Attualità

Alan Rickman, interprete di Piton, muore a 69 anni

Muore Alan Rickman, Severus Piton di Harry Potter

Sembra uno scherzo del destino quello che a pochi giorni dalla scomparsa di David Bowie, venga a mancare inaspettatamente un’altra celebrità britannica, alla stessa età e allo stesso modo amata da più generazioni: Alan Rickman.

Addio ad Alan Rickman, conosciuto dai fan di Harry Potter come Severus Piton

Artista completo sotto ogni punto di vista, gigante del cinema e del teatro, era malato di cancro. Muore giovedì scorso a Londra, a 69 anni, circondato dai suoi amici e parenti che hanno segnalato la notizia solo oggi al The Guardian, riportando quanto detto precedentemente in una brevissima dichiarazione.

alan rickman

Rickman era diventato uno degli attori più amati della Gran Bretagna grazie al suo storico ruolo del professore Severus Piton nella saga di Harry Potter e quello di Hans Gruber in Die Hard.

Vince un Bafta Awars (corrispondente britannico degli Oscar) dopo aver interpretato lo Sceriffo di Nottingham nel film Robin Hood: Il principe dei ladri del 1991.

Doppiatore e regista, vincitore di un Golden Globe e di un Emmy Award. Viene ricordato per i suoi numerosi ruoli da antagonista.

Sul villain interpretato nel film “Trappola di Cristallo”, Alan affermava:

Non sto impersonando il cattivo. Sto impersonando qualcuno che vuole certe cose nella vita, ha fatto certe scelte e agisce di conseguenza. Alan Rickman

Un duro colpo, soprattutto per i fan più sfegatati della serie ideata dalla scrittrice J. K. Rowling e del Fantasy in generale. Ci mancherai.

Dalla punta della sua bacchetta affiorò la cerva d’argento: atterrò sul pavimento dell’ufficio, fece un balzo e si tuffò fuori dalla finestra. Silente la guardò volar via e quando il suo bagliore argenteo svanì si rivolse a Piton, con gli occhi pieni di lacrime.
«Dopo tutto questo tempo?»
«Sempre» rispose Piton.

Source
The Guardian Online

Dave

Atipico consumatore di cinema commerciale, adora tutto quello che odora di pop-corn appena saltati e provoca ardore emotivo. Ha pianto durante il finale di Endgame e riso per quello di Titanic. Sostiene di non aver bisogno di uno psichiatra, sua madre lo ha fatto controllare.
Back to top button