Cinema, Film e Serie Tv

Alien 3 e l’ostilità dello spazio al massimo della resa

La serie di film Alien si svolge in un universo freddo e ostile, e nessun film della serie lo capisce meglio di Alien 3.

Ovviamente, Alien 3 esisterà sempre all’ombra dei suoi due predecessori. Il film ha avuto una vita notoriamente difficile sia prima che durante la produzione, e quelle cicatrici sono ancora evidenti tutt’oggi all’interno del film stesso. “Assembly Cut” del film è un valido e degno tentativo di ripristinare qualcosa di quello che potrebbe essere il film, ma c’è una ragione per cui David Fincher ha rifiutato l’etichetta “director’s cut”. La sua visione è persa.

alien 3

Tuttavia, c’è molto da raccomandare di Alien 3

Il film si impegna nell’idea del franchise di un cosmo veramente ostile, un universo che sembra attivamente antagonista all’idea di vita o significato. È un film di successo sorprendentemente tetro. Prende il cinismo del film Alien originale e lo evolve, offrendo un mondo in cui l’auto-annullamento diventa l’unico vero motto.

Ciò è evidente dai primi minuti di apertura. Alien 3 inizia con un fermo rifiuto del calore e dell’umanesimo che il regista James Cameron aveva iniettato nella serie con Aliens. Naturalmente, l’approccio di Cameron agli alieni era di per sé un rifiuto o un interrogatorio su alcuni dei temi fondamentali dell’Alien originale . Questo è ciò che i buoni sequel tendono a fare, dopo tutto.

Cameron lascia Ripley nell’ipersonno alla fine di Aliens in modo da evocare “la bella addormentata”. C’è un senso di progressione nell’arco di Ripley. All’inizio, ha perso la sua nave e il suo equipaggio e ha trascorso 57 anni nel sonno profondo. La versione estesa rivela che aveva una figlia, morta due anni prima che Ripley fosse trovata. Alla fine, Ripley ha trovato una nuova famiglia per se stessa.

ripley

Un titolo iconico

Alien 3 la strappa immediatamente via da Ripley. Le scene di apertura di Aliens – Scontro Finale rivelano che un abbraccio  alieno nascosto nel velivolo ha ucciso sia Hicks che Newt. Questa è stata una decisione controversa, per non dire altro. Le lettere dei fan a Starlog lo definivano “completamente offensivo” e “una scusa inutile per una trama”. Lo stesso Cameron lo ha descritto come “un enorme schiaffo in faccia ai fan”. (Non è una piccola ironia che Cameron avrebbe successivamente firmato l’assassinio di un personaggio importante in Terminator: Dark Fate.)

Alien 3 non uccide solo Hicks e Newt; strofina la faccia del pubblico in quella prospettiva cupa e nichilista. Il film presenta una sequenza estesa in cui Ripley sottopone sia se stessa che il pubblico a un’autopsia grafica e invasiva di Newt. Il taglio teatrale fa poi trasgredire una delle regole cardine dell’empatia del pubblico facendo in modo che un facehugger infetti un adorabile e amato cane.

Questa non è solo una ribellione punk contro un precedente film. Alien 3 è interamente coerente internamente nella sua visione del mondo. Durante la prima metà del film, Ripley arriva a entrare in empatia con Jonathan Clemens (Charles Dance), forse il più simpatico dei detenuti nel mondo carcerario in cui si ritrova. In un ironico capovolgimento, muore non appena lei dorme con lui.

Alien 3 trova Ripley che atterra su una colonia carceraria, popolata dalla feccia dell’umanità. Il film inizialmente offre una visione cupa sia dei detenuti che dello staff, con Ripley che sopravvive a malapena a un tentativo di aggressione sessuale. Tuttavia, il film suggerisce lentamente che la riabilitazione è possibile per alcuni detenuti. Leonard Dillon (Charles S. Dutton) ha trovato la religione, e attraverso quella redenzione.

Ci sono momenti in cui Alien 3 sembra inclinarsi verso una struttura da blockbuster più convenzionalmente ottimista. Forse le narrazioni di Aliens si ripeteranno. Forse Ripley svilupperà una significativa connessione emotiva con Clemens, e forse Dillon dimostrerà che la speranza può prosperare in questo cupo inferno industriale. Forse l’umanità può mettere radici nei luoghi più improbabili.

Il prolungato Assembly Cut presenta anche un falso momento di trionfo, quando Ripley e Dillon coordinano i detenuti per creare una trappola per la creatura, riuscendo a sigillarla in una delle volte. Nel mondo di Alien 3, la possibilità di un lieto fine è il peggior tipo di tormento. Non per niente il film ha contrapposto l’elogio di Dillon a Newt con la nascita del mostro.

Alien 3 ritorna di volta in volta all’idea di religione e credo. Lo stesso xenomorfo viene ripetutamente descritto come una “bestia” o un “drago”, richiamando alla mente le immagini bibliche del Libro dell’Apocalisse o le visioni di William Blake. Tuttavia, il suggerimento più cinico del film è che lo stesso Xenomorfo potrebbe essere un’espressione della volontà e del giudizio divini. (A questo proposito, Alien 3 si sente come un precursore della meditazione di Ridley Scott sulla fede e la divinità in Prometheus.)

Alien 3 tratta il suo mostro come una fonte di riverenza religiosa, incarnando il cupo orrore.

Cosa c’è da fare in un universo in cui la cosa più vicina alla volontà divina sembra un mostruoso Xenomorfo? Non c’è scampo da questa prigione. Ripley resuscita quel poco che rimane del suo affidabile androide Bishop (Lance Henriksen), ma ha una sola richiesta per lei. “Disconnettimi”, supplica, riconoscendo che non potrà mai più essere se stesso. “Preferirei essere niente”.

Il sentimento echeggia attraverso Alien 3. Il film suggerisce ripetutamente che l’unica misericordia in questo universo crudele è l’abbraccio dell’oblio. Nel suo elogio di Newt, Dillon sostiene che il pubblico dovrebbe essere contento di essere stata risparmiata dagli orrori di questa esistenza. “Non conoscerà mai le difficoltà e il dolore per quelli di noi rimasti indietro. Doniamo questi corpi al vuoto con un cuore felice. “

Questa filosofia si applica alla stessa Ripley. Per la maggior parte del film, Ripley sfugge e sopravvive al mostro alieno. Inizialmente sembra che la creatura stia rispettando il ruolo narrativo di Ripley come protagonista designato, ma questa è solo un’altra falsa speranza. Ripley alla fine determina che è stata impregnata di una regina xenomorfa. Deve recitare il ruolo di Maria in questa grottesca natività.

Con questa svolta, Alien 3 è cinico. Dal terzo film della serie, è chiaro che Ripley e l’alieno si intrecciano. Ripley continuerà a combattere l’alieno fintanto che il ritorno al botteghino giustificherà il compenso di Sigourney Weaver. Non c’è fuga. Ripley è intrappolato in questo ciclo di ripetizione e reiterazione. Anche se scappa ora, finirà per affrontarlo di nuovo in un altro sequel.

È l’ultima relazione tossica, ma è l’unica esistente perché Ripley è un personaggio immaginario la cui intera esistenza è costruita attorno alla creatura. L’universo è progettato ed è il prodotto di un’intelligenza ostile. In un certo senso, Alien 3 offre un’estensione della critica del capitalismo che attraversa Alien e Aliens, applicandola alla stessa serie cinematografica.

Alien 3 porta il nichilismo del franchise Alien alla sua logica conclusione, facendo in modo che la sola fuga di Ripley da queste narrazioni ripetute sia la morte alle sue stesse condizioni. Non sorprende che la stessa Sigourney Weaver abbia sostenuto la morte di Ripley, depressa dalla cinica prospettiva di Aliens vs. Predator. Sembra una battuta d’arresto appropriata che persino la morte non potrebbe tenere Ripley fuori dalla Resurrezione.

Il risultato è un film di successo affascinante e cupo che si impegna con tutto il cuore e senza compromessi con la visione filosofica di base del franchise Alien: che l’universo è intrinsecamente ostile all’umanità. Quindi spinge ancora di più, suggerendo che l’unica risposta ragionevole a un universo così crudele è l’auto-negazione.

Alien 3 non è semplicemente un film di successo nichilista. Si tratta di un blockbuster da 50 milioni che sostiene in modo aggressivo per il nichilismo di fronte ad un universo malevolo. Solo questo lo segna come una degna aggiunta al franchise di Alien.

Leggi anche: Alien, rumor sul presunto sviluppo della serie Tv e altre rivelazioni

Back to top button