Cinema, Film e Serie Tv

Anthony Daniels, C-3PO di Star Wars commenta il finale di Ep 9: “sarà fantastico”

Nel suo nuovo libro di memorie, I Am C-3PO: The Inside Story, Anthony Daniels, uno degli attori veterani di Star Wars, descrive le sue esperienze sul set dell’ultimo film della saga in nove parti: L’Ascesa di Skywalker.
Mentre C-3PO ha solo una piccola parte ne Gli Ultimi Jedi, Daniels descrive un ruolo più importante per il droide in Episodio 9; ruolo che sembra aver ottenuto grazie allo sceneggiatore Chris Terrio (Argo, Batman v Superman: Dawn of Justice).

Negli estratti di I Am C-3PO, riprodotti da Star Wars News Net, Daniels scrive che Terrio “si era completamente immerso nella tradizione della Saga” scrivendo “una sceneggiatura formidabile con i presupposti per una conclusione molto soddisfacente”.

i am c-3po
La copertina del libro I am C-3PO

Anthony Daniels e il suo entusiasmo

Daniels ha messo a confronto il ruolo di C-3PO (spesso abbreviato con il soprannome affettuoso di Luke Skywalker, Threepio) in The Rise of Skywalker con le due precedenti voci della trilogia sequel che si è aperta nel 2015 con Il Risveglio della Forza.

“Threepio è stato via per molto tempo. Ora è tornato” ha detto Anthony Daniels sulla nuova sceneggiatura. L’attore ha descritto le riprese di The Rise of Skywalker, illustrando come la sceneggiatura sia stata cambiata di giorno in giorno. In particolare, Daniels ha lamentato la perdita di una conversazione tra C-3PO e Poe Dameron, anche se ha sottolineato che le rimozioni “sono state sempre sostituite con qualcosa di migliore”.

Daniels menziona persino un problema avuto con una delle battute previste dal suo copione in The Rise of Skywalker; infatti, pare che sul set faticasse a ricordare le parole “un emblema comune” che in inglese sono quasi uno scioglilingua (a common emblem).

Inoltre, ha anche approfondito alcuni degli impressionanti effetti speciali messi in atto durante le riprese, scrivendo di una creatura aliena che non si sarebbe mai aspettato di incontrare di persona.

Ora, avevo letto dell’enorme creatura malvagia. Avevo pensato che sarebbe stata in CG – creata come al solito dalle Industrial Light & Magic di San Francisco. Pensavo che avremmo dovuto guardare in direzioni vuote, forse con un ritaglio di cartone come riferimento visivo…

Ha scritto Daniels.

In realtà, era reale. Un gigante, una creatura vivente che torreggiava minacciosa di fronte a me.

Il finale de L’Ascesa di Skywalker

Daniels ha più storia con Star Wars di quasi tutti, è l’unico attore che è apparso in tutti e nove i film della saga. C-3PO, fu costruito da Anakin Skywalker (Jake Lloyd) ne La Minaccia fantasma, sopravvisse alle Guerre dei Cloni e fuggì su Tatooine – in Una Nuova Speranza – con la sua controparte R2-D2 (Kenny Baker) con l’obiettivo di portare un messaggio al Maestro Jedi in esilio, Obi-Wan Kenobi (Alec Guinness).

anthony daniels
Il vero volto di Anthony Daniels

C-3PO fu presente alla battaglia di Endor per la sconfitta dell’Imperatore Palpatine (Ian McDiarmid) ne Il ritorno dello Jedi, e sembra che sarà presente quando lo stesso Darth Sidious – non più un imperatore – verrà ancora presumibilmente sconfitto in Episodio IX . Quindi Anthony Daniels è forse tra le personalità più indicate per commentare la componente narrativa del film e il finale – del resto è un robot poliglotta.

“Mi sono sforzato di dare il meglio perché le telecamere stavano inquadrando un mio primo piano”, ha scritto Daniels in I Am C-3PO.

Per Threepio, questo sarebbe stato un momento significativo della sua esistenza. Perché, improvvisamente, mi trovavo a pronunciare la sue ultime battute in un film di Star Wars.

Secondo Daniels, questa sequenza, con la linea finale di C-3PO, rappresenta “uno dei momenti finali del film stesso”, suggerendo che il droide potrebbe avere voce in capitolo nell’evoluzione dei momenti conclusivi di una serie che copre più di 40 anni di storia cinematografica.

Nel complesso, Anthony Daniels sembra felice di come Star Wars stia giungendo al termine.

“Sembrava tutto così giusto ed appagante”, ha scritto.

Un meraviglioso colpo di scena, una chiusura appagante e gratificante, per tutti.

Per saperne di più dovremo aspettare Star Wars: The Rise of Skywalker che sarà nelle sale il 18 dicembre di quest’anno! Ma dato il materiale fornito dall’interprete (di mestiere e di ruolo), nel frattempo avremo di che discutere. Chi inizia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close