Tecnologia

Macchina Volante: in Giappone esiste un prototipo funzionante

Con appena 4 anni di ritardo rispetto ai pronostici di Ritorno al Futuro, sembra che alla fine ci siamo arrivati: in Giappone è stata inventata e prodotta una macchina volante!

Con fattezze che ricordano molto i droni, la Nec Corp – conosciuta anche come Nippon Electric Company – la nuova macchina volante ha fatto oggi il suo primo volo davanti ai media del Sol Levante.

Per volare, vola, ma occhio agli spifferi!

Stiamo parlando ancora di un prototipo il cui volo migliore è stato il rimanere in aria – a ben 10 metri di altezza – per circa un minuto.

Qui sotto, un video esplicativo che mostra uno dei “voli” di collaudo. La manovra consiste, nella “levitazione” dell’oggetto su base verticale; un po’ come succede per il jet “Harrier”, il primo caccia militare della storia ad essere equipaggiato con propulsori per il decollo da fermo. La differenza rispetto agli elicotteri è che questi velivoli, sono alimentati da una fonte di energia ben diversa e quella della creatura di Nec Corp, in particolare, sembra molto meno esosa – a livello di combustione – che dei sostenitori del jet.

Non è la prima tecnologia a fare la sua comparsa in questo ambito, infatti, un anno fa, in Germania, Audi proponeva la sua versione di “macchina volante” per popolare i cieli tedeschi con airbus futuristici (cosa che potrebbe accadere nei prossimi anni).

Sembra che almeno nell’immediato futuro, per dove andremo, ci serviranno ancora le strade; ma il futuro che tutti un po’ abbiamo sognato da giovanissimi sembra essere quanto mai vicino.
L’obiettivo della produzione in massa di automobili volanti ha di fatto una data: il 2030.
Riuscirà la tecnologia a rispettare questa promessa?

Difficile a dirsi, ma l’immaginazione vola

Leggi anche:
Airbus e Taxi Volanti diventano Realtà con Audi
Frecce Tricolori: si scrive PAN, si legge emozioni
Avvistamento UFO a Cosenza: abbaglio dei media o realtà?

Albicocca

Trentenne romano da sempre appassionato di fantasy, fantascienza e film d’animazione. Non basta? Ebbene, è anche otaku da quando ha imparato a leggere e metallaro da quando ha imparato ad “ascoltare”. Larper a tempo perso, DM di Dungeons & Dragons a tempo pieno, ma non parlategli delle nuove edizioni che diventa intrattabile. Nella vita quotidiana si occupa di no profit, cercando un compromesso tra un lavoro che dia soddisfazione (di cui andare fiero?)ed avere un tetto sopra la testa. Incredibile ma vero, è allergico alle albicocche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close