Cinema, Film e Serie Tv

Cinema in questo week-end, un paio di sorprese

Secondo alcuni esperti di cinemologia, i mesi di luglio e agosto rappresentano il momento più ghiotto (non per forza qualitativo) in quanto a numero di film in programmazione nelle sale di tutto il mondo.
Cosa succede, dunque, all’approssimarsi dell’autunno?
Una programmazione più fiacca ma non priva di qualche piccola sorpresa è il risultato che troviamo tra il ponte che separa i periodi più critici, estate e fine anno.
Ma non vi preoccupate, ci penseremo noi a tenervi aggiornati su cosa vale la pena pagare il biglietto!

Giusto in questo fine settimana, abbiamo due film niente male la cui visione è più che consigliata.
Non perdiamo altro tempo e scopriamo di cosa si tratta:

Southpaw – L’ultima sfida
2Dalla locandina sembrerebbe l’ennesimo film ispirato a Rocky.
Considerando poi che sta per uscire uno spin-off della famosa serie di Silvester Stallone,dal titolo Creed, in molti potranno pensare che “L’ultima sfida” sia solo un tentativo di concorrenza lanciato sull’onda dell’hype. E invece non è affatto così.
Prima cosa di tutto, il film di Antoine Fuqua (stesso regista di Attacco al potere e The Equalizer), non è solo un film a tema sportivo ma è un vero e proprio action movie che riprende le vicende di un padre costretto a domare la sua vita tempestosa. Il protagonista è interpretato da un fantastico Jake Gyllenhaal, per la prima volta nelle vesti di un pugile e aggiungerei anche alquanto alternativo.
Voto: 3,5 su 5
Una prova ampiamente superata da Fuqua

Operazione U.N.C.L.E.
1Durante la guerra fredda, i servizi segreti americani decidono di mettere insieme una squadra formata da un agente statunitense e uno sovietico per fermare la minaccia di una nuova arma distruttiva.
Detto così, niente di eccezionale. Ma il film di Guy Ritchie nasconde al suo interno ben altro. Prima cosa di tutto è una moderna rivisitazione della serie televisiva cult anni 60′ chiamata Organizzazione U.N.C.L.E., cosa che se il botteghino vorrà potrebbe significare la serializzazione degli appuntamenti sul grande schermo.
A parte le solite critiche che possiamo fare circa la crisi di idee hollywoodiana, c’è da dire che il film è davvero ben fatto risultando molto gradevole da seguire nella sua fluidità generale.
Uno stile molto elegante, a tratti noir (non possiamo evitare riferimenti a 007), è il colpo di fioretto finale.
Voto: 3 su 5
Un film divertente che riesce a mantenersi “sofisticato” nonostante la sua caratteristica genuinità

E adesso citiamo anche gli scarti. Si, i film che non vi consiglieremmo neanche se ci pagaste. Anzi, se ci pagaste forse si.
Eccoli:
Sinister 2 (Horror movie, nel senso che fa orrore talmente è brutto.)
Città di carta (Un teen movie americano… )
Ant-Man (A furia di sfornare eroi, la Marvel si è dovuta buttare sugli insetti perchè avevano finito tutti i mammiferi.)
Minions (Se siete dei bambini di un’età compresa tra gli 0 e i 7 anni va bene, altrimenti usatelo solo per fare uno scherzo a un amico.)

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button