Consigli per Gli Acquisti

Casco modulare: cos’è e perché potrebbe servirtene uno?

Un vero motociclista sa che la scelta del casco più adatto è cruciale, e sicuramente un elemento da non sottovalutare.

Il casco è l’unico vero sistema che protegge la nostra testa da impatti ed urti in caso di caduta e la scelta di un buon casco può fare davvero la differenza tra la vita e la morte.

Per fortuna, nella scelta del casco migliore, il mercato ci propone davvero tante possibilità e tra le più gettonate troviamo i caschi modulari (che si dividono in Crossover ed Apribile).

Cos’è un casco modulare?

I caschi modulari sono caschi integrali caratterizzati da una mentoniera in grado di ribaltarsi e/o aprirsi per offrire una maggiore comodità a chi lo indossa e che permette di ampliare notevolmente il campo visivo.

In parole povere, i caschi modulari rappresentano la migliore soluzione permettendo di godere sia della sicurezza di un casco integrale sia della comodità di un casco Jet (come l’ottimo casco Shoei Neotec). Prima di comprare un casco modulare però è importante conoscerli bene per avere un quadro più chiaro prima di effettuare la scelta. I caschi di questo genere si dividono in: Crossover ed Apribile.

Gli “Apribili” hanno la mentoniera che può essere sollevata e/o rovesciata all’indietro, così da spostarla pur mantenendola collegata al casco, mentre nei “Crossover” la mentoniera può essere asportata diventando di conseguenza un casco aperto.

In termini di omologazione quindi è bene specificare che si potrebbero trovare sia caschi modulari con omologazione “J” (quindi Jet) e caschi modulari con omologazione “P” ovvero integrali, mentre altri saranno P/J integrando entrambe le certificazioni.

Una volta capito cos’è un casco modulare non ci resta che capire quale sia il migliore sul mercato.

Migliori Caschi Modulari sul mercato

Tra le migliori scelte che il mercato ci offre sul fronte dei caschi modulari troviamo l’AGV SportModular (orgoglio Nostrano) che è omologato come integrale (P). Grazie alla calotta in fibra di carbonio il peso dello stesso è estremamente basso (si aggira sui 1.290 g) disponibile in tre misure di calotta per ogni tipo di testa. La piccola ala posteriore è integrata e regolabile, proprio come il sistema di ventilazione, mentre il sistema di chiusura è a doppio anello e la mentoniera si solleva fin oltre la fronte con un rapido gesto.

Sempre per le aziende italiane abbiamo Nolan N100-5, l’apribile top di gamma, con doppia omologazione P/J mette a disposizione due calotte per coprire tutte le taglie disponibili. Offre una visiera estremamente ampia dove non manca il visierino interno parasole, retraibile, e con un ottimo sistema di ventilazione. Tra le tante comodità troviamo il casco predisposto per il sistema di comunicazione N-Com.

Tra i caschi modulari troviamo il nuovo Neotec che sta rivoluzionando il mondo del motociclismo. Con il nuovo Neotec è stato realizzato un nuovo concetto di casco modulare con visierino interno, concepito in modo da non sacrificare la sicurezza di chi lo indossa, ma riducendo lo spessore della calotta interna in EPS nella parte frontale. In termini di rapporto comodità sicurezza non ha eguali.

casco modulare

Per concludere parliamo dello Shark Evo-One 2. L’azienda Shark può in pratica vantare di aver inventato la doppia omologazione P/J essendo stati i primi a lanciare questo genere di prodotti sul mercato. Esso sfruttava un particolare sistema di ribaltamento della mentoniera, in grado di ruotare di 180° bilanciandone così il peso, oggi invece ha un sistema automatico che sposta la mentoniera da solo.

Leggi anche:
Un futuristico casco per proteggersi dal Coronavirus arriva sul mercato (VIDEO)

Back to top button