Cinema, Film e Serie Tv

Spider-Man: Far From Home, la recensione

La recensione Hardcore in anteprima! No Spoiler, lettura sicura!

Spider-Man: Far From Home vive ovviamente all’ombra di Avengers: Endgame .

In effetti, uno dei problemi del marketing di Far From Home era il modo in cui l’intera premessa emotiva del film si fondesse al finale di Endgame, il che è consistito nell’attesa forzata del rilascio dei vari trailer. Ciò crea una tensione interessante con Far From Home, che si trova nella posizione apparentemente contraddittoria di essere sia l’ultimo film dell’attuale “fase” del Marvel Cinematic Universe, oltre al fatto che sia prodotto da una società diversa dalla Marvel Studios.

Questa strana sensazione attraversa Far From Home, che sembra immobile tra l’esistente come epilogo di Endgame e l’essere un film di Spider-Man a pieno titolo. Endgame esercita una certa gravità su Far From Home, data la sua meccanica di trama e le sue decisioni sui personaggi. Gli scrittori Chris McKenna e Erik Sommers, insieme al regista Jon Watts, si muovono attraverso scelte narrative e di tematiche che non hanno mai fatto.

spider-man: far from home

In quanto tale, la cosa più interessante che Far From Home può fare è letteralizzare quella tensione.

Il film si occupa della ricaduta di Endgame in vari modi. Il più rinfrescante è la sua disponibilità a riconoscere la concezione fumettistica al centro di Endgame. Avengers: Infinity War si conclude con Thanos che spazza via metà dell’universo, il film fa tuonare stupido quel concetto come una grande tragedia. Naturalmente, il concetto non è stato sviluppato abbastanza per sopportare il peso drammatico che Infinity War e Endgame hanno posto su di esso, e certamente non nel tono scherzoso del Marvel Cinematic Universe. Le reali ramificazioni emotive, sociali, legali ed etiche di tale trama sarebbero sbalorditive. Endgame in gran parte li ha evitati a favore di personaggi stoici che si ergono in profonda riflessione e si lasciano andare all’angoscia. Far From Home adotta un approccio molto più sfacciato. Si diverte con l’idea.

Far From Home capisce che “lo schiocco”, come presentato in Infinity War ed Endgame, è un ridicolo accorgimento della trama e non tutto ciò che un film come questo sono in grado di gestire con abilità o gravità. Ciò offre a questo film un ampio margine di manovra. In Infinity War, sembrava piuttosto un voluminoso espediente – che “lo schiocco” avrebbe lasciato in vita tutti i membri del team fondatore. In Endgame, sembrava ridicolo che un mondo che aveva perso metà dei suoi abitanti sarebbe stato funzionale a tutti, figuriamoci interessato a farsi i selfie con Hulk.

Far From Home sguazza nella gloriosa ridicolaggine di quel concetto, trattandolo come una battuta finale. Ci sono alcuni giusti riferimenti a come “lo schiocco” ha influito sugli accordi di noleggio e sulle barzellette su come ha reso più facile il divorzio. Ci sono aspre lamentele su come quelli presi dallo “schiocco” hanno dovuto ripetere l’intero anno scolastico. Ci sono alcune domande sul fatto che a coloro che sono stati “capovolti” ora dovrebbe essere permesso di bere. Nulla che alluda al reale terrore esistenziale dell’evento, ma va bene. Anche Infinity War e Endgame non erano interessati a quel terrore esistenziale, anche se lo trattavano con serietà pungente.

Questo rende più facile andare d’accordo con le varie concessioni richieste da Far From Home. Trattare questo evento come l’espediente che consentiva al pubblico di giustificare l’intreccio della trama che la maggior parte del cast principale è stato “capovolto” , compresi gli adulti come zia May. Allo stesso modo, trattare lo schiocco come una sorta di piccolo inconveniente di vivere in un universo di supereroi piuttosto che una seria minaccia per l’esistenza umana, consente la logica interna della trama; perché i genitori che hanno appena ri-avuto i loro figli permettono ai loro figli di fare una lunga gita scolastica in Europa? Che importa? Sarà divertente.

I tratti significativi di Far From Home sono affidati a delicate parodie di Infinity War e Endgame e altri eccessi di supereroi. All’inizio, Peter Parker viene presentato al misterioso Quentin Beck. “Viene dalla Terra, solo non questa,” suggerisce Fury. “C’è un multiverso?” esclama Peter, riferendosi a una sorta di ampia trovata di fumetti che ha alimentato Spider-Man: Into the Spider-Verse. Beck segue immediatamente con una presentazione olografica elaborata sulla minaccia esistenziale posta dall’antico potere degli “Elementali”, che ricorda la lezione di Strange e Wong sulle pietre di Infinity War.

In realtà, questo è anche uno scherzo della mitologia – tanto quanto la targa “ASM” sulla macchina di Nick Fury. Il personaggio dei fumetti, Mysterio, era in particolare uno dei pochi antagonisti di Spider-Man a viaggiare da una dimensione all’altra. Da un multiverso all’altro, passando dall’universo Marvel mainstream all’universo “definitivo”, per fornire la base per il crossover sui vari Spider-Man. In quanto tale, il retroscena che Quentin Beck fornisce in Far From Home – che è un rifugiato da un altro mondo – serve come esempio del tipo di riferimenti di continuità previsti in un blockbuster come questo.

spider-man: far from home

Ancora una volta, la logica di Quentin Beck e “gli Elementali” è inquadrata come la logica standard dei grandi successi di supereroi. È strano e inutilmente contorto. Queste strane creature possono causare indicibili distruzioni. Possono persino combinare la loro forza nello stesso modo in cui Thanos potrebbe unire le pietre sul guanto.

Far From Home trova efficacemente Peter Parker cooptato in una più ampia narrativa epica di supereroi. Si ritrova a rimbalzare in giro per l’Europa per affrontare queste minacce, molto simile al tipo di “inseguimento di Macguffin” che ha guidato così tanto di Infinity War mentre Thanos cercava di raccogliere le pietre per promuovere i suoi piani malvagi. È tutto molto vagamente disegnato, ma il pubblico capisce abbastanza di come funzionano questi tipi di trame per andare d’accordo. Tuttavia, la cosa più intelligente di Far From Home è il modo in cui è meno interessato ai particolari di quella trama e più interessato a come agisce su Peter.

Ci sembra appropriato che Infinity War e Endgame ci abbiano portato ad un punto in cui la principale metafora di un grande film di supereroi è l’arte di costruire un film di supereroi. Dopotutto, Thanos poteva essere letto come una metafora del cambiamento climatico o addirittura della morte, ma a volte anche lui sembrava una metafora delle esigenze logistiche di un universo cinematografico condiviso. “Sono inevitabile”, si vantava Thanos, una personificazione antropomorfica del tempo e dell’adempimento contrattuale. In una certa misura, Far From Home lancia il suo cattivo come un’estensione di quel concetto.

Se Thanos era l’espressione fisica di forze esterne che giocano su una narrativa di supereroi, modellando e deformando una storia verso la sua destinazione inevitabile, allora Mysterio viene presentato come la meccanica di produzione più banale data alla forma fisica. Spesso sembra giusto chiedersi se Beck sia mai realmente presente. Il personaggio trascorre così tanto tempo in giro in un costume da supereroe che vale la pena chiedersi se è addirittura presente fisicamente durante una di queste sequenze d’azione guidate dallo spettacolo. In questo senso, Far From Home si sente come il pezzo di una tendenza più ampia nella cultura pop contemporanea, un’ansia per l’ubiquità di questi tipi di storie.

Peter Parker desidera godersi le avventure a basso rischio come in Spider-Man: Homecoming, ma Fury continua a costringerlo a una trama più familiare come una crisi esistenziale epica simile a Infinity War o Endgame. È un grande concetto, quando ci riesce. Questo è più ovvio per come il film posizioni Quentin Beck, come una versione leggermente “alternativa” di Tony Stark. Tuttavia, questo è tanto un punto debole quanto un punto di forza per Far From Home. Il film lotta nel tentativo di raggiungere qualsiasi conclusione tangibile legata a questa nitida giustapposizione, goffamente insicura del modo migliore per risolvere questo filo conduttore. Far From Home trova Peter intrappolato tra il tentativo di trovare la sua strada come un “Friendly Spider-Man Neighborhood” e cercare di soddisfare le aspettative di essere “il prossimo Iron Man”. La risposta a questo dilemma dovrebbe essere ovvia, dato il nome del personaggio e il titolo del film. Tuttavia, Far From Home lo confonde consapevolmente.

peter parker

C’è una palese insicurezza su Far From Home, uno che si sente strano data l’ubiquità del personaggio del titolo nella cultura popolare. Spider-Man è uno dei personaggi più iconici dei fumetti, immediatamente riconoscibile in tutto il mondo. Ha un marchio e un’identità molto forti. Dopotutto, nessuno può canticchiare un tema per “Captain America” o “Thor” che è ovunque iconico come il classico riff di Spider-Man che il compositore Michael Giacchino intreccia nella colonna sonora del film. Peter Parker non ha bisogno di essere “il prossimo Iron Man”. È sufficiente essere Spider-Man, non importa quanto lontano da casa possa trovarsi.

Ancora, il film pesa ripetutamente il film verso Iron Man. Non è solo il ricordo di Tony Stark che informa il personaggio di Peter in Far From Home, o il regalo che gli è stato lasciato dal suo mentore, o Nick Fury che lo riempie di aspettative. Il film stesso gioca in questo, anche con una scena in cui Peter usa la tecnologia olografica per disegnare il suo nuovo costume al suono di Back in Black degli AC / DC, un iconico momento dall’originale Iron Man. Come nel caso di Homecoming, sembra un tentativo goffo di riacquistare Peter legandolo a un’altra proprietà in franchising.

Questo problema è aggravato dalla caratterizzazione del cattivo del film. Per essere onesti, Homecoming e Far From Home presentano due dei migliori cattivi del Marvel Cinematic Universe, personaggi che sono entrambi ben sviluppati. Si sentono molto più sviluppati degli antagonisti standard in questi film e hanno servito bene entrambi i film. Il problema con Homecoming e Far From Home è che lavorano per reinventare gli antagonisti iconici di Spider-Man come i cattivi di Iron Man; uomini in abiti tecnologici fantasiosi che serbano seri (e meritati) rancori contro Tony Stark.

zendaya

Per essere onesti, c’è sempre stato un senso di sovrapposizione tra alcuni degli iconici criminali di Spider-Man e quelli di Tony Stark. C’è una ragione, per esempio, se lo scrittore Matt Fraction usò Norman Osborn e Otto Octavius ​​come cattivi durante la sua corsa in Invincible Iron Man; Osborn e Octavius ​​incarnano perfettamente i due archetipi dei cattivi di Iron Man , industriali senza scrupoli e scienziati pazzi. Tuttavia, Homecoming e Far From Home rileggono consapevolmente e goffamente altri due antagonisti di Spider-Man unici e distinti per contestualizzarli come nemici di Tony Stark. È molto dispersivo. Sposta anche il centro emotivo del film.

Questo ha un altro problema nel film, che potrebbe inavvertitamente derivare da questo cambiamento. Far From Home si sente stranamente spostato nel tempo. Si è tentati di suggerire che il film stesso fosse  “capovolto” , che mancano cinque anni, ma la distanza è maggiore di quella; Far From Home è un blockbuster molto più vicino tematicamente al 2008 che al 2019. Nel cuore di Far From Home c’è un personaggio con la capacità di manipolare immagini e realtà. “Mysterio è la verità”, Beck afferma con coraggio ad un certo punto. “In questi giorni, la gente crederà a tutto”.

Questo dovrebbe essere molto rilevante per il 2019, l’era post-verità in cui nessuno può credere ai propri occhi. La premessa centrale di Far From Home è perfettamente in sintonia con l’era delle “false notizie” , del modo in cui le narrative possono essere utilizzate per manipolare il pubblico con risultati disastrosi. I paralleli suggeriscono se stessi, allo stesso modo in cui Adrian Toomes si sentiva il perfetto sostituto del supercriminale per l’inizio dell’era Trump, un uomo d’affari di successo, ma risentito, invidioso di quelli che ritiene di non aver guadagnato il loro successo.

Il film prende in giro ripetutamente l’idea di una realtà oggettiva consensuale. Quando i bambini assistono a un mostruoso attacco a Venezia, si affrettano verso i siti di notizie per ottenere risposte. “Credi a tutto ciò che leggi nei notiziari?” Chiede scherzosamente Mary Jane, il suo fascino per le teorie cospirative e le speculazioni selvagge presentate come un capriccio caratteristico. La manipolazione della realtà in Far From Home è importante solo nella misura in cui influisce su Peter, piuttosto che su cosa significhi su scala più ampia. Alla fine, Peter non consulta la scienza o la razionalità per determinare ciò che è reale. Invece si fida del suo “senso di Peter” per saperlo.

Per essere chiari, niente di tutto questo recita come un abbraccio intenzionale della retorica cospiratoria o un rifiuto paranoico dell’idea di verità. Sembra proprio che Far From Home sia stato scritto su un’era diversa. Non riflette il mondo attuale tanto quanto fa eco alle paure di un decennio fa. Stranamente, ma forse riconoscendo il suo legame con Iron Man, c’è un senso in cui Far From Home gioca come un successone di War on Terror. Dopotutto, uno dei pezzi chiave della commedia del film dipende da uno sciopero di droni accidentalmente ordinato.

mysterio

Non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato in questo. Infatti, Far From Home ha alcuni punti interessanti da fare nel contesto della guerra al terrore, in particolare per quanto riguarda Nick Fury. Uno degli aspetti più interessanti di Far From Home è il suo ritratto di Nick Fury come un uomo fuori dal tempo, forse anche come un’incarnazione di un’epoca passata. Fury era uno dei personaggi più importanti nell’iterazione originale dell’universo cinematografico Marvel. La sua presenza ha contribuito a contestualizzare quei primi film come film impegnati con War on Terror. Nick Fury era una soave super-spia che ha tirato le fila dietro le quinte.

In Far From Home, c’è qualcosa di vagamente patetico in Nick Fury, come un uomo che è caduto così in basso che persino Spider-Man non vuole avere niente a che fare con lui. “C’è stato un tempo in cui sapevo tutto”, si lamenta. “Poi è successo lo schiocco, e ora Spider-Man mi sta ignorando.” In effetti, Far From Home presenta Fury così disperato da riaffermare il controllo della situazione che è facilmente fuorviato da un imbroglione che parla tranquillamente. “Ho avuto i miei dubbi fin dall’inizio”, afferma Fury quando la verità viene alla luce. “Ha creduto a tutto”, corregge Maria Hill.

Sembra molto strano costruire un film di Spider-Man sulla Guerra al Terrore nel contesto del luglio 2019. Anche tenendo conto del divertimento che il film fa a scapito di Nick Fury, sembra uno strano concetto per questo tipo di film. Dopotutto, uno degli attributi principali di Peter Parker è sempre stato il suo status di eroe della classe operaia sotto una pressione economica tremenda. Nel clima attuale, sembra che sia possibile costruire una narrativa contemporanea più specificamente adattata ai punti di forza di Peter Parker come personaggio piuttosto che sentirsi così consapevolmente ispirata al modello di Iron Man.

mysterio far from home

Uno dei grandi problemi con l’ottenimento di questo equilibrio tematico proprio all’interno di Far From Home è quanto deve alla struttura dei moderni film del Marvel Cinematic Universe. Come Homecoming, è una storia che sembra riluttante a permettere al suo personaggio centrale di crescere o cambiare, o di indulgere in una sorta di introspezione o dubbio di sé che è necessario al personaggio per funzionare. Endgame sosteneva che la tesi morale centrale dell’universo cinematografico Marvel era l’accumulo di potere senza responsabilità; che i personaggi non dovrebbero mai dubitare di se stessi o della loro autorità morale. Far From Home porta a questo.

All’inizio Peter è dotato di un enorme potere da Tony Stark. Peter è comprensibilmente ansioso di essere dotato di quel tipo di potere, in particolare da adolescente. Comincia comprensibilmente a domandarsi se ha il diritto di trattenere e usare tale potere. Tutto ciò è interessante, trovando alcune ansie fondamentali e ragionevoli nel cuore del genere contemporaneo dei supereroi, in particolare in un momento in cui l’autoritarismo è in ripresa. Tuttavia, tutto ciò si rivela debole. Inevitabilmente, Far From Home ricade sulla lezione morale che Peter ha torto a dubitare di se stesso, che la sua mancanza di certezza morale era una debolezza.

Questa è la tesi centrale di Endgame, con Bruce Banner che si trasforma in Hulk perché può, Steve Rogers che abbandona il presente per vivere nel passato, e Thor scappa per avere avventure nello spazio perché vuole. Ciò sposta anche l’equilibrio nella scelta di Peter da “Friendly Neighborhood Spider-Man” verso “The Next Iron Man”, se non altro perché “The Next Iron Man” ha molto più potere e quindi deve logicamente essere la scelta migliore che Peter può prendere. Si sente vagamente mal giudicato, suggerendo che il tiro alla fune per Peter Parker debba inevitabilmente trovarlo tra le braccia dello spettacolo dei supereroi su larga scala.

spider-man clip

Tuttavia, c’è molto da apprezzare in Far From Home nonostante questa esecuzione alquanto confusa. Gyllenhaal si diverte molto come Quentin Beck, un ruolo che si appoggia pesantemente alle scelte di performance molto manierate e distintive dell’attore. È un ruolo che offre all’artista un sacco di spazio in cui lavorare e che gli permette di continuare a crescere. Si tratta di una prestazione piacevole, apparentemente come Gyllenhaal si sta divertendo molto con Far From Home e come Far From Home si sta divertendo molto con Gyllenhaal. Sembra che l’attore stia esibendo la sua interpretazione in una versione più soft, adatta alle famiglie, dopo film impegnati come Nightcrawler o Velvet Buzzsaw.

Come nel caso di Homecoming, Far From Home funziona meglio come un film per adolescenti piuttosto che come un successone di supereroi; l’imbarazzo, le incomprensioni, le insicurezze. Il regista Jon Watts si ispira pesantemente alle commedie di formazione per adulti di John Hughes, che aiuta a distinguere il sapore del film dal modello più convenzionale e più formidabile del blockbuster. Come con Homecoming, Watts sta lavorando con un cast giovane estremamente simpatico, ed è divertente vederli rimbalzarsi l’un l’altro. Tom Holland e Zendaya sono sorprendentemente carini come episodi più nerd di Peter e Mary Jane rispetto ai loro precedenti colleghi.

Far From Home è divertente. È un po’ troppo sfocato nei luoghi, e un po’ troppo inghiottito da Endgame per essere davvero il suo miglior sé, ma è coinvolgente e giocoso in un modo che dovrebbero essere più film di supereroi. Solleva alcune idee interessanti, anche se non le evolve. Mentre Spider-Man si sente ancora un po’ troppo perso nella carneficina, Far From Home nutre qualche speranza di riuscire a trovare la strada per tornare da solo.

Leggi anche:
Avengers: Endgame torna al cinema, con qualche novità
MCU, Fase 4: clamoroso leak rivela i Nuovi Film Marvel?

Film Marvel: la Definizione di Potere all’interno del MCU

Che ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close