Cinema, Film e Serie Tv

Godzilla 2: King of the Monsters, la recensione

Non c'è tempo per parlare!

Deve esserci un altro modo!” dice un personaggio in Godzilla 2: King of the Monsters. Un altro risponde: “Non c’è tempo per parlare!

Questo è King of the Monsters in poche parole. Un film dove non c’è mai tempo. C’è solo un costante bombardamento di cose che accadono. C’è rumore, urla, paura, esplosioni. Tutto gettato al pubblico con un’intensità che riuscirà a travolgere anche la reazione più forte. King of the Monsters non è solo il proverbiale dieci chili di fango in una busta da cinque chili, ma quei dieci chili vengono costantemente sparati da una lama rotante che gira in faccia al pubblico. È quasi impressionante che il ventilatore duri tanto quanto lo fa.

King of the Monsters è il sequel di Godzilla di Gareth Edwards e Kong: Skull Island di Jordan Vogt-Roberts , e in qualche modo trova un modo per sintetizzare gli elementi più incompatibili di entrambi i film in un mostruoso casino di una singola narrazione. King of the Monsters è un film focalizzato su ciò che sta cercando di fare, e quello che sta cercando di fare è riempire il più possibile, il mostro di follia e mitologia in un film di due ore. Questa concentrazione univoca lascia poco spazio a qualsiasi delle sottigliezze delle normali narrazioni cinematografiche.

ghidorah

Un’epopea Nucleare

King of the Monsters è frustrante e irritante a volte, ma è per lo più a giusto scopo.

Realizzato nel 2014, Godzilla di Gareth Edwards è stato un po’ eccessivamente serio e un po’ miope nella sua narrazione, un po’ troppo radicato nella prospettiva dei personaggi umani al centro del film, per cogliere davvero la maestosità dell’omonimo mostro. È stato un esperimento valido, anche se non è stato un successo totale. King of the Monsters sembra essere stato concepito come una correzione minore del film precedente. In particolare, il film conserva la maggior parte dell’ensemble più ampio e un focus sulla famiglia nucleare di Godzilla.

Strutturalmente, il film mantiene il profilo di base di Godzilla, con una forte enfasi su una famiglia nucleare che tenta di superare il trauma della perdita personale profonda. In Godzilla, Ford Brody perse entrambi i suoi genitori (in un modo o nell’altro) verso il gigantesco mostro atomico, ma si trovò curiosamente allineato con esso. Allo stesso modo, questo seguito si concentra su un’unità familiare devastata dalla perdita di un figlio durante la furia della creatura a San Francisco. godzilla 2

Questo è un set-up interessante. In particolare, la sequenza introduttiva di King of the Monsters, mentre i sopravvissuti strisciano tra le macerie alla ricerca disperata dei loro cari tra le rovine e le fiamme, evoca la sequenza di apertura di Batman vs. Superman: Dawn of Justice, mentre gli umani mortali cercavano di navigare nella carneficina causata da uno scontro di titani. Questa scena di apertura è efficace e influente, poiché Mark e Vivian Russell cercano di dare un senso a un universo in cui tutte le loro ipotesi sono state violentemente violate.godzilla 2

In effetti, King of the Monsters ha superato la sua quota equa di devastazione urbana, con la maggior attenzione rivolta agli Stati Uniti. Sebbene il film viaggi dalla Cina, dall’Antartico e dal Messico, la devastazione urbana più dettagliata si svolge sul suolo americano; l’apertura si svolge a San Francisco e il climax a Boston. Washington DC brucia e affonda sotto la forza di questi mostri, un paese ridotto alle macerie.

Godzilla 2: l’eco di un terribile passato non troppo remoto

 

Come in tanti moderni film di successo, il film evoca un tipo di devastazione urbana particolare. C’è una forte enfasi sulla morte dall’alto e corpi sepolti sotto le macerie. Nel corso del runtime del film, anche le città mitiche sono ridotte in rovina. Questo è il trauma dell’11 settembre rivisto in formato blockbuster, proprio come accade nei film come Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame. Potrebbe anche esserci qualcosa di appropriato in questo. Godzilla ha sempre rappresentato un’esperienza particolarmente traumatica per il Giappone, quindi forse, una tale traduzione ha senso.

King of the Monsters potrebbe cercare di riformulare quel mostro in quel particolare contesto. Certamente, l’enfasi sul trauma familiare in Godzilla e King of Monsters sembra riecheggiare l’esperienza culturale degli attacchi dell’11 settembre, i cari persi e le famiglie distrutte. Spielberg lo ha capito con War of the Worlds. C’è un’immagine particolarmente evocativa in King of the Monsters, con le crepe sullo schermo dell’ iPad di Maddy Russell che fratturano con lo screensaver della sua amorevole famiglia. Qualcosa è stato rotto, qualcosa è stato perso e qualcosa non può essere sostituito.

Tuttavia, c’è qualcosa di abbastanza scomodo nel modo in cui King of the Monsters si avvicina a quella metafora. A un certo punto, Mark Russell consulta il veterano esperto di mostri Ishirō Serizawa sulla morte di suo figlio a causa del mostro. Serizawa esorta il suo vecchio amico a continuare a perdonare la creatura, a sfruttare la sua energia e la sua forza. Se il governo degli Stati Uniti è apparso confuso dalla creatura in Godzilla, in questo film non è cosi.

Al culmine del film, mentre questa mostruosa creatura getta il caos a Boston, mentre combatte con un altro mostro più grande e più cattivo, Mark ha la sua epifania. Quando l’esercito considera di ordinare un ritiro tattico dal teatro del conflitto, Mark non è d’accordo. “No” , afferma. “Questa volta ci uniamo al combattimento”. Questa è la visione del mondo del film, in cui l’imbroglio di una metafora luccicante e mostruosa per il trauma formativo americano del XXI secolo, da parte del complesso industriale militare, viene trattato come un momento di trionfo.

Nel mondo di King of the Monsters, i mostri esistono e lasciano le vite in frantumi nella loro scia. È meglio sfruttare quei mostri, usarli, sfruttarli. Di nuovo, questo sembra una differenza fondamentale nel modo in cui la cultura popolare americana e giapponese tratta il potere su una scala così inimmaginabile. Sta forse rivelando che il film dei supereroi è stato la forma dominante del successo americano nel ventunesimo secolo, ma l’esempio giapponese più prominente della forma è probabilmente Akira.

Ovviamente, Godzilla 2 esiste nel mondo post-Batman vs. Superman. Di conseguenza, la carneficina si sente stranamente vuota. Ci sono alcuni colpi di folla in preda al panico e evacuazioni febbrili, ma gli attacchi al suolo americano si sentono stranamente vuoti. Boston è una città fantasma in cui Godzilla si muove, a parte una manciata di personaggi nominati e alcuni extra di supporto. Non si fa menzione del bilancio delle vittime civili mentre i mostri solcano i grattacieli di tutto il mondo e distruggono i villaggi sotto i piedi.

King of the Monsters?

In quanto tale, lo spettacolo di King of the Monsters non ispira mai timore reverenziale nel senso biblico. I “titani” nel film sono spesso paragonati a dei e divinità – “i primi dei” per dominare l’uomo – tuttavia non ha senso che queste entità condividano uno spazio tangibile con l’umanità nel suo insieme. Le città sono ridotte a rovine, le cicatrici scolpite sulla faccia del pianeta, eppure la violenza sembra normale e priva di sangue. C’è una qualità vuota e inquietante per tutto ciò, ricordando film come Aquaman. Ciò rende l’uso delle immagini e dell’iconografia dell’11 settembre, insapore e sconsiderato.

Tuttavia, King of the Monsters è più di un sequel di Godzilla. È anche il seguito di Skull Island. Mentre la reazione a Godzilla si è raffreddata significativamente dopo la sua uscita, Skull Island ha beneficiato di una serie di scelte narrative molto abili. Skull Island capì che i personaggi umani erano raramente l’attrazione nei film dei mostri e così popolava il suo cast con archetipi disegnati in modo ampio, invece di metterli in primo piano come aveva fatto Godzilla. Skull Island ha anche compreso i vantaggi di un ambiente da giungla per evitare la severa devastazione urbana del moderno film campione d’incassi. godzilla 2

Guardando King of the Monsters, sembra che il team di produzione abbia abbracciato Skull Island nel peggior momento possibile durante il ciclo di sviluppo. L’influenza di Skull Island sembrava arrivare troppo tardi per permettere a King of the Monsters di imparare dal suo ambiente isolato o dal suo cast di archetipi, due dei punti di forza di Skull Island. Invece, King of the Monsters utilizza gli attributi più superficiali di Skull Island.

Soprattutto, King of the Monsters mira a un senso dell’umorismo ampio e stupido simile a quello di Skull Island, un tono consapevolmente giocoso. Questa non è una cattiva idea di per se; dopotutto, questi sono film su mostri giganti che si fanno a pezzi l’un l’altro. Tuttavia, queste battute e gag non funzionano nel contesto di una metafora troppo seria come quella del trauma familiare che distrugge casualmente dozzine di città (e implicitamente milioni di vite). Le battute sembrano spesso di cattivo gusto, con il re dei mostri che evita l’ironia scherzosa per l’ironia grossolana.

Il personaggio di Sam Coleman, interpretato da Thomas Middleditch, è il problema più grande. Coleman esiste come una battuta finale, un personaggio socialmente imbarazzante che viene trattato come uno scherzo da tutti quelli che lo circondano e che vive di tale reputazione. Il grosso problema con questo è coi tempi. King of the Monsters non trova mai il momento giusto per una battuta finale. Ad un certo punto, quando dei soccorsi con i bambini a bordo cerca di fare un atterraggio, Mark Russell chiede aiuto per aprire le porte della baia di atterraggio. Quando Coleman si offre volontario, Russell scherza, “Qualcun altro?”. Non è il momento, Mark.

L’altra eredità fondamentalmente difettosa di Skull Island è il frenetico ed estenuante senso del ritmo. King of the Monsters copre una quantità incredibile di terreno in un tempo relativamente breve. Skull Island è riuscita a farla franca con il suo ritmo accelerato in gran parte grazie alla direzione del video di Vogt-Roberts, qualcosa che è rimasta gravemente assente da King of the Monsters. Oltre a ciò, Skull Island avrebbe potuto funzionare su molti ritmi della trama perché capiva cosa voleva il pubblico; andava bene affrettare l’esposizione e il set-up, perché questo permetteva al film di arrivare al punto.

Al contrario, King of the Monsters si precipita attraverso tutto. Il film introduce un’intera cavalcata di mostri, include una complicata serie di colpi di scena, una serie di motivazioni nascoste, una storia contorta, una matrice di relazioni elaborate tra i mostri e una mitologia inutilmente dettagliata. Tuttavia, il film è così preoccupato di passare attraverso ogni elemento della lista che non smette mai di godersi i passaggi lungo la strada.

I punti di Godzilla 2: King of the Monsters

In King of the Monsters troviamo Charles Dance che interpreta un ecoterrorista che vende il DNA dei mostri sul mercato nero. Godzilla 2 presenta un mostro malvagio che è un invasore alieno ostile. King of the Monsters presenta un breve soggiorno nel continente perduto di Atlantide, rivelando la lunga storia comune sepolta (o annegata) tra uomo e mostro. King of the Monsters sembra implicitamente che giganteschi mostri radioattivi siano il modo migliore per combattere il cambiamento climatico.

king of the monsters

Tutte queste idee sono pazze. Tutte queste idee sono divertenti. Godzilla 2 dovrebbe crogiolarsi nell’assurdità di tutto questo, abbracciando ogni ridicolo sviluppo uno dopo l’altro. Invece, il film brucia attraverso queste idee folli con tutta l’eccitazione di un contabile che attraversa una lista di controllo. King of the Monsters sembra più preoccupato di arrivare alla scena successiva piuttosto che godersi la scena in cui si trova attualmente. Ciò è profondamente frustrante, rendendo inutile l’intero film.

Oltre a ciò, la serietà con cui il film si avvicina ai suoi argomenti presta molto peso ad alcuni sottotesti scomodi. Se fosse più divertente o più giocoso, potrebbe non importare che King of the Monsters ricada sul cliché degli anni ottanta degli ambientalisti malvagi. Tuttavia, la sensibilità poliedrica del film lascia un cattivo gusto quando serve come un’ode al complesso industriale militare che cavalca in soccorso di alcuni ambientalisti ben intenzionati, ma pericolosamente stupidi.

godzilla 2 kinf ot the monsters

Per essere onesti con il regista Michael Dougherty, ci sono alcuni bellissimi scatti individuali in questo film. Ci sono vari momenti nel film in cui le creature appaiono straordinarie e impressionanti, sia che si tratti di Mothra che estende le sue ali da sotto una cascata o Ghidorah abbarbicata demonicamente su un vulcano fumante con una croce in primo piano. Tuttavia, l’azione è maldestra e imbarazzante. La composizione e l’inquadratura in queste sequenze sono disorientanti e distraenti.

Molto di questo è dovuto al design delle scelte. Godzilla emette luce con un’energia pulsante blu al neon che è estremamente brillante, il che rende una decisione sbagliata mettere in scena la prima sequenza di combattimento principale del personaggio su una tundra antartica nel bel mezzo di una tormenta. Allo stesso modo, Rodan è reso in tonalità di marrone e rosso per verosimiglianza, con la pelle screpolata e il tono opaco di un rettile. Questo rende difficile per la creatura distinguersi in nuvole marroni e contro fondali marroni opachi. Il montaggio frenetico non aiuta le cose.

Tutto ciò è estenuante, poiché il cast è fantastico e la premessa è solida. Sfortunatamente, King of the Monsters passa troppo tempo a farlo a modo suo. Bello con qualche neo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close