Eventi e Fiere

“Attiva Mente” ne segna 7: Lamezia Comics & co… 2015

C’è stato un tempo che “qui era tutta campagna”: da Napoli in giù non c’era niente che soddisfacesse le nostre avare pupille di nerd, ma poi è arrivato il “Lamezia Comics & co…, che quest’anno raggiunge la sua edizione numero SETTE. Molto buono.

Si rinnova, dunque, l’appuntamento con la prima fiera del fumetto della Calabria, organizzata dai ragazzi dell’associazione culturale Attiva Mente, ad allietarci ma anche a dirci che l’estate è finita.
Infatti, la rassegna si terrà dall’11 al 13 settembre, poi si torna tutti a scuola. Ma visto che deve essere l’ultimo evento delle vacanze, è bene che sia valido assai. E il programma non tradisce le aspettative neanche questa volta.

Oltre ad alcune facce amiche, infatti, ci saranno tanti nuovi ospiti che non vediamo l’ora di incontrare.
Si, avete capito bene: ci intrometteremo anche noi con l’intento di infastidire le persone tra i vari stand e i workshop che si terranno nel chiostro di San Domenico durante la giornata di domenica.
Tra gli obiettivi che ci prefiggiamo di irritare:
Alessandro Apreda (autore e scrittore del blog Doc Manhattan)
Elena Casagrande (ha lavorato a comic books ispirati a serie come Star Trek, Ghost Whisperer e Doctor Who)
Salvatore Di Marco (direttore responsabile presso la Scuola del Fumetto di Palermo)
Luca Maresca (ha lavorato alla serie “Orfani” della Bonelli)

Poi avremo anche il piacere di rivedere gente come:
Gli Idraulici Siciliani (Ghostbuster Sicilia)
Umberto Giampà (autore di Roma – La stirpe di Marte)

Tutto questo avverrà, naturalmente, fin quando non si renderanno conto della nostra presenza… E ci cacceranno via con la forza.
Considerando che l’ingresso è gratuito, la cosa peggiore che vi potrà capitare sarà quella di incontrare i nostri “inviati”.

Mario Iaquinta

Nato da sua madre “dritto pe’ dritto” circa un quarto di secolo fa, passa i suoi anni a maledire il comunissimo nome che ha ricevuto in dote. Tuttavia, ringrazia il cielo di non avere Rossi come cognome, altrimenti la sua firma apparirebbe in ogni pubblicità dell’8×1000. Dopo questa epifania impara a leggere e scrivere e con queste attività riempie i suoi giorni, legge cose serie ma scrive fesserie: le sue storie e i suoi articoli sono la migliore dimostrazione di ciò. In tutto questo trova anche il tempo di parlare al microfono di una web-radio per potersi spacciare per persona intelligente senza però far vedere la sua faccia. Il soprannome “Gomez” è il regalo di un amico, nomignolo nato il giorno in cui decise di farsi crescere dei ridicoli baffetti. Ridicoli, certo, ma anche tremendamente sexy, if you know what I mean…
Back to top button