Anime e Cartoni

Studio Ghibli: curiosità sulla casa di produzione dalle origini agli ultimi film

Piccole chicche sulla fabbrica di meraviglie per eccellenza

Oggi parliamo dello Studio Ghibli, casa di produzione nipponica che ha segnato la storia del lungometraggio animato. Fondato nel 1985 da Hayao Miyazaki e Isao Takahata e nel corso degli anni ha dato alla luce pellicole indimenticabili che sono entrate a far parte della cultura popolare, in patria e non solo.

Tra questi Il mio vicino Totoro, Principessa Mononoke e La città incantata, pellicola che vinse l’Oscar al miglior film d’animazione nel 2002.

Ma oltre a consigliarvi caldamente la visione di questi film perché lo Studio Ghibli è così speciale e memorabile? Ecco qualche curiosità per i più appassionati e per i neofiti.

Miyazaki e il cielo

Hayao Miyazaki ama il cielo e gli aerei, anche grazie al padre, ingegnere aeronautico. Guardando le sue pellicole questo tema è molto ricorrente.

Ad esempio in Porco Rosso, ambientato in Italia nel periodo tra le due guerre mondiali, un misterioso pilota di aerei dalle sembianze di maiale è il terrore dei pirati del Mare Adriatico.

In Laputa – il Castello nel Cielo ci troviamo in un isola sospesa nell’aria (che rimanda nel nome all’isola visitata da Gulliver nel romanzo di Swift).

In Si alza il vento, un biopic sul grande progettista di aerei che diede vita ai Mitsubishi A6M Zero, tristemente noti per essere stati utilizzati dai kamikaze durante la seconda guerra mondiale.

I simboli dello Studio Ghibli

Il nome dello studio deriva dal nome che, durante la Seconda Guerra Mondiale, i piloti italiani in Nord Africa diedero ad un vento caldo del deserto del Sahara, ed è anche il nome usato per indicare i loro aeroplani da ricognizione. A proporre il nome fu lo stesso Miyazaki:

Facciamo soffiare un vento caldo nel mondo dell’animazione giapponese.

Totoro, simbolo dello studio, è la fusione tra un orso, un procione e una talpa e il suo mese è maggio. Le due protagoniste sono legate particolarmente a questo mese, la piccola Mei prende il nome da May (maggio in inglese) mentre Satsuki significa maggio in giapponese.

totoro

Scene controverse targate Studio Ghibli

In riferimento a Si alza il vento, la Japan Society for Tobacco Control segnalò il film perché il protagonista e alcuni personaggi fumano durante la pellicola. L’episodio più discusso è quello in cui il protagonista fuma in casa accanto alla moglie malata di tubercolosi.

Il ritiro di Miyazaki e l’ultimo film: Quando c’era Marnie

L’ultimo film dello studio è del 2014 ed è stato distribuito in Italia come Quando c’era Marnie. La regia non è affidata a Miyazaki, ma a Hirosama Yonebayashi, il quale prende ispirazione da un omonimo romanzo inglese e lo adatta in una moderna città giapponese, Hokkaido.

Questo è l’ultimo film prodotto dallo Studio Ghibli prima del ritiro dalle scene del maestro Miyazaki, annunciato alla Mostra cinematografica di Venezia nel 2013. Ma attualmente sta lavorando su un nuovo film con il figlio Goro, Voi come vivete?  che molto probabilmente uscirà nel 2021.

miyazaki

In conclusione lo Studio Ghibli è da sempre sinonimo di creatività, crescita e fantasia. Uno studio delle meraviglie che ha dato nuova linfa al linguaggio cinematografico mondiale. Una visione imprescindibile per i sognatori di tutte le età.

Leggi anche:
Donne dello Studio Ghibli: ecco perché amarle
Lupin III: tutte le giacche del ladro gentiluomo dal 1971 a oggi
Cartoni Giapponesi a Scuola: si educa anche così

Grazia Margarella

Studio Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno e condivido le mie passioni per la scienza, il cinema, i libri e la cultura nerd grazie ai ragazzi de Il Bosone. Il mio motto è: Ad astra per aspera, exploro semper. Stay tuned ⚛️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close