Cultura e Società

Le Torri Gemelle al cinema: tra tributo e ferita aperta

Il disastro dell'11 settembre al cinema

Sono passati 18 anni dall’11 settembre 2001. Ma rivedere lo skyline di New York dalle repliche di Friends o in Armageddon non lascia nessuno indifferente. Ad essere coinvolti non sono solo i familiari delle vittime, ma tutta l’umanità.
Dopo gli attacchi al World Trade Center, molti registi e produttori, sia cinematografici che televisivi, si sono chiesti in che modo gestire le immagini delle Torri Gemelle.

I riferimenti sono infatti molteplici: ad esempio le sigle di apertura di serie come I Sopranos o Sex and the City. Oppure le scene di distruzione di massa di blockbuster come Armageddon o Independence Day. Ma molti sono anche le pellicole comiche, dalla satira dei Simpsons alle commedie romantiche, tra cui Kissing Jessica Stein.

Tra scene eliminate – mostravano le Torri Gemelle

Questo problema di “etichetta”, come definito da Sam Raimi, che nel 2002 dovette modificare il suo film in uscita tanto atteso, Spider-Man. Nella versione originale vi era infatti una scena in cui l’eroe ostacolava la fuga di un elicottero intrappolandolo in un’enorme rete che si estendeva dalla torre nord alla torre sud.

spider-man

Quella scena avrebbe potuto turbare tantissime persone. Tra queste i bambini delle vittime che sarebbero andati a vedere il film per divertirsi e per trovare una via di fuga dal dolore. Lo stesso regista ha dichiarato:

Non pensavamo che fosse nostro diritto, nel bel mezzo dell’estate dopo questo terribile massacro, mostrare una scena struggente per così tante persone.

Sia I Sopranos che Sex and the City hanno cancellato le immagini delle torri dai titoli di testa dal 2002. Inoltre in quegli anni non venne più trasmesso un episodio del 1997 dei Simpsons. La scena in cui un piccolo Homer corre tra le torri gemelle venne rimessa in onda solo tempo dopo, quando era diventato un tenero ricordo.

La scelta di eliminare le immagini del World Trade Center ha caratterizzato anche altre pellicole. Tra queste anche Kissing Jessica Stein di Jennifer Westfeldt. La regista aveva debuttato al Toronto Film Festival il 10 settembre del 2001, poche ore prima della tragedia che visse lei stessa.

E commemorazione

Michael Nozik, produttore del film del 2002 “People I Know”, interpretato da Al Pacino, ha avuto lo stesso dilemma.

Volevamo assicurarci di non essere visti come sfruttatori e insensibili in un momento in cui c’era così tanto dolore.

Ma ha anche aggiunto che:

È bello guardare tutte le splendide immagini del Trade Center, perché è più come onorarle che ricordare l’orrore di quell’evento.

Jan Seidler Ramirez, capo curatore del museo commemorativo, ha affermato che la sua istituzione non si sottrarrà dall’esibire immagini delle torri. I visitatori possono infatti guardare un film di nove minuti che rende omaggio al ruolo del Trade Center in The Wiz, Home Alone 2, in vari film di Superman, thriller e film polizieschi. Tra queste immagini troviamo un poster del film di King Kong del 1976, in cui le torri gemelle sono l’ultimo bastione del personaggio.

ground zero

Lo vedo come un segno positivo di guarigione civica per le torri da reintrodurre sullo sfondo di film e altrove. I bambini che non le hanno mai viste ora possono avere un riferimento di quanto erano alte e il modo in cui sovrastavano lo skyline della città.

Leggi anche:
Niente complotti ma tante bugie: 11-09-2001
Attentato alla Kyoto Animation: 23 morti e decine di feriti
In ricordo di Paolo Borsellino: il dovere di parlarne

Grazia Margarella

Studio Informatica presso l'Università degli Studi di Salerno e condivido le mie passioni per la scienza, il cinema, i libri e la cultura nerd grazie ai ragazzi de Il Bosone. Il mio motto è: Ad astra per aspera, exploro semper. Stay tuned ⚛️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close