App, Software e Strumenti

Google rende opensource Cardboard VR

Gli ambiziosi progetti di Google nel mondo della VR sono sempre in evoluzione. A volte vengono chiusi, come DayDream VR lo scorso mese, ma tanti altri cambiano forma. Questo è il caso di Cardboard, un visore per la realtà virtuale completamente realizzato in cartone, ora disponibile in modalità open source.

Big G ha reso disponibile ai developers di tutto il mondo il codice del progetto. Tra questi gli API per tracciare la dimensione della testa, il rendering della distorsione della lente e i parametri di input. In questo modo gli sviluppatori per Android che su iOs potranno realizzare applicazioni e giochi per questa tecnologia.

Cardboard VR: che cos’è il “cartonato” di Google?

Google Cardboard è stato lanciato cinque anni fa, durante la conferenza Google IO. In tutto il mondo sono state utilizzate circa 15 milioni di unità, ma sicuramente il fascino per il cartone è diminuito nel tempo.

Anche se nel corso del tempo abbiamo visto un declino dell’uso complessivo di Cardboard e non stiamo più sviluppando attivamente l’SDK (Software Development Kit) di Google VR, vediamo ancora un uso coerente di esperienze di intrattenimento e istruzione, come YouTube e Expeditions. Vogliamo assicurarci che Cardboard sia senza fronzoli e che l’approccio ad una VR accessibile a tutti sia sempre disponibile.

Questo dispositivo è stato certamente un modo utile per sperimentare la VR senza investire in tecnologie troppo avanzate, ma non è certamente decollato come Google sperava. Tra questi, oltre alla latenza e ai lag, c’era certamente la mancanza di app avvincenti.

Da lì si è perso molto interesse nella VR per mobile e ci si è focalizzati sulla realtà aumentata, come con ARCore di Google e l’ARKit di Apple. Che questa condivisione non sia davvero rivoluzionaria e utile per lo sviluppo della realtà virtuale per un pubblico sempre più vasto.

Per gli sviluppatori e i curiosi, trovate qui la documentazione ufficiale di Google e la repository del codice su GitHub . Buon coding!

Grazia Margarella

Studio Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno e condivido le mie passioni per la scienza, il cinema, i libri e la cultura nerd grazie ai ragazzi de Il Bosone. Il mio motto è: Ad astra per aspera, exploro semper. Stay tuned ⚛️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close