Cinema, Film e Serie Tv

Better Call Saul: come uno spin-off diventa un elogio all’età d’oro delle serie tv

Better Call Saul ha concluso la sua quinta stagione questa settimana, avvicinandosi così ai fatti di Breaking Bad, la serie cult di cui fa da prequel.

In un certo senso, Better Call Saul sembra uno spettacolo al passo con i tempi. È ambientato nei primi giorni del ventunesimo secolo. Ha un forte seguito critico, ma non si è mai veramente diffuso nella più ampia cultura come ha fatto Breaking Bad. Niente di tutto ciò è un giudizio sullo spettacolo stesso. Dopotutto, Better Call Saul è stato presentato in anteprima in un momento in cui la televisione si stava già allontanando dall’antieroe.

Tuttavia, quello status come spettacolo che esiste alla fine di una tendenza culturale più ampia consente a Better Call Saul un maggior grado di libertà creativa. Offre una meditazione riflessiva sul tipo di antieroi che popolava così tanto la cosiddetta “Età d’oro della televisione”. Questi archetipi maschili sono facili da incantare, anche quando gli spettacoli hanno inequivocabilmente i loro difetti. La bellezza di Better Call Saul sta nel creare un antieroe che è più difficile da feticizzare. Saul non è Walter White o Tony Soprano o Al Swearengen. È molto più tragico, molto più patetico.

better call saul

Better Call Saul 5: una pietra miliare

Better Call Saul è sempre stato uno dei migliori programmi televisivi in ​​assoluto per tutta la sua durata, ma la sua quinta stagione è stata eccezionale. I creatori Vince Gilligan e Peter Gould hanno confermato che Better Call Saul si concluderà con la sesta stagione e questo sembra appropriato. Better Call Saul sembra una coda per la cosiddetta “Golden Age of Television” e un addio agli antieroi che l’hanno definita.

I critici contestano l’inizio dell’età d’oro della televisione. La critica televisiva Emily Nussbaum, per esempio, sostiene che le storie dell’epoca tendono a sorvolare l’impatto di spettacoli come Buffy: the Vampire Slayer e Sex and the City in termini di spinta al tipo di narrazione che ha definito l’epoca. Oz è anche spesso trascurato nelle discussioni sulla storia antica del periodo.

Tuttavia, la maggior parte dei critici concorderebbe sul fatto che The Sopranos fosse lo spettacolo di punta dei primi anni dell’era. Stabilì anche un modello per gli spettacoli che avrebbero definito l’era. L’età d’oro della televisione è stata definita dallo studio di antieroi maschili disfunzionali, caratterizzato da Tony Soprano (James Gandolfini). Sembra che due decenni di televisione siano distesi da Tony Soprano.

La storia orale definitiva dell’era di Brett Martin era appropriatamente intitolata Difficult Men. A volte, come Al Swearengen (Ian McShane) su Deadwood, questi uomini non erano tecnicamente al comando. A volte, come Nucky Thompson (Steve Buscemi) su Boardwalk Empire, operavano in gran parte come un centro assente. Ma erano sempre lì.

C’è anche un dibattito su quando finì l’Età dell’Oro della televisione, o se si concluse affatto. Tuttavia, è chiaro che i tempi sono cambiati. Forse l’Età dell’Oro si è conclusa con Mad Men. Forse è durato più a lungo, morendo solo accanto a con Game of Thrones  Questa è ora l’era del “picco TV”.

Better Call Saul è un elogio dell’antieroe Golden Age of Television e Breaking Bad, Walter White / Chuck McGill / Jimmy McGill

Qualitativamente, questo argomento è solo un po’ esagerato e melodrammatico. C’è sempre stata una grande televisione e ci sarà sempre una grande televisione. È difficile sentirsi troppo sconvolti per la fine della cosiddetta Golden Age quando gli ultimi anni ci hanno dato spettacoli come Watchmen , Primal , Undone , Chernobyl (di cui parliamo emotivamente qui), Succession , Barry e The Good Place .

Tuttavia, è chiaro che un certo tipo di dramma televisivo si è spostato ai margini. L’antieroe millenario non è più ancorato all’universo televisivo. Ray Donovan non ha mai catturato lo zeitgeist ed è stato cancellato senza tante cerimonie all’inizio di quest’anno. Ozark e Narcos prosperano su Netflix ma non ispirano la conversazione culturale come ha fatto una volta Breaking Bad.

D’altra parte, anche Better Call Saul ha continuato a crescere tranquillamente al suo ritmo per un bel po’ di tempo. Le sue valutazioni sono solide ma non spettacolari. Bryan Cranston ha vinto quattro Emmy per Breaking Bad, ma Bob Odenkirk non ha ancora vinto un singolo award per il suo lavoro in Better Call Saul. Anna Gunn ha vinto due Emmy per Breaking Bad, ma Rhea Seehorn non ha ancora ricevuto nemmeno una nomination per Better Call Saul.

better call saul 5

Eredità e virtù

In un certo senso, Better Call Saul si sente come una sospensione di quel precedente periodo di televisione di prestigio, quelle storie di uomini difficili. In questo senso, è uno spettacolo fuori dal tempo – e non solo perché è ambientato nel lontano passato del 2004. Certo, Jimmy McGill (Odenkirk) è un tipo diverso di uomo difficile rispetto a Walter White (Cranston), e Better Call Saul è un tipo di spettacolo diverso da Breaking Bad.

Nel corso delle sue cinque stagioni, Better Call Saul si è lentamente avvicinato a Breaking Bad. Nonostante una serie di cameo, lo spettacolo è molto più di una semplice nostalgia per Breaking Bad. Nella sua stagione di apertura, la grande guest star del crossover era Tuco Salamanca (Raymond Cruz) , il minore della droga in Breaking Bad. E abbiamo atteso fino alla terza stagione per presentare il futuro “titolare” di Walter, Gustavo Fring (Giancarlo Esposito).

La quinta stagione colma il divario in modo significativo. Hank Schrader (Dean Norris), Breaking Bad, appare in due episodi. Lalo Salamanca (Tony Dalton) diventa il protagonista del dramma, legandosi minacciosamente ai riferimenti terrorizzati di Jimmy a un “Lalo” durante il suo primo incontro con Walt in Breaking Bad. Jimmy diventa un “amico del cartello”, ripiegato negli inferi del New Mexico.

Più sorprendenti delle somiglianze tra Better Call Saul e Breaking Bad sono le differenze tra i due. Walter White è probabilmente un archetipo di “uomo difficile” come Tony Soprano. È un criminale che mente alla sua famiglia, che uccide e manipola e che costruisce un’elaborata mitologia attorno a sé mentre distrugge la vita delle persone.

Breaking Bad non ha dubbi sul fatto che Walter White sia un cattivo. È un uomo egoista e orgoglioso. Usa una diagnosi di cancro per giustificare il diventare un mostro, rifiutando offerte generose per pagare le sue cure con mezzi legali. Il creatore Vince Gilligan descrive Walter White come “un personaggio patetico”. Nel finale, Walt confessa di non essere diventato un perno della droga per aiutare la sua famiglia . “L’ho fatto per me“, dice.

Certo, Walter White è ancora un personaggio accattivante. Intelligente e intraprendente, esce costantemente in situazioni apparentemente impossibili. È facile capire come alcuni fan hanno feticizzato Walt nonostante la sua mostruosità.

Questo non per sminuire Breaking Bad che è ancora uno dei migliori programmi televisivi di sempre. In effetti, è un fenomeno universale con questo tipo di antieroi, il che ha senso dato come questi spettacoli trattano questi uomini. L’oscurità e la violenza sono oggetti di fascino. Persino Don Draper (Jon Hamm) di Mad Men ha un’assurda storia personale che è effettivamente “il retroscena di un serial killer”.

Questo è ciò che rende Better Call Saul così adatto nell’essere uno spin off, così efficace a questa era di uomini difficili. Jimmy McGill è complesso e affascinante come Walter White, convincente e imperfetto. Tuttavia, Better Call Saul è strutturato per enfatizzare quanto Jimmy sia patetico e autodistruttivo piuttosto che trattarlo come un protagonista oscuro e stereotipicamente maschile. Non è Kevin Costner.

La quinta stagione fa ripetutamente eco a Breaking Bad, ma in modo da chiarire quanto sia vuoto questo tipo di antieroismo. Nella “HMM“, Jimmy riesce a consegnare la sua versione dell’iconico discorso di Walt “Sono io quello che bussa” a Howard Hamlin (Patrick Fabian). In entrambi i casi, i protagonisti stanno cercando di affermare il loro dominio su una stretta conoscenza, per dimostrare di avere il controllo.

È discutibile fino a che punto il discorso di Walt avrebbe dovuto essere ironico, mentre un uomo si scardinava. È stato rapidamente adottato come un momento “tosto”. Al contrario, lo sfogo di Jimmy è tragico e umiliante. È straziante. Howard non riesce nemmeno a guardare Jimmy mentre si allontana dall’avvocato squilibrato che si lamenta di essere “un dio in abiti umani” e di come “i fulmini sparano dalla (sua) punta delle dita”.

kim wexler

Better Call Saul e Breaking Bad: un gioco di specchi

La quinta stagione di Better Call Saul è stata progettata per rispecchiare la quinta stagione di Breaking Bad. In entrambe le stagioni, un episodio trova l’eroe che trascina una grande quantità di denaro attraverso il deserto. In “Ozymandias”, generalmente considerato uno dei migliori episodi televisivi di sempre , Walt ottiene un barile dei suoi guadagni. In “Bagman”, Jimmy trasporta due sacche da viaggio in contanti.

Tuttavia, mentre Walt sta portando via i suoi soldi, a Saul manca anche quell’agenzia. A Walt è stato permesso di conservare un solo barile della sua fortuna di $ 80 milioni, mentre Jimmy è semplicemente un uomo di consegna per la cauzione di $ 7 milioni per Lalo. Certo, Jimmy riesce a fare un taglio di $ 100.000 per quella commissione, ma sembra un piccolo cambiamento considerando l’inferno che Jimmy sopporta cercando di riportare quei soldi nella civiltà.

Gli episodi finali di Breaking Bad sottolineano la capacità di ripresa e l’impegno di Walt, ma gli episodi finali della quinta stagione di Better Call Saul sottolineano la vulnerabilità di Jimmy. Nel deserto, Jimmy è costretto a bere la propria urina per sopravvivere. Jimmy soffre di un vero disturbo da stress post-traumatico dalla sua esperienza.

Better Call Saul sottolinea ripetutamente quanto tutta questa criminalità sia vuota per Jimmy. Walt sopravvive a quasi tutto ciò che Breaking Bad gli lancia contro l’ingegnosità. L’impostazione di Better Call Saul significa che il pubblico sa già che Jimmy perderà la maggior parte delle cose che potrebbe guadagnare durante la corsa dello spettacolo, inclusa Kim Wexler (Seehorn).

Il risultato di tutto ciò, rende Better Call Saul un compagno davvero degno di Breaking Bad e un elogio riflessivo per l’era antieroe della televisione. Presenta un antieroe televisivo non delineato che è altrettanto tragico e comprensivo come Walter White, ma privo di fascino e gloria.

Sembra una distillazione e purificazione del genere che ha definito l’Età d’oro della televisione, uno studio di uno stile di protagonista particolarmente disfunzionale che evita di feticizzare quella disfunzione. Per sua natura, Better Call Saul sembra avere meno probabilità di attrarre quei “cattivi fan” di Breaking Bad . È da notare che mentre Skylar White è stata odiata da alcuni fan , Kim Wexler è un personaggio eccezionale .

Se i giorni d’oro dell’antieroe televisivo sono davvero alle nostre spalle, il genere non potrebbe chiedere un addio più riflessivo di Better Call Saul.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button