Internet e Dintorni

Narwhal, il cane unicorno è virale tra i naviganti del web

Tutti i cuccioli sono pura magia. Chi ha un cane (o chi, come me, guarda i proprietari da lontano con tenerezza ed un pizzico di invidia) sa cosa vuol dire avere un compagno di vita instancabilmente affettuoso e fedele. Ma il cucciolo di cui vi parlerò oggi è, forse, ancora più magico.
Non sembra neanche appartenere alla nostra terra, ma eccolo qua con noi: si chiama Narwhal the Little Magical Furry Unicorn, ed ha una piccola codina in fronte che lo rende simile ad un unicorno. Questa codina, stando agli studi effettuati da un veterinario della Cape Small Animal Clinic, non svolge nessuna funzione, positiva o negativa, a livello organico: pertanto, non c’è assolutamente nessun bisogno di tagliarla!

Narwhal

Perché Narwhal, il cane unicorno, è un cucciolo speciale?

Si trova esattamente a metà tra i due occhi del cucciolo, e non si muove da sola come farebbe una coda normale. In poche parole, l’unica funzione che svolge al momento è rendere il trovatello una delle creature più bizzarre ed affascinanti di questo pianeta.

Narwhal è stato ritrovato da Mac’s Mission, un’organizzazione che si occupa di animali con bisogni particolari. Aveva una ferita ad una zampa, ed era in compagnia di un cane più vecchio (probabilmente un incrocio tra un bassotto e un terrier dal pelo ispido).

Quando Mac’s Mission ha pubblicato le foto del cucciolo sulla sua pagina Facebook, moltissime persone si sono dimostrate quasi ossessionate da Narwhal, e in tanti hanno cominciato a desiderare di poter accudire un fantastico e unico cane unicorno.

Altri hanno però (giustamente, tra l’altro) sottolineato che un cane soggetto ad una mutazione così inspiegabile dovrebbe rimanere con l’organizzazione, per essere monitorato da esperti.

Ma, parliamoci chiaro, se si può adottare è mio, ok?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close