Cinema, Film e Serie Tv

Doctor Who: Fugitives of the Judoon, recensione della puntata

Fugitives of the Judoon è una boccata d’aria fresca. L’unica domanda è se soffia nella giusta direzione.
Ci sono ovvi problemi con Fugitives of the Judoon. Questo episodio di Doctor Who è sovraccarico di fan service, gorgogliando di tante di quelle sotto trame che sembra di dover dare per forza qualcosa da fare a tre quarti del cast primario. Inoltre, l’episodio è deliberatamente e volutamente ambiguo in un modo che rende impossibile valutare correttamente i suoi colpi di scena più audaci e ambiziosi. Fugitive of the Judoon è un episodio che si basa fortemente sul contesto, contesto che deriverà dal resto della stagione.

Eppure, c’è qualcosa di esaltante in Fugitive of the Judoon. Questo è l’episodio più ambizioso che Doctor Who ha provato da World Enough and Time e The Doctor Falls. Questo è un episodio che esplode con idee che sembrano progettate per ribaltare ciò che il pubblico pensa di sapere su Doctor Who, e rassicura gli spettatori sul fatto che lo showrunner Chris Chibnall abbia effettivamente una sorta di visione di dove vuole portare la serie. Fugitives of the Judoon suggerisce un impressionante puzzle, anche se i pezzi devono ancora essere assemblati.

Aiuta il fatto che l’episodio sia veloce e arioso, probabilmente riuscendo a bilanciare la “trama dell’era di Chibnall troppo imbottita” meglio di qualsiasi episodio. Se Spyfall, Parte I e Spyfall, Parte II suggerisce che la stagione avrebbe preso spunto dalla terza stagione di Russell T. Davies, allora Fugitive of the Judoon potrebbe rappresentare la migliore espressione di questo approccio. Fugitive of the Judoon non è tanto il “redux della terza stagione” quanto il “remix della terza stagione”. Se si spera che ci sia qualcosa di più in questo, è sufficiente elevare l’episodio sopra la maggior parte dei suoi contemporanei.

L’era di Chibnall sente un nostalgico ritorno all’era di Davies. Durante la prima stagione di Chibnall, questa attrazione nostalgica si rifletteva nella formula e nella struttura. Il tredicesimo dottore era caratterizzato in modo molto simile al decimo dottore, con una forte antipatia per le armi e una tendenza a scusarsi. Inoltre, i primi tre episodi della stagione hanno seguito la classica struttura presente-futuro-passato dell’era Davies.

La seconda stagione di Chibnall ha permesso a quella nostalgia di esprimersi in termini più letterali. La rivelazione a sorpresa del Maestro alla fine di Spyfall, Parte I mi è sembrata un omaggio diretto a Utopia , portando a una storia sottosviluppata di “compagni in fuga” da Spyfall, Parte II che si è sentita come un richiamo a The Sound of Drums. In Orphan 55 , il Dottore ha portato i suoi compagni in una futura Terra distrutta, evocando il primo viaggio di Rose nel TARDIS in The End of the World. La Skrithra in Nikola Tesla’s Night of Terror somigliava molto al Racknoss di The Runaway Bride .

Più ovviamente, la fine di Spyfall, parte II ha persino resettato la caratterizzazione del Dottore in “The Last of the Time Lords”, uno degli aspetti distintivi dell’era Davies nel suo insieme. C’è qualcosa di molto cinico in tutto questo, come se Chibnall credesse che invocando direttamente l’era di Davies potesse spingere Doctor Who a tornare alla cultura di base di The Stolen Earth e Journey’s End, quando Doctor Who era lo spettacolo più popolare in televisione. L’ironia è che la televisione è cambiata. È discutibile se Doctor Who potrebbe mai essere di nuovo quello spettacolo. Anche se potesse, l’imitazione non è abbastanza.

Fugitives of the Judoonsi va inserito ovviamente in questo modello. Fa molto parte di quella nostalgia per l’era Davies. Tuttavia, usa quella nostalgia in modi più giocosi e interessanti. Uno dei grandi problemi dell’era Chibnall nel suo insieme è stato il suo noioso letteralismo – la sua insistenza nel muoversi nella linea più diretta possibile e nel trattare il suo pubblico come se non avessero mai visto un episodio. Fugitives of the Judoon segna una sorta di allontanamento dalla nostalgia che lo circonda perché assume un livello base di alfabetizzazione della serie.

Questa alfabetizzazione televisiva si manifesta in diversi modi interessanti. Più ovviamente, l’episodio presuppone che il pubblico abbia una conoscenza vagamente familiare della terza stagione di Doctor Who, e quindi è stato progettato consapevolmente per giocare con quelle aspettative. Fugitives of the Judoon non è solo un semplice omaggio o un riferimento, è una trama contorta che usa la familiarità del pubblico con i ritmi e i flussi di Doctor Who contro di loro.

Fugitives of the Judoon evoca deliberatamente una serie di episodi della terza stagione e li usa per sbagliare le aspettative del pubblico. Ovviamente, l’arrivo del Judoon ricorda deliberatamente “Smith & Jones”. In effetti, l’episodio indica che il Dottore ripetutamente riff del “plotone di judoon del decimo dottore sulla luna”.

Fugitives of the Judoon sembra immediatamente un episodio dell’era di Davies. Uno degli aspetti più belli e più sottili dell’episodio è il modo in cui suggerisce un mondo attorno a Ruth e Lee, popolato da personaggi eccentrici come Alan. Questi personaggi sono a malapena sviluppati, ma aggiungono un senso di trama e di luogo che spesso manca all’era di Chibnall e che ha formato così tanto l’era di Davies.

Più precisamente, l’episodio si basa sul classico modulo standard dell’era Davies con gli alieni che invadono il mondo moderno: i Cybermen e i Daleks in Army of Ghosts e Doomsday, l’Adipose in Partners in Crime , i Daleks di nuovo in The Stolen Earth e Journey’s End. Mentre il Moffat presentava le proprie invasioni aliene in episodi come Dark Water e Death in Heaven, era molto meno interessato alle implicazioni a livello internazionale: sfruttava una tecnica dell’intrusione del surreale nel banale. Fugitives of the Judoonsi sente come un’invasione dell’era di Davies.

Per dare credito agli scrittori Vinay Patel e Chris Chibnall, questi colpi di scena funzionano nel modo in cui dovrebbero funzionare e sono buoni colpi di scena. Questi sviluppi non solo rendono il resto della storia più eccitante, ma invitano il pubblico a ricontestualizzare ciò che hanno già visto. Con il senno di poi, è molto evidente che Lee è un compagno del Dottore. Gat lo descrive come un “compagno fedele” prima di ucciderlo, ma l’intero episodio rivela retroattivamente che ha ricoperto il ruolo simile a Martha in Human Nature e Family of Blood .

Tutto questo porta alla rivelazione che Ruth è il Dottore. È uno sviluppo della trama interessante, soprattutto perché è allo stesso tempo sconvolgente e anche deliberatamente vago. Come con l’altra grande sorpresa nell’episodio, c’è la sensazione che Chibnall soffi via la polvere da alcune delle idee più audaci di Steven Moffat e cerchi di inserirle negli script di Davies per dare il massimo impatto. Anche se i fan hanno speculato sulle incarnazioni segrete del Dottore almeno da The brain of Morbius , l’idea di una rigenerazione nascosta deve ovviamente molto a The day of the Doctor. Fugitives of the Judoon è deliberatamente ambiguo riguardo a dove Ruth si adatta alla cronologia interna dello spettacolo e del Dottore, che è un bel tocco. Permette ai fan di speculare su come il Dottore può essere integrato nella sequenza temporale del personaggio. L’episodio è pieno di piccoli suggerimenti stuzzicanti.

Il ritorno del Capitano Jack potrebbe offrire la possibilità di conciliare passato e presente. In effetti, la reazione di Ryan a Jack riflette alcune delle ansie dell’era Chibnall sulle epoche di Davies e Moffat. Gran parte dell’era di Chibnall è stata aggiornata per aggiornare l’estetica della produzione di Doctor Who , rendendola più simile al cinema e alla televisione moderni. Fugitives of the Judoon presenta Jack come estraneo a Ryan, una reliquia di un passato glorioso.

Inoltre non è la prima volta che Doctor Who riporta i suoi elementi più sciocchi. Dopotutto, le epoche di Davies e Moffat hanno dedicato molta energia alla riconnessione con questi elementi della serie classica, come la reintroduzione di K-9 in School Reunion o Ice Warriors in Cold War. Tuttavia, anche tenendo conto di ciò, la ricomparsa del Capitan Jack potrebbe essere più soddisfacente se l’era Davies si sentisse più distante, se l’era Chibnall non avesse già investito tale energia nella negromanzia. L’era di Davies non sembra abbastanza distante perché l’era di Chibnall lo tiene così vicino.

In verità, l’apparizione del Capitano Jack sembra in gran parte cinica. La trama è appena innestata sull’episodio. Sembra che le scene di Barrowman siano state tutte girate nel corso di un solo giorno, con l’attore che appare solo su un singolo set di interni per impedire agli spoiler di uscire. Inoltre, il coinvolgimento del Capitano Jack nella trama di questo episodio è altrettanto vago quanto i dettagli di Ruth. Tuttavia, quell’ambiguità sembra meno giustificabile applicata al Capitano Jack, dove l’intero punto del suo personaggio è che è un personaggio noto.

Al di fuori del pandering nostalgico, la ricomparsa del Capitano Jack svolge due funzioni principali, entrambe molto calcolate e ciniche. Più ovviamente, Jack esiste per prendere in giro gli sviluppi futuri. Jack accenna a “il solitario Cyberman”, il che suggerisce il prossimo episodio incentrato su Mary Shelley. Fornisce molte esposizioni scomode che sono in gran parte superflue. “Non sai ancora cos’è un Cyberman, vero?” Chiede a Graham, Yaz e Ryan. Ciò naturalmente ignora il fatto che chiunque abbia una consapevolezza casuale dello spettacolo sa cos’è un Cyberman.

Ad essere onesti, questo uso di Jack come macchina espositiva per prefigurare i futuri sviluppi della trama potrebbe essere scusabile se fosse trattato come una tangente o un componente aggiuntivo. Dopotutto, Doctor Who ha una lunga storia nell’affrontare i cameo su episodi per creare archi di stagione, come la comparsa tardiva di Rose in Partners in Crime o le brevi apparizioni di Missy in episodi come Deep Breath o Into the Dalek . Tuttavia, il Capitano Jack non si limita a creare un cameo. Riceve un’intera sottotrama.

Questo arriva all’altra funzione della ricomparsa del Capitano Jack. Nel corso dell’episodio, Jack rapisce i compagni. Innanzitutto, afferra Graham. Quindi afferra Yaz e Ryan. La natura graduale di questi rapimenti – e la necessità di presentazioni che generano – spiega perché Jack occupa così tanto spazio. Tuttavia, serve anche a rimuovere i tre compagni dalla maggior parte della trama. Li mette fuori combattimento, quindi la narrativa principale di Fugitive of the Judoon può concentrarsi sul Tredicesimo Dottore e Ruth.

Fugitives of the Judoon è un episodio con molta energia e verve, alimentato da molte decisioni intelligenti che costruiscono verso una provocatoria svolta centrale. È discutibile quanta sostanza ci sia alla base di tutto ciò. È difficile discutere su ciò che Fugitive of the Judoon dovrebbe in realtà essere “circa” in un senso più ampio e su ciò che sta effettivamente dicendo. Tuttavia, ha più ambizione di molti episodi e si muove con uno scopo che è stato in gran parte assente dalla passata stagione e mezzo di Doctor Who. Questo conta qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close