Tecnologia

Amazon Scout: a che punto sono le consegne a cura dei robot?

Scout, il robot di consegna a ruote autonomo di Amazon, ha iniziato a consegnare i pacchetti già da un anno a Irvine, in California, secondo quanto riportato dall’azienda.

I robot Scout operano dal lunedì al venerdì, durante le ore diurne. I clienti di Irvine ordinano i loro pacchi normalmente, comprese le opzioni per la consegna in giornata per i membri Prime. I robot a sei ruote seguono autonomamente il loro percorso di consegna e durante le fasi iniziali, sono stati accompagnati da un essere umano che è intervenuto per studiare e classificare eventuali problemi tecnici o di altro genere.

I post di Amazon non hanno mai specificato la possibilità che lo Scout possa consegnare anche cibo e prodotti quotidianamente consumabili. Tuttavia, è scontato come questa tecnologia possa beneficiare un’incredibile gamma di servizi come anche quello dei traslochi o addirittura servizi di sgombero a partire da 50€ come già presenti curati dalla “controparte” umana in tutta Italia. Insomma, lo Scout si rivelerà un successo e il gigante di Seattle darebbe sicuramente alla concorrenza qualcosa di cui preoccuparsi.robot di amazon

Tra i nodi centrali dello sviluppo di questi corrieri 3.0 c’è la necessità di realizzare un bot che sappia reagire e comportarsi in modo da garantire sicurezza a sé stesso, al proprio contenuto e alle persone che si trovano nelle vicinanze. Chiaramente non si tratta di una faccenda semplice, sia dal punto di vista della programmazione del bot, sia delle numerose ore di prova e collaudo ancora in corso da agosto 2019.

A quanto dichiarato, però, gli Scout ne hanno fatta di strada, in tutti i sensi:

i dispositivi hanno navigato in modo sicuro e autonomo attraverso i numerosi ostacoli che si trovano nei quartieri residenziali — bidoni della spazzatura, skateboard, sedie da giardino, spazzaneve occasionali e altro ancora.

Ora, il test più difficile sarà migliorare i processi di interazione e l’approccio con gli esseri umani che chiaramente, devono interagire con i robot mentre accettano pacchi e vivono circondati da questi dispositivi “passeggianti”.  Dai risultati delle ultime prove dipende il futuro di Scout: lo vedremo presto anche in Italia?

Leggi anche:
Macchina Volante: in Giappone esiste un prototipo funzionante
Undone: Amazon Prime Video ruba tutto a Netflix
Nao Robot e Robocup: high tech nello sport

Martina Cappello

Da studentessa non esattamente modello di Ingegneria dell'informazione, passo il mio tempo tra libri della facoltà, film d'autore e serie tv. Tra i miei interessi si distingue l'amore per l'universo di Twin Peaks, di Lynch in generale, della musica e della filosofia.
Back to top button