioni adatte

Fortunatamente, ognuno di questi problemi ha una soluzione. Lavorare da casa ha molti vantaggi e sarebbe un peccato rinunciare completamente a questa opzione. Abbiamo già descritto la soluzione al primo problema: allestisci in casa uno studio a tutti gli effetti, in cui ti sentirai soddisfatto e non limiterai il tuo lavoro e nemmeno la tua salute.

Fortunatamente, il secondo problema è in gran parte risolto. Le scuole stanno ricominciando a funzionare di nuovo e puoi stabilire confini chiari con i bambini più grandi attraverso una discussione sensata. In breve, non devono disturbarti durante il tuo lavoro a meno che non ci siano seri motivi per farlo.

E risolvi l’ultimo problema trascorrendo solo parte della settimana presso lo “smart working”. E trascorrerai almeno un giorno alla settimana in ufficio con altri colleghi.

Leggi anche:
Lavorare da casa: come e cosa fare? I pro e i contro
PC e ufficio: quali sono i software e gli accessori da avere per lavorare meglio
Verniciare casa per stimolare il benessere psicofisico: ecco i colori giusti
Come si configurerà il mondo del lavoro nel prossimo futuro? Alcune previsioni tra smart working e digitale

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button