Cinema, Film e Serie Tv

It Capitolo 2: recensione “hardcore” senza spoiler

IT: Il secondo capitolo è confuso e disordinato, in particolare nella parte centrale

Questo secondo capitolo di IT si apre relativamente bene e offre un soddisfacente risultato emotivo. Sfortunatamente, la struttura del film si snoda selvaggiamente tra due punti narrativi fissi. Il secondo capitolo dura due ore e cinquanta minuti, un quarto d’ora in più rispetto al già impressionante tempo di esecuzione del film originale. In effetti, nel loro insieme, i due film sono più di una volta e mezza la lunghezza dell’adattamento della miniserie dei primi anni novanta del romanzo. Il secondo capitolo dedica molto tempo a ritmi ripetitivi di narrazione, dividendo il cast in modo che ciascuno dei protagonisti abbia la propria avventura strutturata in modo identico.

Questi difetti strutturali sembrano inevitabili. Parte di ciò che ha funzionato così bene con l’IT: primo capitolo è stata la decisione di eludere in gran parte la mitologia complicata e contorta che King ha intrecciato con gli altri suoi romanzi. Il film originale non riguardava invasori alieni o leggende locali al di là di ciò che era strettamente necessario, consentendogli di offrire un esteso riff da film horror di “Stand by Me”, una saga sulla maturazione di un gruppo di ragazzini all’apice della maturità. Nel capitolo due, tale simbologia è dovuta. Il sequel non solo deve fare il suo pesante lavoro di evoluzione, ma deve affrontare gran parte della costruzione del mondo che il film originale ha per lo più ignorato.

In effetti, si ha la sensazione che il capitolo due funzioni molto meglio come compagna del film precedente piuttosto che come narrativa a sé stante. C’è qualcosa di interessante nel modo in cui, nel loro insieme, i due film di IT rappresentano il primo vero assaggio cinematografico di Stephen King come autore dell’epopea americana. È la storia di un gruppo di amici d’infanzia che affrontano un male mostruoso, ma sembra molto più grande di così. Forse la cosa più convincente del secondo capitolo è il modo in cui crea un senso di scala e portata che nei precedenti adattamenti del lavoro di King si è praticamente ignorato.

Il secondo capitolo di It è un film straordinariamente indulgente. Tuttavia, questa indulgenza è saldamente ancorata alla buona volontà guadagnata dal suo predecessore. È interessante chiedersi quanto del secondo capitolo sia stato modellato dal successo del film originale, che è sia il film horror di maggior incasso di tutti i tempi che l’adattamento di Stephen King di maggior successo. Se il secondo capitolo ha sempre avuto lo scopo di assomigliare a questo, dimostra una quantità sbalorditiva di (meritata) fiducia nel film originale. Tuttavia, è anche interessante chiedersi quanto l’enfasi e il tono del capitolo due siano cambiati dopo il successo del film originale.

Guardare il secondo capitolo sottolinea solo la libertà di cui gode il primo capitolo. Il film originale era sorprendentemente intimo. Ha rimosso molte delle basi del romanzo, concentrandosi esclusivamente sull’incontro d’infanzia dei perdenti con Pennywise. Sebbene la scena di chiusura stabilisse l’inevitabile sequel, le versioni per adulti dei personaggi erano completamente assenti dal film. Naturalmente, questa è stata una scelta pragmatica. Il successo critico e commerciale di Chapter One ha indubbiamente reso più facile proteggere attori come Jessica Chastain, James McAvoy e Bill Hader per il sequel.

Tuttavia, ciò ha permesso al Capitolo Uno di It di esistere in gran parte alle sue condizioni come narrativa autonoma. Il secondo capitolo non ha quel lusso. Non è semplicemente un film che è ovviamente un sequel dell’originale. È anche un film che è molto intrecciato col primo. Mentre nessuno degli attori adulti è apparso nel capitolo uno, tutti gli attori bambini appaiono nel capitolo due. Il film presenta flashback estesi incentrati sui perdenti durante l’estate del 1989, anche usando immagini generate al computer per far invecchiare i giovani attori che hanno già due anni in più .

Parte di ciò è derivante dalla necessità di documentare le lacune narrative che il primo film ha lasciato nella mitologia perché i suoi interessi erano collocati altrove, come le sequenze che colmano le lacune tra il grande combattimento della banda e il rapimento di Beverly. Gran parte di questo materiale sembra superfluo, come la rivelazione che Ben ha costruito una club house segreta nel bosco che non è mai apparso nel film originale. Questo esiste in gran parte come una scusa per guardare le versioni più giovani dei personaggi evolversi e interagire di nuovo. Il secondo capitolo sembra spesso un successo nostalgico per un film che ha solo due anni.

Il secondo capitolo si definisce esplicitamente una storia sulla memoria. Questo è un abile uso dello status del film come sequel, la cui narrazione è fortemente basata su ciò che è accaduto prima. Il secondo capitolo è esplicitamente una storia sulla memoria e sulla storia, come Mike descrive chiaramente nell’introduzione. Ripetutamente nel corso del film, i personaggi sono costretti a riconoscere che il passato non è come lo ricordavano. In effetti, tutti i personaggi fanno fatica a ricordare Mike e i loro ricordi di Pennywise tornano indietro solo una volta tornati a Derry.

Il secondo capitolo usa il suo status di sequel per sfruttare la familiarità che ha il pubblico con il primo capitolo. Il film suggerisce che tutti i personaggi stanno lottando per far fronte agli eventi della loro infanzia, sublimando il loro trauma in diversi modi. Nessuno dei personaggi sembra capire perché accada.

Il secondo capitolo fa ripetutamente una distinzione tra il passato come è ricordato e il passato come è realmente esistito. Durante tutto il film, i personaggi permettono al loro attaccamento al passato di accecarli a ciò che è veramente importante. Beverly visita il suo vecchio condominio, solo per rendersi conto dopo che si tratta di un relitto fatiscente. Bill investe trecento dollari per guidare la sua bici da bambino, solo per rendersi conto che (o forse lui) è più traballante di quanto ricordi. Modellato da un falso ricordo del rifiuto romantico di Beverly, Ben si è separato dal contatto umano e dai suoi stessi sentimenti.

Il secondo capitolo estrapola questo tema esternamente, proprio come il primo capitolo ha usato la sua struttura per esplorare le ansie più ampie della vita adolescenziale. Il secondo capitolo si chiede cosa accada a una comunità che dimentica un simile trauma e gli consente di peggiorare. Il film si apre con un brutale attacco omofobico a una coppia che sta visitando la città, gli adolescenti locali che si scagliano violentemente contro l’affetto tra due uomini in una delle scene più grafiche e violente del film. L’implicazione è che Derry è rimasto fisso nel tempo mentre la vita fuori di essa è andata avanti.

Il ritorno della banda a Derry coincide con il festival dei “Canal Days” , una celebrazione patriottica della storia e dell’eredità della città. In quell’ambientazione, il familiare palloncino rosso di Pennywise si mimetizza facilmente tra i display di rosso, bianco e blu. Ad un certo punto, Ritchie è minacciata da una sinistra statua di Paul Bunyan, una figura mitica americana che prende vita. Sebbene la possibilità sia stata accennata nel primo capitolo, le morti dei genitori di Mike sono esplicitamente codificate in termini razziali nel secondo capitolo . Un titolo di giornale riporta la morte di “drogati di crack” , mentre Henry Bowers schernisce Mike che i loro cadaveri “odorano di pollo fritto”.

Con questo più ampio contesto sociale, c’è qualcosa di stranamente influenzante nell’idea che queste vecchie ferite possano guarire di nuovo. Il secondo capitolo suggerisce che è possibile guarire il presente riconciliandosi con il passato. Il culmine di It 2 trova i personaggi che gettano totem personali nel fuoco, sperando di liberarsi simbolicamente dal peso di ciò che è accaduto prima. Il secondo capitolo sostiene che i personaggi potrebbero essere in grado di trovare la pace se potessero trovare un modo di vedere il passato com’era realmente, piuttosto che attraverso la fantasia distorta della nostalgia. Le cicatrici possono scomparire. I titoli possono essere riscritti.

In una certa misura, il secondo capitolo sta pagando le spese narrative del primo capitolo, facendo il “lavoro” che ha scelto di ignorare. Il romanzo originale di King è pieno di mitologia densa e di storie strane. Il primo capitolo ha spogliato molto sapientemente la storia segreta di Derry fino alle ossa, consentendo alla narrazione di concentrarsi invece sui semplici aspetti della maturità della storia. Ben ha fornito una vaga esposizione che ha fornito il contesto storico per gli orrori che si verificano all’interno dei confini della città, ma era molto ampio e molto generale. Sembrava più una giustificazione che un’elaborazione.

Al contrario, il capitolo due spende molta più energia nel fornire contesto e storia al malvagio inseguitore. Alcune di queste storie secondarie sono sociali, come l’implicazione che la forma preferita del mostro ha delle basi nel passato storico della comunità; Bill Skarsgård appare in vecchie fotografie in bianco e nero come il patriarca di un circo itinerante. Parte di questa storia è cosmologica, dato che Mike rinnova Bill con la storia di un’entità mostruosa che è caduta sulla terra molto prima dell’arrivo dei coloni europei.

A un certo punto, Mike rivela di aver imparato molto sulla creatura da una comunità di nativi americani che vive nella periferia della cittadina. Questa è roba abbastanza standard, un cliché di storia horror di serie; King ha usato la mitologia dei nativi americani per scopi simili in storie come The Shining e Pet Sematary . Tuttavia, questo dettaglio viene semplicemente lasciato cadere casualmente e in modo non elegante nel secondo capitolo. Non vi è mai stata alcuna menzione degli indigeni nel Capitolo Uno , neppure nelle brevi note sulla scogliera di Ben nella storia della regione. In effetti, la comunità dei nativi americani è appena cresciuta di nuovo. Sono solo un altro dettaglio.

Il primo capitolo di It ha tenuto l’orrore al centro della storia deliberatamente vago. Questo ha funzionato perché rifletteva l’opinione di un bambino su un male così mostruoso. La creatura era grottesca e surreale, perché nessuno dei bambini aveva una struttura per capirla. Tuttavia, ha anche reso il mostro più spaventoso. Il primo capitolo non ha mai dedicato alcuno sforzo concreto alla spiegazione di cosa fosse l’omonimo “It” o da dove venisse. Forse era evocato dal nulla, forse era un’allucinazione condivisa, forse era un’espressione delle cose spaventose che si nascondono nell’ombra. Quella vaghezza conferiva alla creatura un potere raro.

Al contrario, il capitolo due si spiega in modo costante e goffamente eccessivo. Non solo c’è improvvisamente una storia che spiega la creatura, ma ci sono anche regole che governano l’interazione con essa. Mike riunisce i suoi vecchi amici per partecipare al “Rituale di Chüd” , che viene fornito con un proprio set di regole. Mike pone un compito ai suoi amici, si mettono a compiere quel compito e questo permette loro di tentare di legare e sconfiggere la mostruosa creatura. Il culmine del secondo capitolo trova i personaggi che sperano di sconfiggere il loro avversario imponendovi una struttura esterna, che sembra un riflesso di ciò che il film stesso sta tentando.

Questo provoca il caos nel ritmo del film. Il secondo capitolo di It ha un ensemble fantastico, ma insiste nel dividere il cast per un lungo tratto nel mezzo del film. Ognuno dei personaggi intraprende il proprio viaggio di scoperta per riconciliarsi con il proprio passato. Il risultato è che ogni membro del gruppo attraversa la stessa storia di base in successione. Il secondo tratto del capitolo due sembra una breve stagione di un’antologia horror piuttosto che un singolo film coeso.

I problemi con il tratto medio del film sono aggravati da quanto tutto sia superficiale. Nonostante il fatto che il Capitolo Due di It passi avanti e indietro nel tempo, queste sequenze sono deprimentemente lineari. Ognuno dei personaggi è stato incaricato di trovare qualcosa di grande significato personale in Derry. Il piano è che tutti troveranno qualcosa di valore, e quindi riuniranno quegli oggetti per forzare un confronto finale con Pennywise. Il risultato è qualcosa che sembra una ricerca “fetch” nei videogiochi, ripetuta sei volte. È estenuante, in particolare in un film di questa lunghezza.

Ad essere sinceri, c’è qualcosa di interessante e avvincente in questo, qualcosa che suggerisce che It 2 funziona meglio se esaminato come parte di un tutto piuttosto che come un film alle sue condizioni. Stephen King è uno dei grandi narratori americani e una figura che ha avuto un profondo impatto sulla cultura popolare americana. Tuttavia, non è sempre stato ben servito dagli adattamenti del suo lavoro. Filtrare il lavoro di King attraverso l’obiettivo del cinema e della televisione offre una visione molto ristretta dell’autore.

King è meglio conosciuto come scrittore horror come Carrie o l’Acchiappasogni , con una concessione occasionale alla sua capacità di creare drammi avvincenti e fiabe come Le ali della libertà o Il miglio verde. Tuttavia, King è sottovalutato come architetto dell’epopea americana. Come scrittore di successo, King ha un talento unico per scala e portata nel suo lavoro. Questo è forse più ovvio con libri come L’ombra dello scorpione o saghe come La Torre Nera, ma si riflette anche nella lunghezza di alcuni dei suoi libri. Il Re spesso eleva il banale e ordinario in qualcosa di molto più avvincente e rivelatore.

Ad essere onesti, ci sono state sfumature di ciò nei precedenti adattamenti del lavoro di King. Per fare un esempio ovvio, The Shining è riuscito a trasformare il crollo psicotico di un uomo in una triste analogia con gli orrori della storia americana. Anche individualmente, sia il capitolo uno che il capitolo due fanno qualcosa di molto simile. Il primo capitolo tratta Pennywise come un’espressione antropomorfa di paure infantili primordiali e universali – paura del sesso, paura della morte, paura della pubertà. Il secondo capitolo trasforma queste paure in ansie da adulti: la creatura che si nutre di omofobia e razzismo.

Tuttavia, le due metà dell’IT realizzano qualcosa di unico. Danno un senso di scala alla storia. IT aspira chiaramente ad essere un horror “epico”, che è una scelta narrativa affascinante. Questa è una storia che si svolge in tre decenni e probabilmente molto oltre. Certo, non è una novità. I film horror arrivano spesso con protagonisti che si scatenano dal trauma infantile e si concentrano su mali antichi. La differenza qui è la vastità del progetto, che si riflette nell’idea di una singola storia con un tempo di esecuzione combinato che supera quello di Via col vento.

La struttura del film è in gran parte presente. Il divario di ventisette anni all’interno della narrazione e il divario di due anni al di fuori di esso si combinano per creare un impressionante senso di scala. Il primo e il secondo capitolo sembrano posizionarsi come adattamenti di Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame targati Stephen King. È straordinario che i due film lo facciano senza mai sacrificare l’intimità o l’immediatezza che rende la storia così avvincente. Con il senno di poi, sembra amaramente ironico che il  capitolo 1 di It sia stato pubblicato lo stesso anno dell’adattamento osceno di The Dark Tower.

Questo tentativo su scala epica crea la sua parte di problemi. Il capitolo due è molto più legato al testo di King che al capitolo uno , il che significa che la sceneggiatura include una serie di elementi narrativi superflui che avrebbero potuto essere facilmente semplificati. Più ovviamente, il capitolo due fa risorgere il personaggio del bullo adolescente Henry Bowers per tormentare la banda al loro ritorno a Derry, ma la sua presenza ingombra una trama già disordinata. Il film suggerisce che Pennywise spera di attaccare gli eroi attraverso Bowers, ma Bowers è così inefficace che esiste principalmente per guidare alcune sequenze d’azione.

Tuttavia, la vastità del Capitolo Uno e del Capitolo Due è mozzafiato. In un certo senso, questa idea di horror “epico” sembra un altro polo della recente evoluzione e sviluppo del genere, esistente parallelamente al “blockbuster horror” del ” Conjuring-verse “. Nelle ultime settimane, si è parlato molto del Joker come un tentativo da parte di un blockbuster supereroistico di colonizzare altre forme narrative, ma meno attenzione è stata prestata agli sforzi con l’orrore. Indipendentemente da quanto possa essere disordinato il secondo capitolo, è sorprendente se affrontato in questi termini.

Ancora una volta, c’è qualcosa di molto intelligente in questa scelta strutturale. Il primo capitolo ha funzionato perché rifletteva le classiche storie di maturità dell’era in cui era ambientato, quei racconti degli anni ottanta di giovani adolescenti che esploravano il mondo e scoprivano il loro posto. In una certa misura, la struttura del capitolo due riflette i film della maturità della sua stessa epoca, storie di trentenni che non hanno mai veramente messo a riposo la loro infanzia. Il primo capitolo ha aderito alla struttura dei film sul passaggio dall’infanzia all’età adulta, mentre il secondo capitolo evoca la struttura dei film sull’infanzia che non è mai finita.

Il film è tematicamente coerente su questo punto. Uno dei motivi ricorrenti del film è l’idea che tutti i personaggi centrali abbiano lasciato incompiute le loro storie. C’è una battuta ironica, ammiccante e consapevole di sé sullo stato di Bill come romanziere di successo diventato sceneggiatore che non è mai stato in grado di finire correttamente un libro. Offre una giustificazione sincera che la vita reale rifiuta tali comodità, ma il film suggerisce invece che sta solo scrivendo dalle sue stesse esperienze. Il secondo capitolo suggerisce che i bambini del primo capitolo non sono mai veramente cresciuti, che non hanno mai completato il loro viaggio, che alla fine sono ancora bambini.

Ci sono molte cose interessanti che accadono nel capitolo due di IT. Il film è uno scorcio affascinante della moderna struttura horror in studio e un adattamento di uno degli onnipresenti romanzieri del secolo scorso. Sfortunatamente, il capitolo due si sente sovraccaricato dagli atti di adattamento che il capitolo 1 ha evitato in modo intelligente. Per quanto interessanti possano essere questi singoli elementi, e per quanto affascinante possa essere contestualizzarli, nessuno di essi è così avvincente come guardare semplicemente un gruppo di bambini che affrontano gli orrori della futura età adulta.

Leggi anche:
Toy Story 4: la recensione Hardcore del film Pixar
Avengers Endgame: la recensione “Hardcore”
Spider-Man: Far From Home, la recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close