Miti e Leggende

Talia, la musa della commedia e le Nove Muse

Chi era Talia e cosa rappresentavano le Nove Muse? Il riassunto del mito sulle figlie di Zeus e Mnemosine

Le Muse sono figure della mitologia greca e di quella romana. Erano invocate dai poeti come ispiratrici dei loro canti. Chi osava offenderle veniva severamente punito: come le nove Piche, figlie del re Pierio, che vennero trasformate in piche – appunto – per aver sfidato nel canto le Muse.
Talia è, dunque, la musa della commedia e rappresentava la più giocosa delle nove muse (una per ogni notte in cui i due si erano uniti), figlie di Zeus e di Mnemosine (dea della memoria).

talia musa della commedia
Talia, la musa della commedia, era solo una delle nove muse ispiratrici

Talia e le Nove Muse

1. Calliope, “dalla bella parola”, cioè la musa dell’Eloquenza e della Poesia Epica, e dea della Memoria, era raffigurata seduta con un libro e con una corona di edera.
2. Clio, “la glorificante”, cioè la musa della Storia: rappresentata con una tromba nella mano destra e un rotolo di pergamena nella sinistra;
3. Tersicore, “colei che gode delle danze”, cioè la musa della Danza e della Lirica Corale: era rappresentata come una fanciulla con una corona d’alloro sulla testa e un flauto o una cetra in mano;
4. Polimnia, “dai molti inni”, cioè la musa della Poesia Lirica e degli Inni Religiosi: veniva rappresentata con una corona di perle;
5. Melpomene, “la cantatrice”, cioè la musa della Tragedia: veniva rappresentata con un pugnale in una mano e una maschera teatrale nell’altra.
6. Erato, “l’amorosa”, cioè la musa della Poesia D’Amore e della Mimica: era raffigurata con una lira e un arco e con la testa cinta di mirto e di rose;
7. Euterpe, “colei che allieta”, cioè la musa della Musica, del Canto e della Poesia lirica: aveva inventato vari strumenti musicali a fiato come il flauto. Era rappresentata con corone di fiori e con il doppio flauto in mano;
8. Talia, “la fiorente”, cioè la musa della Commedia e della Poesia Giocosa;
9. Urania, “la celeste”, musa dell’Astronomia: era rappresentata con un globo nella mano sinistra e un compasso in quella destra;

le nove muse
Le Nove Muse

La Musa della Commedia

In particolare, Talia era la Musa della Commedia e della Poesia Giocosa. Era rappresentata come una fanciulla incoronata di edera, con una maschera da commedia in una mano e una ghirlanda nell’altra. Talvolta aveva un bastone da pastore (pedum) perché era anche musa dei pastori e delle capre. la musa della commedia

Come le nove muse e sorelle, fu educata dal dio Apollo (altro figlio di Zeus) sul monte Elicona. Talia si unì con Apollo dal quale generò i Coribanti: i sacerdoti della dea Cibele, che celebravano la divinità con danze orgiastiche, durante le quali suonavano strumenti rumorosi e si infliggevano volontariamente ferite. Non mangiavano pane in onore di un lungo digiuno della dea e veneravano il pino in onore del compagno di Cibele, Attis, dio della vegetazione. la musa della commedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close