Cinema, Film e Serie Tv

Dark Phoenix: il migliore dei finali possibili per gli X-Men

Nel panorama di uscite cinematografiche della settimana, X-Men: Dark Phoenix sembra quasi uno sfortunato perdente

Nel panorama di uscite cinematografiche della settimana, X-Men: Dark Phoenix sembra quasi uno sfortunato perdente.

Dovrebbe essere un evento…

Questo è uno dei maggiori successi di studio estivo con un budget di oltre cento milioni di dollari. Più di questo, è il dodicesimo film di una serie che ha avuto storicamente un successo sia critico che commerciale; i film hanno guadagnato oltre i 5,7 miliardi di dollari in tutto il mondo, otto dei dodici film hanno punteggi positivi su Rotten Tomatoes, sette dei quali sono stati abbastanza popolari da finire sui 250 migliori film di Internet Movie Database di tutti i tempi. L’attuale franchise ha vinto due volte il premio Oscar. L’ultimo film della serie ha ottenuto una nomination all’Oscar per la sua sceneggiatura.

Dark Phoenix dovrebbe essere un evento. Invece, arriva con un piagnucolio relativo. La data di rilascio è stata posticipata ripetutamente, prima da novembre 2018 a febbraio 2019 e poi a giugno 2019 . È stato perseguitato da pettegolezzi in gran parte infondati su terribili screening test. Inoltre l’uscita è stata anche un po’ oscurata dalla notizia che la Disney stava acquistato la 20th Century Fox, e che questo franchise sarebbe stato riavviato.

“Sono inevitabile”, Thanos si vantava in Avengers: Endgame, la manifestazione letterale della morte e del tempo da sconfiggere dagli eroi riuniti. Potrebbe essere un ottimo rimando dell’influenza della Disney. Dark Phoenix si schianta contro quell’inevitabilità, frantumandosi e scoccando contro oggetti immobili. Dark Phoenix è un disastro, un guscio disorganizzato di un film scolpito in una cabina di montaggio con scatti dell’ultimo minuto. Tuttavia, non è proprio il disastro che dovrebbe essere. Invece, sembra quasi accattivante, provocatorio, un successone aromatizzato dall’aggressività passiva.

dark phoenix

Per evitare ogni ambiguità, Dark Phoenix non è un buon film da nessuna parte dell’immaginazione. Se evita il nadir assoluto del franchise – il diabolico trittico di X-Men III, X-Men: Origins – Wolverine o X-Men: Apocalypse – è soprattutto una combinazione di buona fortuna e il fatto che il coltello da macellaio che è stato scelto per il film è stato particolarmente appuntito. C’è abbastanza poco spazio per l’imbarazzo in Dark Phoenix. In effetti, c’è poco spazio per niente.

Dark Phoenix, qualche problema

Dark Phoenix si muove in modo ordinato in meno di due ore, il che è una gradita tregua nell’era dei giganteschi runtime dei blockbuster. Infatti, parte di ciò che ha reso Apocalypse un’esperienza così estenuante e frustrante è stato un tempo di percorrenza di due ore e mezzo popolato da strane deviazioni e vicoli ciechi narrativi compreso un diversivo francamente imperdonabile ritorno a “Weapon X” per un cameo gratuito di Hugh Jackman. C’è poco grasso in Dark Phoenix, un film che si sposta da un punto all’altro della trama senza un senso.

Ci sono punti in cui Dark Phoenix non sembra affatto un film. Invece, riproduce una raccolta di punti della trama compressi per formare qualcosa di simile alla narrativa, spesso appoggiandosi a associazioni che semplicemente non esistono. All’interno di Dark Phoenix, i personaggi spesso ricevono motivazioni che sono fortunate a durare una singola scena o due; spesso cambiano le alleanze con scarso avvertimento o giustificazione. Infatti, i personaggi arrivano spesso nelle scene per offrire posizioni filosofiche e morali che esistono solo al servizio delle grandi dinamiche della trama.

Per essere giusti, i personaggi primari sottosviluppati non sono nulla di nuovo nei film di supereroi; anche personaggi risalenti agli X-Men originali, personaggi come Toad e Sabertooth esistevano in gran parte come motivo per girare le scene d’azione. Il problema con Dark Phoenix è il peso emotivo che mette su questi personaggi sottosviluppati. Quando Charles e Scott decidono di affrontare Jean, informano Storm e Nightcrawler di restare indietro. Storm e Nightcrawler si rifiutano, insistendo sul fatto che fanno parte di una squadra. È un momento dolce, in teoria. In pratica, non si sente in alcun modo significativo.

Per scegliere un altro esempio molto ovvio, il film è obbligato a fornire un grande set di azione per Nightcrawler al culmine. Tuttavia, il film ha fatto ben poco con Nightcrawler fino a quel momento, quindi non c’è alcuna leva per portare quel personaggio nella sequenza d’azione. Così Dark Phoenix provoca l’azione di Nightcrawler usando un personaggio senza nome che è stato introdotto solo pochi istanti prima e che gli indirizza solo una linea. Questo personaggio sembra esistere unicamente per dare a Nightcrawler un ” momento ” e crogiolarsi.

Per essere onesti con Dark Phoenix, almeno alcuni di questi problemi sembrano essere dovuti a tagli di editing eccessive. Dopo l’uscita di Apocalypse, lo scrittore Simon Kinberg aveva promesso che il seguito avrebbe continuato a sviluppare i personaggi reintrodotti, come Storm e Nightcrawler. Tuttavia, poiché i fattori esterni gettano un’ombra su Dark Phoenix, la retorica di Kinberg ha assunto un tono più funereo, posizionando Dark Phoenix come un finale più che un nuovo inizio. In particolare, i personaggi di Dark Phoenix si descrivono come “the last of the First Class”. Certo, è importante non essere troppo esagerati. E’ del tutto possibile che Kinberg originariamente pensasse a Dark Phoenix come a un blockbuster più gonfio e sovraffollato come Apocalypse, dividendo la sua attenzione tra vecchi e giovani allo stesso modo, con il risultato di passare da due fili di storie divergenti. In effetti, c’è un piccolo senso in cui la decisione di favorire gli attori più anziani potrebbe essere una benedizione; nessuno dei giovani interpreti eccelleva in Apocalypse, mentre i membri del cast più anziani sono almeno affidabili.

dark phoenix

Dark Phoenix soffre anche un po’ delle richieste di essere un film campione d’incassi. Kinberg ha saggiamente e astutamente ridimensionato l’azione di Apocalypse. In effetti, l’azione è molto meno importante di quella nel momento culminante di X-Men: Days of the Future Past, il punto della serie in cui il concetto di blockbuster si è davvero ambientato nella serie.

L’azione, in Dark Phoenix, è in gran parte intima, si svolge in spazi relativamente ristretti. Il più grande momento d’azione del film si svolge nella sequenza introduttiva, in cui la squadra mette in scena un audace salvataggio di uno space shuttle in pericolo. Il terzo atto del film si svolge principalmente su un’unica strada affollata, all’interno di una vecchia casa di città e su un vagone. Per quanto riguarda i successi dei supereroi, c’è qualcosa di molto rinfrescante in questo. Allo stesso tempo, molta azione si sente forzata. In particolare, c’è una morte molto cinica di un personaggio principale che si verifica per circa quaranta minuti nel film, principalmente per servire come giustificazione per le sequenze di combattimento mutante-contro-mutante obbligatorie che sono una parte portante del franchise (Days of Future Past è l’unico film del franchise principale a evitare davvero questa trappola, concentrandosi principalmente sui robot e privando Magneto di scagnozzi e soldati). Tuttavia, il complotto di Dark Phoenix per impostare questi personaggi uno contro uno si sente particolarmente cinico. In una certa misura, sembra che Dark Phoenix stia consapevolmente ispirandosi a Capitan America: Civil War. Notevole, la trama si manovra in modo tale da trasformare un personaggio principale contro i loro alleati. C’è un senso molto forte in cui questo e si sente in gran parte ridondante.

La comparazione con il fumetto. Qualche virtù.

Tuttavia, Dark Phoenix è anche un film profondamente affascinante. La cosa più impressionante del film è quanto incredibilmente passivo-aggressivo riesca ad apparire. L’unico modo in cui Dark Phoenix dà un senso coerente è un pezzo di meta-commentario sullo stato più ampio della serie X-Men, è alla luce della fusione in sospeso tra Fox e Disney che ha reso il blockbuster morto all’arrivo. Il sottotesto è appena sottile, spesso messo in risalto con un megafono. Naturalmente, Dark Phoenix è stato scritto e prodotto prima che la fusione fosse annunciata al pubblico. Il film aveva terminato le riprese originali prima ancora che le notizie sull’accordo fossero annunciate. Guardando Dark Phoenix, ci sono lievi tracce di ciò che la storia dovrebbe riguardare. Come con il suo lavoro su X-Men III, Kinberg estrae molti commenti espliciti sul genere dal materiale di partenza a favore di una metafora del potere molto ampia e molto generale. “Come lo usi dipende da te”, Xavier spiega utilmente a un giovane Jean Grey.

Per essere onesti, l’adattamento di The Dark Phoenix Saga per lo schermo sembra un compito da scemo. Originariamente pubblicato tra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta, The Dark Phoenix Saga è stato un lavoro innovativo dello scrittore Chris Claremont e dell’artista John Byrne. Era anche un po’ progressista secondo gli standard del tempo, la storia di una donna che respingeva le aspettative che gli uomini le impongono; la sana moglie di casa che Charles Xavier le ha insegnato e la sexy volpe che Jason Wyngarde voleva che diventasse.

La politica di The Dark Phoenix Saga può essere facilmente ridotta al racconto di una donna che guadagna troppi poteri e deve essere distrutta per il bene superiore che è un sottotesto profondamente infelice. In realtà, tale sottotesto è stato applicato dall’editor Marvel, Jim Shooter, che ha deciso che Jean doveva morire per espiare le sue azioni durante il fumetto. C’è qualcosa di molto metafisico in questo. Jean Grey è così potente che persino il redattore della casa editrice che stampa i suoi fumetti ha dovuto intervenire per punirla (e anche lui ha fallito, Jean sarebbe poi tornata).

Di nuovo, questo era relativamente progressista rispetto agli standard degli anni settanta della Marvel; un personaggio femminile che butta via le etichette di Madonna e afferma la propria rabbia e il proprio potere in risposta alla società patriarcale. Ovviamente, relativamente è un modificatore importante lì. Nello stesso periodo, il lavoro di Chris Claremont presso l’editore è stato un lavoro di salvataggio su una trama che dice che i Vendicatori hanno abbandonato Carol Danvers al figlio / amante che controlla la sua mente in una dimensione tascabile.

Cercare di adattare la storia a un film, è troppo per un blockbuster moderno e mainstream. Gli echi di ciò che rimane in Dark Phoenix si sentono nettamente a disagio, con il sinistro Vuk che cerca di convincere Jean ad usare i suoi poteri e respingere le aspettative imposte da “uomini con piccole menti” , rischiando di lanciare Jean e Vuk come parodie grottesche di indignazione femminista. Più positivo e più generico, il monologo conclusivo di Jean in Dark Phoenix che medita sul suo stesso diritto all’autonomia e all’autodeterminazione, libero dalle influenze di altri attori su di lei.

xmen

Di conseguenza, il passaggio dagli elementi tematici di The Dark Phoenix Saga è quasi il benvenuto, considerato il modo spettacolare in cui potrebbe andare male. Altrimenti, la sceneggiatura di Dark Phoenix è popolata da molti piccoli cenni di continuità ai fumetti. La missione shuttle in cui Jean incontra la forza cosmica viene sollevata dal regista dal materiale di partenza. Dark Phoenix suggerisce ripetutamente (attraverso la narrazione visiva piuttosto che il dialogo) che Scott Summers condivide la comprensione della sua controparte comica. Una sottotrama sottosviluppata coinvolge Magnos che fonda Genosha.

In effetti, c’è un senso generale di stanchezza che scorre attraverso Dark Phoenix. Verso l’apice del film, Charles Xavier ed Erik Lensharr sono nuovamente in conflitto tra loro. Magneto sembra solo stanco di tutto. “C’è sempre un discorso“, Magneto avverte il suo vecchio amico. “E ti dispiace sempre.” Fa una pausa, prima di consegnare lo zinger. “A nessuno importa“. È un momento che sembra quasi auto-consapevole, riconoscendo quanto tutto ciò sia vuoto e futile, questi personaggi si sono messi a ballare in cerchio uno attorno all’altro.

Tuttavia, il modo in cui Dark Phoenix evita la sostanza reale del suo materiale sorgente crea un vuoto nel cuore della storia. Quel vuoto è pieno di concetti e idee interessanti. C’è un forte senso ricorrente che Dark Phoenix esiste nella forma che in parte nega il controllo dei Marvel Studios sulla storia originale a fumetti. Ci sono momenti in cui l’adattamento troncato, svuotato e compresso sembra esistere puramente per bruciare la terra, per garantire che la Disney non possa tentare un altro adattamento di The Dark Phoenix Saga per il prossimo futuro.

Naturalmente, questo non può essere completamente corretto. Dark Phoenix non è un campione di rancore. Il film è stato scritto molto prima che il team di produzione venisse a conoscenza che i personaggi sarebbero stati rebootati. La maggior parte delle riprese è stata condotta prima che il discorso sull’acquisizione fosse entrato nel mainstream. È assolutamente impossibile che Dark Phoenix, nel suo complesso, esista puramente come un gesto dispettoso nei confronti del nuovo detentore della proprietà intellettuale. Allo stesso tempo, ci sono aspetti del film che sicuramente emanano quell’impressione.

magneto dark phoenix

Dopotutto, The Dark Phoenix Saga è probabilmente l’unica storia della Marvel Comics che esiste in una conversazione con classici del genere come The Dark Knight Returns o Watchmen. Persino le persone che non hanno mai preso in mano un fumetto conoscono il nome e forse anche i tratti più ampi. Questo è un grosso problema per la Marvel Comics. Dal punto di vista dei Marvel Studios, gran parte del fascino di consolidare il franchise X-Men nella famiglia Disney si sarebbe arricchita di questa particolare storia. Dopotutto, Marvel Studios è un’azienda che si vanta della sua venerazione e del rispetto per il suo materiale originale. L’intero motivo per cui il personaggio di Skurge esiste in Thor: Ragnarok è in grado di offrire un omaggio a un’icona della splash page di Walt Simonson. Guardiani della Galassia, vol. 2 recluta Sylvester Stallone, Michelle Yeoh e Ving Rhames per fare un oscuro richiamo al materiale originale.

Ci sono tracce di questo all’inizio del film. Charles Xavier è stato impegnato a lavorare sul marchio X-Men. Dark Phoenix sottolinea che la squadra è un esercizio di pubbliche relazioni. Charles non ha venduto la squadra al pubblico come mutanti, sottolineando che la frase “supereroe” è stata usata per descrivere il loro lavoro. “Non so cosa significhi questa parola“, riconosce Charles in una cerimonia che riceve un premio dal Presidente degli Stati Uniti. “Ma so che è dannatamente meglio degli altri nomi con cui ci ha chiamato.

Come sempre, ci sono idee interessanti che si nascondono sullo sfondo di Dark Phoenix , inarticolate e inespresse. L’ambientazione del film, nel 1992, è vagamente interessante, in particolare per la poca attenzione che Dark Phoenix paga per l’anno in questione. A differenza degli anni sessanta ambientati in First Class e negli anni settanta di Days of Future Past, sembra che il film abbia ben poco da dire esplicitamente sul periodo di tempo in questione. In particolare, mentre Days of Future Past presentava Richard Nixon come personaggio, il presidente anonimo presente in First Class non sembra essere George Bush. Tuttavia, c’è una tensione implicita. Il primo atto di Dark Phoenix pone molta enfasi su quanto le relazioni tra uomo e mutanti si siano evolute dalla crisi in Apocalypse, in gran parte fino alla campagna egocentrica di pubbliche relazioni di Xavier. Tuttavia, il film insiste anche ripetutamente che questo progresso è superficiale, che tutto ciò che sarebbe necessario è  “un brutto giorno” per ripristinare le relazioni al loro stato precedente. Naturalmente, quell’incidente scatenante arriva in  Dark Phoenix, sebbene il suo impatto sia mantenuto in gran parte fuori campo (l’esposizione allude a “internamento”). È qui che il sottotesto dell’impostazione del 1992 entra in campo. Dopo tutto, Days of Future Past fu ambientato nel 1973 e Apocalypse fu ambientato nel 1983. Sembra molto strano (e particolare) che Dark Phoenix dovrebbe essere ambientato nel 1992 piuttosto che nel 1993. Tuttavia, basandosi sulla metafora dei diritti civili che attraversa la X -Men nei suoi film, è allettante chiedersi se Dark Phoenix stia deliberatamente invocando i Los Angeles Riots del 1992, il che infranse molte delle ipotesi su quanto i rapporti di razza fossero arrivati ​​negli Stati Uniti.

dark phoenix sophie turner

Charles Xavier sta ancora cercando l’integrazione in Dark Phoenix , ma di un altro tipo. In First Class, Xavier credeva che il dominio mutante dell’umanità fosse inevitabile e che potesse evitare inutili spargimenti di sangue dall’umanità in agonia. In Dark Phoenix, la posizione è invertita. Gli X-Men sono essi stessi in pericolo di estinzione, di essere resi obsoleti, di essere cancellati. L’avvento di blockbuster come Iron Man e The Avengers ha visto il genere supereroe di successo superare il genere mutante. Quindi Charles ha scelto di non combatterlo. Invece, Dark Phoenix suggerisce che Charles ha adottato un atteggiamento di “se non puoi batterli, unisciti a loro”. Se il franchise di X-Men è stato superato dallo stile cinematografico del Marvel Cinematic Universe, allora Charles costringerà il franchising ad adattarsi ad una forma più riconoscibile e confortevole. Questa era la tensione centrale di Apocalypse che era in gran parte un film X-Men costruito nello stile di un moderno successo di supereroi. Si è ritorto contro spettacolarmente. Infatti, lo stesso Kinberg ha ammesso che la scala più piccola di Dark Phoenix era una risposta ad Apocalypse.

Di conseguenza, Dark Phoenix è decisamente più cinica riguardo a questo rebranding dei supereroi rispetto a Charles stesso. Proprio come la First Class ha esplicitamente chiamato Charles per la sua ingenuità (“o è arroganza?”), Dark Phoenix fa qualcosa di simile. Mystique avverte ripetutamente Charles che non sarà mai accettato come un supereroe, non importa quanto accolga con entusiasmo il marchio e lo stile di casa. Charles e gli X-Men non saranno mai amati nello stesso modo in cui lo sono gli Avengers, mai accettati da un fandom di internet che sembra aver definito i film degli X-men come “testi eretici”.

In una certa misura, il concetto di eroi-contro-eroi di Dark Phoenix evocano le dinamiche della Guerra Civile, l’uso del D’Bari in Dark Phoenix suona come una versione non ricostruita di Captain Marvel. Ancora una volta, un eroe femminile è stato esposto a un enorme potere cosmico che gli alieni desiderano avere da lei. Questi alieni che cambiano la forma si infiltrano nella Terra, persino fingendosi come figure autoritarie. Tuttavia, Capitan Marvel ha presentato i suoi alieni che cambiano la forma come rifugiati. Al contrario, Dark Phoenix presenta i suoi alieni che cambiano la forma come fanatici manipolatori, simili ai Kree. Non è per nulla ironico che le estese riprese del terzo atto di Dark Phoenix siano state presumibilmente guidate dalle somiglianze del climax originale di Captain Marvel. Tuttavia, l’uso dei D’Bari in Dark Phoenix parla anche di preoccupazioni più generali sulla conformità e l’omogeneità. I D’Bari sono un impero cosmico che cerca di sfruttare il potere dell’omonima forza cosmica per rifare mondi. Si infiltrano, manipolano e corrompono.

x-men

Sembra del tutto appropriato, di fronte alla prospettiva di un completo riavvio da parte dei Marvel Studios che gli X-Men debbano affrontare un pericolo che minaccia di rifare il mondo (se non l’intero universo) nella propria immagine. I D’Bari sono noti per il loro vuoto, anche per gli standard del film a fumetti. Sono implacabili. Bene, non si fermano. Il culmine del film trova gli X-Men che lottano per mantenere quella piccola influenza che hanno, mentre queste forze sinistre cercano di prendere la Fenice per sé.

Tutto ciò ha a che fare con la stanchezza e il cinismo che attraversa Dark Phoenix, che a volte si sente come una piccola misura di ribellione da un importante franchise cinematografico che sarà presto completamente cancellato come parte di più grandi macchinazioni culturali. In particolare, Dark Phoenix si avvicina forse alla nota più cupa del franchise, riportando il cliché ormai standard della partita di scacchi tra Charles Xavier ed Erik Lensherr.

È molto lontano da un finale perfetto o appropriato per questi personaggi, ma sembra il miglior risultato possibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close