Cinema, Film e Serie Tv

Blade Runner e The Thing: alla riscoperta dei cult

Nel Giugno 2022 ricorreva un anniversario molto speciale per gli appassionati di cinema. Segna il 40° anniversario di Blade Runner e The Thing. Il 25 giugno 1982, due classici della fantascienza americana furono distribuiti nei cinema americani. Ovviamente nessuno lo sapeva all’epoca. Entrambi i film sono stati un flop clamoroso.

Le recensioni erano miste nel migliore dei casi e brutali nel peggiore. Sul New York Times, Vincent Canby ha definito The Thing “un film sciocco e deprimente” e Janet Maslin ha descritto Blade Runner come “un film che non ha né personaggi forti né una storia forte“. All’epoca, Richard Corliss ha riassunto Blade Runner come “un organismo bellissimo e mortale che divora la vita“. Roger Ebert ha liquidato The Thing come “solo uno spettacolo inutile, un film disgustoso in cui gli adolescenti possono sfidarsi l’un l’altro a guardare lo schermo“.

Il pubblico non è stato più gentile. Nessuno dei due film è riuscito a far cadere ET dalla vetta del botteghino nel suo terzo fine settimana. The Thing è stato annoverato tra gli “ovvi ” perdenti dell’anno al botteghino, e l’accoglienza ha spaventato la Universal a tal punto che il regista John Carpenter è stato strappato dal suo adattamento di Firestarter. Più di un decennio dopo la sua uscita, Blade Runner era ancora appeso al collo del regista Ridley Scott come “una delusione al botteghino, disprezzata dal pubblico“.

Tuttavia, la reputazione di questi film è cresciuta lentamente nel decennio successivo. La tv e i noleggi sono stati una parte importante di questo, consentendo a Blade Runner e The Thing di farsi strada nelle mani di un pubblico giovane e desideroso che non l’ha visto al cinema. Questi sono diventati film di culto nel senso più puro del termine, indicatori di un certo senso del gusto tra le giovani generazioni di pubblico, fino a quando non sono stati completamente riabilitati.

cult

Mentre si è tentati di sostenere che Blade Runner sia stato riabilitato dall’uscita dei vari tagli alternativi del film, è vero il contrario. Quei tagli alternativi sono avvenuti solo perché il film aveva conquistato abbastanza pubblico da convincere lo studio che meritava un altro sguardo. Nel 1990, Blade Runner aveva accumulato abbastanza fan che c’erano file in giro per l’isolato per proiezioni speciali di un primo montaggio portato alla luce del film sia a Los Angeles che a San Francisco.

Dopo queste proiezioni, i fan hanno scritto lettere alla stampa per fare appello a una riconsiderazione popolare del film e per pregare la Warner Bros. di “rilasciare una director’s cut del regista”. Nel 1992, il film aveva accumulato abbastanza “reputazione e potere” che lo studio ha commissionato a Scott un vero e proprio taglio da regista. Sul Los Angeles Times, il critico Michael Wilmington ha affermato che il film “potrebbe essere il miglior ‘nuovo’ film americano uscito quest’anno”.

La passione del pubblico per The Thing e Blade Runner è cresciuta così tanto nei decenni successivi che gli studios hanno fatto il raro passo di commissionare nuovi lungometraggi alle due delusioni al botteghino. Lo sceneggiatore Eric Heisserer ha affermato che The Thing era un tale “terreno sacro” che non poteva essere semplicemente rifatto, sarebbe stati come dipingere “i baffi sulla Gioconda”. Quindi, The Thing ha invece avuto solo un prequel.

Blade Runner ha dovuto aspettare un po’ di più per ottenere un sequel, ma Blade Runner 2049 è arrivato nelle sale nell’ottobre 2017.

Tuttavia, è interessante chiedersi se qualcosa del genere, come successo a Blade Runner e The Thing, potrebbe accadere oggi

Sarebbe possibile che un film poco recensito e con prestazioni inferiori al botteghino venisse rivendicato come un vero capolavoro del genere? Inoltre, potrebbe succedere a due film usciti nello stesso fine settimana? O il paesaggio è cambiato così tanto nei decenni successivi che una tale riabilitazione è completamente impossibile?

Per essere chiari, Internet è pieno di critici che argomentano le delusioni al botteghino poco recensite come capolavori incompresi. Alcuni di questi argomenti sono persino convincenti, per film come Il corpo di Jennifer, Southland Tales o In the Cut. Tuttavia, Internet è così vasto e così vario che si possono trovare quasi tutti gli argomenti che si vogliono. Questi film rimangono, nella migliore delle ipotesi, divisivi.

Sembra che la finestra per questo tipo di riabilitazione si spenga verso la fine del millennio. Fight Club potrebbe essere uno degli ultimi film a intrufolarsi dalla finestra. Al Los Angeles Times, Kenneth Turan si è lamentato del fatto che il film fosse “così vacuo e vuoto da essere più deprimente che provocatorio”, mentre Desson Howe al Washington Post ha affermato che “ha ceduto all’inflazione delle storie di Hollywood”. È stato bombardato al botteghino ma ora è considerato il film cult della sua epoca .

C’è una ragione ovvia per cui è diventato più difficile riabilitare i film negli ultimi decenni: Internet. In passato, gran parte del giornalismo mediatico era sia effimero che lento. Le recensioni sono state pubblicate il giorno del rilascio, con articoli e corrispondenza che si sono svolti nel corso di settimane e mesi. Quando Bosley Crowther ha voluto offrire una seconda opinione sul dottor Stranamore sul New York Times, ha aspettato più di due settimane dopo la sua recensione originale .

recensione film

In questi giorni, il ciclo dei media gira incredibilmente rapidamente. Per chiunque segua una conversazione cinematografica online, può sembrare che decenni di discussioni siano stipate nel weekend di apertura. In alcuni casi, un film può sperimentare clamore, lodi, festeggiamenti, contraccolpo e un contraccolpo a quel contraccolpo prima di aver pubblicato i dati finali al botteghino nel weekend di apertura. Può sembrare che tutto ciò che si potrebbe dire su un film sia stato detto sul film mentre è ancora in versione iniziale.

C’è una certa ironia in tutto questo, poiché ormai le recensioni sono registrate. A meno che uno non avesse una macchina del tempo o fosse disposto a scavare negli archivi di una biblioteca locale, sarebbe difficile per un membro occasionale del pubblico che vede Blade Runner o The Thing in home video o in televisione a tarda notte alla fine degli anni ’80 sapere cosa pensavano di questi film il New York Times o il Los Angeles Times. Al contrario, Internet offre un archivio di opinioni più permanente (e facilmente ricercabile).

Al giorno d’oggi, il consenso della critica su un determinato film può essere accertato da una rapida ricerca dal telefono che la maggior parte delle persone tiene in tasca. Inoltre, l’avvento di servizi di aggregazione come Metacritic ha ridotto i film a una metrica facilmente digeribile. Rotten Tomatoes lo riduce ulteriormente a un semplice binario: fresco o marcio. Gli algoritmi dei social media promuovono contenuti destinati a rassicurare e convalidare l’utente, in modo da rafforzare il consenso piuttosto che sfidarlo.

Non è solo un problema per il pubblico. Per critici ed esperti, anche offrire un’opinione su un film su un sito di social media come Twitter, Instagram o Facebook significa inserirlo nel record permanente. Per parafrasare The Social Network, Internet non è scritto a matita; è scritto con inchiostro. Dato che ciò che una persona pubblica sui social media può influenzare le sue ammissioni al college o le sue prospettive di lavoro, anche le opinioni sui film assumono una posta in gioco stranamente alta: parlare di film su Twitter può diventare uno sport sanguinario.

Anche nel caso di Blade Runner e The Thing, è difficile trovare critici che ammettano di essersi sbagliati sui film al momento dell’uscita iniziale. Michael G. McDunnah di The Unaffiliated Critic è la rara eccezione, ma anche quell’ammissione è stratificata con una giocosa reticenza a riconoscere l’errore:

Non dirò di essermi sbagliato, esattamente, nella mia precedente opinione su The Thing, ma sicuramente non era giusto come di solito. Ok, bene, mi sbagliavo.

È uno scherzo, ma è anche molto umano.

Blade Runner e The Thing erano capolavori incompresi e rivendicati come capolavori cinematografici. Potrebbe succedere ancora oggi?

Leggi anche:
Cult indimenticabile, ciò che non sapevi sul primo Blade Runner
Constantine 2 confermato, Keanu Reeves tornerà nei panni dell’occultista DC
Film Horror: i cult da recuperare su Prime Video

Back to top button