Cinema, Film e Serie Tv

Birds of Prey cambia titolo dopo il flop al botteghino

Uscito nelle sale il 6 febbraio, Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn (di cui leggete la nostra recensione qui) ha riscosso un deludente debutto al botteghino. L’esordio della pellicola è stato il peggiore in tutto il DC Universe. Per rimediare al disastro, il titolo del film è stato cambiato nei principali cinema degli Stati Uniti, passando da Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn al più semplice Harley Quinn: Birds of Prey.

Harley Quinn: Birds of Prey, così Warner Bros spera di rimediare dopo il flop al Box Office

Deludente il primo weekend di programmazione che ha visto uscire nelle sale la nuova pellicola incentrata sull’amatissima antieroina di Suicide Squad, interpretata da Margot Robbie. Per questo, la Warner Bros ha deciso di accorciare il titolo e puntare tutto sulla presenza di Harley Quinn. Così facendo, la casa di produzione cinematografica ha voluto andare incontro al grande pubblico che, esclusi i fan dei fumetti e gli appassionati del cinecomic, non aveva idea chi fossero le Rapaci.

Nonostante l’ottima accoglienza della critica, al suo esordio il film ha incassato solo 33 milioni di dollari. Una cifra ben distante dai 45 milioni previsti. Per fare un paragone, basti pensare che Joker, per cui Joaquin Phoenix ha recentemente vinto l’Oscar 2020 come miglior attore protagonista, al suo debutto aveva raggiunto ben 130 milioni.

Il budget di produzione è stato stimato intorno agli 80-85 milioni di dollari. Nel cast, oltre a Margot Robbie, troviamo Jurnee Smollett-Bell nei panni di Black CanaryMary Elizabeth Winstead in quelli della Cacciatrice. Queste due eroine fanno parte della squadra delle Birds of Prey, in lotta contro il crimine, composta anche da Lady Blackhawk, Hawk and Dove.

Il cambio del titolo della pellicola ha già coinvolto le più grandi catene cinematografiche americane, tra cui AMC e Regal. C’è da chiedersi se questa scelta sarà attuata anche sul mercato italiano, e soprattutto se si rivelerà una mossa vincente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close