Tecnologia

Amazon Scout: cominciano le consegne con i robot

Scout, il robot di consegna a ruote autonomo di Amazon, ha iniziato a consegnare i pacchetti proprio ieri a Irvine, in California, secondo quanto annunciato da un post pubblicato dall’azienda.

I robot Scout opereranno “dal lunedì al venerdì, durante le ore diurne”, secondo il post del blog. I clienti di Irvine ordineranno i loro pacchi normalmente, comprese le opzioni per la consegna in giornata per i membri Prime. I robot a sei ruote seguiranno autonomamente il loro percorso di consegna e almeno per il momento, saranno accompagnati da un essere umano che subentrerà in caso di problemi.

Il post di oggi di Amazon non menzionava specificamente la consegna di cibo, ma essendo parte integrante dell’ambito di vendita in cui lo store opera, se lo Scout si rivelerà un successo il gigante di Seattle darebbe sicuramente alla concorrenza qualcosa di cui preoccuparsi.robot di amazon

Tra i nodi centrali dello sviluppo di questi corrieri 3.0 c’è la necessità di realizzare un bot che sappia reagire e comportarsi in modo da garantire sicurezza a sé stesso, al proprio contenuto e alle persone che si trovano nelle vicinanze. Chiaramente non si tratta di una faccenda semplice, sia dal punto di vista della programmazione del bot sia delle numerose ore di prova e collaudo necessarie a metterlo in circolazione consapevolmente.

A quanto dichiarato, però, gli Scout ne hanno fatta di strada, in tutti i sensi:

i dispositivi hanno navigato in modo sicuro e autonomo attraverso i numerosi ostacoli che si trovano nei quartieri residenziali — bidoni della spazzatura, skateboard, sedie da giardino, spazzaneve occasionali e altro ancora.

Ora, però, li aspetta un test ancora più difficile: approcciarsi agli esseri umani che interagiranno con i robot mentre accetteranno i pacchi e si abitueranno a vedere questi strani dispositivi vagare per il quartiere.  Dai risultati di queste ultime prove dipende il futuro di Scout: lo vedremo presto anche in Italia?

Leggi anche:
Macchina Volante: in Giappone esiste un prototipo funzionante
Undone: Amazon Prime Video ruba tutto a Netflix
Nao Robot e Robocup: high tech nello sport

Martina Cappello

Da studentessa non esattamente modello di Ingegneria dell'informazione, passo il mio tempo tra libri della facoltà, film d'autore e serie tv. Tra i miei interessi si distingue l'amore per l'universo di Twin Peaks, di Lynch in generale, della musica e della filosofia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close