Natura e Ambiente

Un albero di 20 milioni di anni: lo straordinario ritrovamento nella Foresta Pietrificata

La Foresta Pietificata di Lesbo, parco naturale di 15mila ettari dell’omonima isola, continua a regalare sorprese e ad accrescere la romantica fama del posto. L’ultima scoperta è un albero di 20 milioni di anni, rimasto fossilizzato a seguito dell’eruzione vulcanica che creò la Foresta, lungo 19 metri e completamente intatto, dalle radici ai rami.

Un albero di 20 milioni di anni: lo straordinario ritrovamento nella Foresta Pietrificata

Le sue condizioni perfette sono di particolare importanza, perché offrono una fotografia fossile dell’albero. Secondo Nikos Zouros, professore presso il Museo di Storia Naturale dell’isola, si tratta di una scoperta fondamentale. “Dallo studio del legno potremo riuscire ad identificare la specie di cui faceva parte“, ha dichiarato. Lo studio dei ritrovamenti della Foresta consente di conoscerne e capirne meglio la sua storia evolutiva, da quando era un sistema subtropicale 20 milioni anni fa, fino ad oggi.

Un ritrovamento molto interessante, dunque, che contribuisce sicuramente ad accrescere la bellezza e la popolarità dell’isola, e della sua stupenda Foresta Pietrificata, dove giacciono coperti di cenere e lava ancora tanti misteri.

Un’isola da scoprire

Oltre alla misteriosa e affascinante foresta, Lesbo offre tantissimi altri luoghi magnifici di grande importanza storica e culturale. Oltre ad essere famosa per aver dato i natali ala grandissima poetessa Saffo, definita la decima musa, l’isola è stata da sempre teatro di grande interesse storico. Viene menzionata nell’Iliade e nell’Odissea, e fin dall’antichità viene considerata un focale grazie alla posizione strategica favorevole. Lo dimostrano siti importanti come il Castello di Molyvos, costruzione dell’undicesimo secolo costruita come bastione difensivo contro gli Ottomani, o il Castello di Mytilene, costruito sulle rovine dell’antica acropoli greca. Anche gli antichi romani si interessarono all’isola, costruendoci uno degli acquedotti più estesi dell’area mediterranea, l’acquedotto di Mlfka, le cui rovine sono visibili ancora oggi. E l’isola offre sempre una leggenda o una storia per chiunque voglia ascoltarle, dalle leggende del Villaggio di Petra alla mitologia raccontata attraverso l’arte esposta al Museo Archeologico di Mytilene.

Insomma, con i suoi misteri e ritrovamenti sempre nuovi, Lesbo rimane una delle isole più belle e importanti della Grecia, e anche dell’Europa, considerando che recentemente è diventata uno degli hub principali per i migranti che cercano fortuna in territorio Europeo. Questa isola di poetesse, filosofi e saggi continua a mantenere la sua importanza anche ai nostri giorni…

Leggi anche:
La Città dei sassi sulle Dolomiti, monumento naturale o scenario fantasy perfetto?
Pompei: archeologi trovano il tesoro di uno “Stregone”?
Stonehenge: nuovi ritrovamenti riaccendono il mito della Danza dei Giganti

Necronomidoll

Divoratrice compulsiva di libri, scrittrice in erba, maladaptive daydreamer. Il Culto Vive.
Back to top button