Fumetti, Comics e Manga

Come Batman Anno Uno ha influenzato i film di Nolan

Batman Anno Uno di Miller esercita una certa influenza sull'opera del Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, vediamo come

Batman Anno Uno probabilmente è in lizza per essere la migliore storia dell’uomo pipistrello di tutti i tempi, insieme all’opera definitiva di Frank Miller, The Dark Knight Returns.

Se su quest’ultima, Miller si concentra sull’eventuale fine della crociata del personaggio contro il crimine, qui si concentra sull’origine del personaggio.

Iniziando dall’origine di una pagina di Batman # 1, Miller porta il suo acuto occhio alla psicologia di Batman, ma anche al mondo in cui Batman si muove.

Non è la costruzione gotica di Tim Burton a entrare in scena nel fumetto, ma un sudicio pozzo nero come quello di Christopher Nolan.

Nel mondo in cui Miller ritaglia l’eroe, i suoi più grandi avversari non sono i mostri sfigurati, ma l’architettura dell’avidità e della corruzione che definisce Gotham.

Miller riesce a quasi radicare il personaggio nella realtà. Il suo Bruce Wayne è al limite, al culmine della sanità mentale.

Fa bene a condividere la sua narrazione con il nuovo luogotenente Jim Gordon che offre una visione convincente della corruzione istituzionale e dell’innesto che rende praticamente impossibile il cambiamento in città senza mezzi estremi.

Ci dà una logica quasi sana dietro al perché un uomo normale si veste come un pipistrello e combatte il crimine. Ci fa quasi credere che The Batman potrebbe esistere.

Da Batman Anno Uno
Da Batman Anno Uno

Il cinismo dello scrittore è ben noto. Eccelle per i duri. Basta guardare Sin City per vedere l’idea portata all’estremo, ma Miller ha sempre voluto esplorare come un evento specifico possa annientare l’individuo più nobile, non importa quanto sia forte.

Confrontate il suo lavoro su Daredevil , in cui l’eroe non può affrontare Kingpin perché si è così profondamente integrato nell’infrastruttura di New York.

C’è qualcosa di tragico nella storia di un brav’uomo che viene abbattuto. L’aspetto particolare di Miller, tuttavia, è che a volte un eroe deve battere la città

Miller ottenne molto credito per aver salvato il personaggio e la figura di Batman dallo show televisivo con Adam West degli anni ’60.

Non tutto è dovuto interamente a lui – Denny O’Neil stava riportando il personaggio alle sue radici prima che Miller si presentasse.

Quello che Miller ha fatto è stato rielaborare il vigilante per una generazione moderna. Non era solo la folla o il crimine contro cui Batman si opponeva, era l’apatia istituzionale o persino la corruzione.

Qui, Batman fà la sua apparizione durante una festa a casa del sindaco per consegnare uno straordinario ultimatum: nessuno è al sicuro . Questo è un personaggio che opera al di fuori del sistema non semplicemente per migliorarlo, ma per correggerlo.

La storia è relativamente breve – raccontata su quattro numeri. Ma Miller riesce a raccontare le vicende in modo conciso.

I singoli panel si concentrano su eventi importanti e fondamentali. Si fida dei suoi lettori per coglierne la differenza.

Per raccontare una storia così epica in così poche pagine, Miller dimentica alcune delle basi fondamentali di The Dark Knight Returns. C’è relativamente poco dibattito sul Batman come una forza all’interno della città, buona o cattiva.

Miller sottintende che la città potrebbe dividersi per la sua presenza (rendendo Harvey Dent un alleato nascosto per il vigilante, mentendo a Gordon per proteggerlo), ma afferma che praticamente Batman è una forza eterna a Gotham .

Sebbene possa mancare della profondità tematica della sua controparte, Anno Uno è una storia molto più avvincente, che si struttura da sola.

Miller accelera le sequenze d’azione e i singoli personaggi e le motivazioni, dandoci un’idea dell’impatto dell’arrivo della figura mascherata che sta avendo all’interno della città.

La storia è sempre in crescita, basata su eventi minori che portano a eventi più grandi e a eventi ancora più grandi. È un thriller poliziesco di base, ma è ancorato a due affascinanti protagonisti.

Come Batman Anno Uno ha influenzato i film di Nolan
In Batman Anno Uno, anche il personaggio di Gordon si muove su dei binari più “introspettivi”

Il personaggio di Gordon si muove attraverso la storia fornendone senza dubbio il cuore. Gordon è nuovo in città, e lotta solo per muoversi: un poliziotto onesto in una città disonesta.

Ha i suoi difetti – è implicito che lo abbiano trasferito a Gotham – ma cerca di fare ciò che è giusto. Miller ci regala uno dei momenti migliori della dinamica tra Gordon / Batman quando risponde perché Gordon non è mai stato troppo interessato all’identità del Caped Crusader della città.

Questa è la Gotham che vedremo grazie a Christopher Nolan. Per quanto David Goyer possa negare che Begins non sia un adattamento di Batman Anno Uno, prende molto dalla storia.

Dai personaggi della polizia come il Commissario Loeb e il Detective Flass fino al “back up” contro la squadra SWAT, in queste pagine c’è un’influenza molto pesante per Nolan che permette al mito di prendere vita sul grande schermo. Influenza questo primo film come The Long Halloween lo è in The Dark Knight .

Detto questo, per chiunque voglia avvicinarsi a Batman questa e’ la storia giusta.

Back to top button