Cultura e Società

Arredo Made in Italy: dominano le creazioni in legno

Il legno, si sa, è un materiale iconico per quel che riguarda la produzione di arredi, e si farebbe davvero fatica ad immaginare le produzioni di mobili in assenza del medesimo.

Una conferma autorevole di quanto detto proviene da Istat: il noto istituto statistico nazionale, infatti, pubblica sul proprio sito Internet ufficiale, esattamente a questo link, i dati riguardanti le tipologie di mobili prodotti dalle aziende italiane negli anni compresi dal 2011 al 2018, e il legno è il protagonista assoluto.

I dati presentati dall’Istat: legno protagonista assoluto

Impostando l’analisi dei dati per la produzione venduta in migliaia di euro (ma anche per quel che riguarda altre tipologie di dato, il primato del legno è palese), emerge anzitutto che nel 2018, quindi l’ultimo anno relativamente a cui si conoscono tali dati, le vendite sono leggermente calate rispetto all’anno precedente, attestandosi a quota 19.059.720.

Il calo è più evidente laddove lo si raffronti al 2011, laddove si toccò quota 22.373.197, non si può tuttavia trascurare il fatto che dal 2013 al 2016 non si è mai andati oltre 17.000.000, ciò significa che quella che si sta vivendo nelle fasi più recenti è una ripresa molto importante dopo il periodo di calo che è stato verosimilmente specchio delle condizioni economiche generali.

Come si diceva, dunque, il legno recita un ruolo da protagonista nell’industria italiana dedicata all’arredamento, scopriamo subito quindi qual è il “podio” delle tipologie di prodotti venduti sulla base dei dati dell’Istat.

Al primo posto troviamo la categoria “mobili per cucina e elementi di legno“, con un punteggio di 2.398.376, al secondo la categoria “parti di mobili in legno” con 1.957.639, infine al terzo “mobili di legno dei tipi utilizzati nelle camere da letto compresi i letti” con 1.887.450.

Per individuare una categoria in cui non si fa esplicita menzione del legno, ma che comunque non esclude affatto l’impiego di questo materiale, bisogna scendere al sesto posto, ovvero “arredamenti completi per negozi“, con 1.509.283.

Scorrendo la classifica, il legno continua ad essere un’autentica costante e sono davvero poche le categorie di mobili prodotti e venduti dalle aziende che escludono, per l’appunto, il ricorso a tale materiale.

Il ruolo del legno nell’arredo e nelle creazioni outdoor

L’industria Made in Italy specializzata in arredamento, dunque, punta tantissimo sul legno e lo considera il fulcro delle proprie produzioni, d’altronde questo materiale è unico nel suo genere non solo per la sua estetica, inconfondibile ed accattivante nelle realizzazioni più disparate, ma anche per caratteristiche tecniche.

Non bisogna neppure trascurare il fatto che negli ultimi anni l’industria dell’arredamento sta investendo sempre più nell’arredo outdoor, un ramo produttivo che deve far fronte ad una domanda sempre crescente da parte dei consumatori e che propone una gamma di articoli sempre più variegata.

Si può affermare che ormai sia produttori che consumatori riservino l’arredo da giardino un’attenzione analoga a quella dell’arredo per interni, e da questo punto di vista il ruolo del legno è davvero decisivo essendo un materiale che si presta in modo ottimale alla produzione di articoli destinati ad essere impiegati in spazi aperti.

Parallelamente ai mobili in senso stretto, d’altronde, il legno è un riferimento assoluto anche per altre produzioni che abbracciano il mondo outdoor, come ad esempio le casette da giardino: visionando il sito web di un’azienda specializzata in tali articoli come acquavivastore.it si nota subito come la grande maggioranza dei modelli disponibili sia prodotta proprio in legno.

Leggi anche:
Gli oggetti più belli realizzati utilizzando la resina epossidica: guida all’acquisto
Ryan Reynolds lancia la sua piattaforma di streaming… Con solo un film
Macchine a controllo numerico per mobili fatti al computer

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button