App, Software e Strumenti

Uber distrugge, Uber aggiusta: finalmente Taxi più digitali

Una parabola esemplare del mondo moderno e della sua dipendenza nei confronti della tecnologia

Anche se Uber non è riuscito ad affondare il business dei Taxi in Italia, è in qualche modo responsabile (in senso bonario) di aver spinto fuori dalla sua zona di comfort, una categoria notoriamente poco propensa al progresso delle innovazioni tecnologiche. Negli ultimi anni sono nate diverse applicazioni per fruire del servizio di taxi nelle maggiori città d’Italia. E ciò è cosa buona e giusta.

Negli ultimi anni, il digitale ha fatto ingresso nel mondo della mobilità urbana che per certi versi, era stagnante. La rivoluzione si deve soprattutto alla “minaccia” che Uber aveva portato in un settore apparentemente privo di rischi e sempre “verde”.

Leggi anche: Italia bandisce Uber – BosoNews

Il servizio, per chi non lo sapesse, consente la fruizione di corse private attraverso le vetture degli altri utenti. Un successo, quello dell’azienda californiana che ha spaccato a metà l’opinione pubblica. Se da un lato, è facilitante disporre di numerose corse pari alla quantità di individui equipaggiati con l’app in oggetto, dall’altro bisogna capire come questo può inficiare quanti, con il business del taxi tradizionale, ci lavora.

Successivamente alle polemiche, Uber viene praticamente bandita dall’Italia e il suo utilizzo adesso è considerato fuorilegge. Sempre nel nostro Bel Paese, la società americana ha deciso di virare su un altro prolifico mercato: quello della consegna di cibo a domicilio. Nasce così UberEats, l’app che permette di fare la spesa da casa, comodamente seduti sul proprio divano.

Tuttavia, il rimbombo di Uber è tale da “costringere” gli autisti e le società di auto bianche a perseguire la via dell’innovazione. Quello che ne consegue è una sorta di reazione a catena. A ruota libera, seguono la comparsa di iniziative e startup il cui scopo è parallelo a quello della fortunata App di San Francisco.

  • mytaxi
  • appTaxi
  • Taxi Blu
  • WeTaxi

Sono tutte applicazioni nostrane, nate come sostitutivo di Uber ma con l’aggiunta di un nobile scopo: fungere come aggregatrici di agenzie e professionisti del settore.

A Milano, il comune sta pensando di incentivare la “smart mobility” coinvolgendo i taxi. Mentre sono tantissime, le agenzie che sono sempre più presenti online. Chiamare un taxi Malpensa oggi, è molto più facile di quanto si possa immaginare e di questo, bisogna ringraziare il lato “duro” del progresso.

Insomma, l’innovazione distrugge e l’innovazione ripara. Una parabola del mondo moderno, sempre più affacciato verso la trasformazione digitale.

Dave

Un tipetto alquanto permaloso, soprattutto quando è davanti al suo pc. Vive un rapporto dualistico, di amore e odio, nei confronti della tecnologia. Ama scrivere al computer, per esempio. Ma non prova le stesse emozioni quando perde 300 cartelle word a causa di interruzioni improvvise causate da chissà quale maledizione fantozziana. Vive di libri, muore di cinema e per l’odore dei pop-corn. Il grande schermo è la sua più grande passione, ammesso che riesca ad arrivare in sala in orario. I suoi frequenti ritardi (per adesso solo in ambito di tempistiche) sono il motivo per cui quando lo incrocerete vi sembrerà un mandarino che rotola. Ha fatto il giornalista ed è anche un bel ragazzo. Bello davvero. E questa descrizione non è stata scritta da lui, eh.

2 Commenti

  1. Bella cazzata, le app, i modem, le chiamate web, l’interconnessione digitale tra centrale e taxi e tante belle cosine che la tua ignoranza non può mostrarti sono nate prima di Uber. Uber ha solu unito il mondo dell’abusivismo alla comunicazione digitale e ne ha fatto un businnes planetario. Se un poveretto… analogico.

    1. E probabilmente c’erano anche prima di quella 2000 di tua mamma. Solo che nell’articolo c’è scritto che Uber è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso di un settore poco incline al cambiamento, non che sia stato precursore. Meglio analogico che analfabeta funzionale. Si applica ma non è intelligente. Voto: un 5 insignificante, neanche di incoraggiamento.

Che ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close