Cinema, Film e Serie Tv

RocketMan: la vita di Elton John in un biopic

La recensione senza spoiler del film di Dexter Fletcher

In pochi avranno notato che l’iconica canzone “Rocket Man” di Elton John e che ha ispirato il film, nelle locandina è semplicemente Rocketman.

Lo spazio mancante è una scelta stilistica intrigante, dato che il film è ovviamente progettato per evocare l’amata ballata contemplativa di Elton John dell’era dell’esplorazione lunare. Quale scopo serve l’omissione di quello spazio? Cosa si ottiene contraendo la canzone per creare un titolo in una sola parola per un film biografico. Dopo aver visto il film, sembra che lo spazio mancante possa essere stato perso come conseguenza involontaria di un’accurata ricerca e cancellazione di qualcosa che assomiglia al sottotesto della sceneggiatura.

Per essere chiari, questo non è completamente un difetto con Rocketman. I musical sono concepiti fondamentalmente per rendere il sottotesto come supratext, per letteralizzare e articolare i temi, le idee e le emozioni sottolineando un personaggio o una trama. Per loro natura, i musical presentano personaggi che esprimono teatralmente i loro sentimenti e desideri più intimi direttamente al pubblico attraverso il canto e la danza. La sottigliezza non è necessaria in questo contesto e potrebbe persino diventare qualcosa come un ostacolo. Un musical – specialmente un musical jukebox come questo – mette in secondo piano la narrativa. Le sequenze musicali di Rocket Man ti catturano magnificamente e sono l’attributo più forte del film. Il film ha solo il problema che si abbassa il volume tra le varie canzoni.

elton john

Rocket Man vs Bohemian Rhapsody

Le sequenze musicali di Rocket Man sono i momenti in cui il film prende vita, che prosegue con grazia nella fantasia in diverse occasioni. Questi sono buoni pezzi d’epoca. Il regista Dexter Fletcher compone coscientemente la stilizzazione durante queste sequenze. Alcune delle tecniche richiamano esplicitamente Bohemian Rhapsody, come una girandola assistita da CGI attorno a un pianoforte a coda mentre Elton John esegue Pinball Wizard mentre si trasforma come un ibrido di un camaleonte e un pavone.

Tuttavia, alcune delle influenze stilistiche di Fletcher sono consapevolmente più antiquate. Per I’m Still Standing, Fletcher estrae gradualmente il personaggio dal suo periodo di riabilitazione nel video iconico degli anni ottanta, completo di una definizione standard sfocata per fornire pathos. Per Honky Cat, Fletcher si rivela un omaggio ai numeri musicali degli studi della vecchia scuola quando Elton John balla e si fa strada attraverso un intero arco di celebrità nel tempo che impiega per attraversare un singolo studio.

Queste sequenze hanno molta più confidenza e più conforto di qualsiasi altra cosa in Bohemian Rhapsody, che si è accontentata di suonare i più grandi successi sui montaggi o come pezzi scenici in parte servilmente ricreati. In effetti, la cosa più vicina che Bohemian Rhapsody ha, in queste sequenze giocose, è quella incredibilmente sconsiderata in cui l’espressione dell’identità sessuale di Freddie Mercury viene girata come qualcosa da un video di panico morale e impostata su Another One Bites the Dust.

Mentre tutti i numeri musicali di Rocket Man sono impressionanti, quelli più efficaci dal punto di vista emotivo sono quelli che vengono mantenuti a un livello basso. È molto difficile letteralizzare il processo creativo, per dimostrare come un artista evoca parole o immagini dal mondo. È particolarmente difficile per il film farlo con la musica, come dimostrò Bohemian Rhapsody con l’imbarazzante materializzazione scenica della canzone del titolo del film.

rocketman

Rocketman costruisce alcune canzoni lungo il suo runtime in quel modo ma fa un lavoro molto migliore nel trasmettere il modo in cui un brano prende vita con Your Song. Nello spazio di una scena, Elton John passa da pigramente a canticchiare e borbottare le parole a creare note su un pianoforte e costruire una sezione ritmica. Mentre ovviamente è ancora ottimizzato e adattato alle esigenze della narrativa, sembra una rappresentazione più onesta del lavoro creativo di qualsiasi altra cosa in Bohemian Rhapsody, principalmente suggerendo che si tratti di un lavoro.

I momenti migliori del film sono allestimenti intelligenti di brani familiari; gli amari e lontani abitanti di una piccola famiglia familiare che dividono i versi e i cori di I Want Love come espressione di un profondo malessere, l’alienazione di farmaci e di ospedalizzazione si muovono tra le note di Rocket Man, la trionfante affermazione di I’m Still Standing ricreata con la giusta verve che non sembra un cinico applauso al pubblico che guarda alla prima di Cannes a poche centinaia di metri da dove è stato girato il video originale.

Elton John: la vita dell’artista al centro del film

L’unico problema è che Rocketman è più della semplice somma delle sue sequenze musicali. Le sequenze non musicali di Rocket Man si sentono spesso come se stessero urlando al pubblico, diffidenti che ciò che stanno dicendo potrebbe essere frainteso o mal interpretato. Non vi è alcuna ironia in questo, dato che molti dei beat del film sono una formula standard della biografia di una rockstar; il pessimo manager sfruttatore, la vita domestica travagliata, i problemi di dipendenza, il matrimonio infelice, il crollo e la redenzione. Il pubblico conosce queste strutture, non ne hanno bisogno di spiegazioni.

Rocketman è un film che non lascia mai nulla di implicito quando può affermarlo apertamente. Questo è più ovvio con la trasformazione di Reginald Dwight in Elton John. “Vorrei essere qualcun altro”, confessa il giovane Reginald Dwight a sua nonna, all’inizio del film, come sostengono i suoi genitori. Un altro cantante lo consiglia volentieri:

devi uccidere la persona che dovresti essere per diventare la persona che vuoi essere.

Elton John letteralmente e in senso figurato si spoglia del suo spettacolo teatrale mentre porta la sua anima in riabilitazione, nel caso il pubblico lo faccia non capisco che sta spogliando la sua persona.

rocket man elton john

Verso la fine del film, Elton si trova di fronte a controfigure per vari personaggi del resto del film, tavole sonore psicologiche che mostrano come articolare i temi e le idee del film. Questo si sviluppa in un momento in cui Bernie Taupin si presenta per rassicurarlo:

si scrivono dischi che rendono felici milioni di persone. Hai solo bisogno di capire chi sei e imparare ad amare te stesso.

Questo completa perfettamente l’arco di John e salvando il film dal problema di doverlo comunicare indirettamente.

In un certo senso, questo è il punto logico del tipo di approccio al tema che Christopher e Jonathan Nolan hanno codificato con il loro lavoro su film come Memento, Batman Begins o The Prestige. Tuttavia, è assurdamente intensificato, al punto che i personaggi espongono i loro interi archi in pezzi goffi. Dopo aver scoperto che sua moglie lo tradiva, il padre di Elton John si è assicurato di spiegare molto schiettamente: “mi hai legato con quel ragazzo, e finalmente ho una ragione per andarmene”.

elton

Per essere onesti con Rocketman, è molto difficile da realizzare un film biografico musicale dopo Walk Hard in modo così completo ed efficace da non cadere nel ridicolo e nell’assurdo. Ci sono punti in cui Rocket Man sembra quasi una parodia di se stesso. Il film stabilisce la sessualità di John avendo un personaggio secondario senza mezzi termini nel mezzo di una conversazione, “È importante che tu sia un [gay]?” Allo stesso modo, quando cerca di scegliere un cognome per il suo personaggio teatrale, Reginald non lo fa. Basta avere una foto dei Beatles a portata di mano, ma una luce scenica focalizzata sul volto di John Lennon.

Tuttavia, l’ovvio punto di paragone per un film come Rocketman è Bohemian Rhapsody, dato che condividono il regista. Rocketman è il migliore dei due, forse perché Fletcher è stato in grado di costruire il film da zero piuttosto che dover lavorare come squadra di salvataggio; Rocket Man incorpora meglio la musica, ha un arco più chiaro e offre una gestione molto più forte della sessualità del protagonista. La sceneggiatura avrebbe potuto usare più lucida, ma Rocketman è un esempio migliore di ciò che voleva essere Bohemian Rhapsody. Il che potrebbe suggerire le modeste ambizioni di Bohemian Rhapsody.

Rocketman non può lasciare l’atmosfera, ma non si schianta né brucia. C’è molto da apprezzare nei momenti più musicali del film, ma non sembra del tutto sicuro di come riempire al meglio lo spazio tra le note.

Che ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close

Adblock Rivelato

Gentile lettore, abbiamo notato che stai utilizzando AdBlock. Per fruire dei nostri contenuti è necessario disattivare AdBlock per questo sito o aggiungerlo alla tua Whitelist. Sul nostro portale troverai solo 2 banner pubblicitari assolutamente non invasivi. Ti assicuriamo di non infastidirti con pop-up o pubblicità sgargianti. Disattiva la tua protezione per il Bosone e ci aiuterai a proseguire la nostra avventura dal punto di vista economico. Grazie :)