Cinema, Film e Serie Tv

Aladdin: il film Disney segna una nuova generazione

Aladdin è un adattamento interessante di un amato film d'animazione

L’ovvio punto di paragone che si può fare, si avvicina a qualcosa come Beauty and the Beast, con l’adattamento live action che deve affrontare quasi le stesse sfide della sua controparte animata. Secondo questo standard, Aladdin si muove abbastanza bene.

Come per Beauty and the Beast , Aladdin è uno sforzo abbastanza semplice e senza sorprese di trasformare un classico pezzo di animazione degli anni Novanta in un live-action; partendo dalle canzoni, le scenografie, i temi, i personaggi, persino i tempi. È un processo di adattamento meno ambizioso o immaginativo di Alice nel paese delle meraviglie, nel bene e nel male.

jasmine e aladdin

Con questo in mente, Aladdin sembra un chiaro miglioramento se paragonato a Beauty and the Beast . Gran parte di questo è dovuto al fatto che già sappiamo cosa accade nei primi quaranta minuti dove non sembra ci siano grosse novità – anche se il cartone che durava 80 minuti è stato distribuito in un blockbuster da 2 ore. I cartoni che hanno ispirato la Bella e la Bestia e Aladdin erano già strutturati e molto ben costruiti, quindi qualsiasi cosa aggiunta, sarebbe stata percepita come qualcosa di inutile.

Beauty and the Beast sembrava particolarmente insicuro su cosa fare con quei quaranta minuti in più, portando a strane deviazioni narrative per rispondere a domande che nessuno chiedeva – esempio: cosa è successo alla madre di Belle?

Al contrario, Aladdin trae vantaggio da una migliore comprensione di cosa la storia può spiegare. Ci sono alcuni passi maldestri lungo la strada; le nuove canzoni spesso si distinguono in contrasto con quelle portate dal film originale, e il primo atto è un po’ pesantuccio. Tuttavia, a grandi linee, Aladdin capisce quali modifiche dell’originale può apportare.

Se questo è il futuro di questi adattamenti – e il successo di Beauty and the Beast significa che molto probabilmente lo sarà – allora Aladdin è lontano dal peggiore modello. È divertente, è leggero, è divertente di nuovo. Ha un cast carismatico e una solida comprensione della storia che sta aggiornando. Tuttavia, è anche un po’ lento all’inizio e goffo alla fine, tratti ereditati dai moderni blockbuster piuttosto che il risultato del processo di adattamento del materiale originale.

aladdin

Allo stesso tempo, come nel caso di Beauty and the Beast , gli stessi problemi fondamentali emergono. Nonostante ciò che la cultura dello spoiler potrebbe suggerire, un film è più di una semplice serie di eventi. Aladdin sta adattando un film che è stato progettato specificamente per un altro mezzo, mentre fa in modo sottolineare la sua fedeltà a quel materiale di origine mentre lo traduce in azione dal vivo. Il problema più grande con Aladdin è presente fin dall’inizio; questo è un approccio alla storia che funzionerà sempre meglio nell’animazione che nell’azione dal vivo.

Animazione vs Live Action: l’esempio Aladdin

Naturalmente, l’animazione tradizionale a mano e l’azione dal vivo sono due media diversi, proprio come l’animazione generata dal computer è anche un mezzo diverso di se stesso. Sarebbe riduttivo suggerire che questi diversi media hanno diversi punti di forza e di debolezza, ma raccontano storie in modi diversi. La versione cartoon originale di Aladdin degli anni ’90 è stata progettata come una vetrina per la divisione di animazione della Disney, la storia costruita dal basso verso l’alto per lavorare all’interno dei limiti e delle possibilità dell’animazione disegnata a mano.

genio will smith

Di conseguenza, la trama è piena di elementi che funzionano molto meglio nell’animazione di quanto possano mai fare nell’azione dal vivo. Non solo i personaggi umani (e umanoidi) sono consapevolmente stilizzati come un’introduzione alla loro personalità, ma gli animali sono antropomorfizzati in un modo da renderli espressivi e comunicativi. Ovviamente solo l’animazione generata al computer può fare queste cose, come dimostra la Pixar, ma non funziona quando il film aspira alla verosimiglianza.

Il pappagallo, la tigre Rajah e la scimmia Abu non possono funzionare allo stesso modo in un mondo progettato per sembrare un film d’azione dal vivo. Questo non per diminuire gli effetti del lavoro su Aladdin, ma semplicemente per illustrare le sfide nell’adattare la storia in modo così fedele. Tuttavia, Aladdin si impegna a usarli negli stessi ruoli delle loro controparti dei cartoni animati. Sarà interessante analizzare questo aspetto nel prossimo adattamento de Il Re Leone, dato che i personaggi della storia consistono in figure animali.

Allo stesso modo, l’animazione può disegnare un mondo più coscientemente stilizzato, per ritrarre un ambiente più magico e improbabile per una storia come questa. Nell’animazione, le belle città sembrano essere state strappate all’immaginazione dell’artista, quasi come le incisioni e le illustrazioni nei testi storici, evocando così direttamente quel senso di meraviglia perduta. È più difficile per l’azione dal vivo evocare quel senso di meraviglia, e spesso spinge la storia nel regno della fantascienza o della fantasia; basti pensare ai mondi de Il Signore degli Anelli o Star Wars.

Aladdin ci prova. Infatti, il cineasta Alan Stewart cerca consapevolmente e chiaramente di catturare il meglio di entrambe le realtà, di girare il mondo vero senza farlo sembrare “un universo completamente nuovo”. Il film rivela la saturazione degli scatti esteriori per rendere vivi sia il deserto che le città. Le case sono dipinte di rosa e blu, le dune sono luminose onde arancioni che si infrangono su un cielo azzurro. Sembra piuttosto carino, ma lo sforzo di evocare direttamente la fantasia del cartone animato spinge occasionalmente il film nell’incantato, mescolando azione dal vivo e spettacolo generato al computer.

Aladdin è un film progettato per evocare la nostalgia della generazione che ha guardato il film originale negli anni Novanta e funziona come qualcosa da condividere con i propri figli, simile ai nuovi film di Star Wars. Questo non è tanto un adattamento quanto un upgrade patchato. È una pelle moderna del ventunesimo secolo incollata su una struttura di wireframe familiare per aggiornarla in modo che possa essere apprezzata da una nuova generazione.

Aladdin: araldo di una nuova generazione

È possibile essere cinici riguardo a questo, di trattare il film come un cinico sforzo di riconfezionare la proprietà intellettuale per una nuova generazione di consumatori mentre si fa trading sulla nostalgia di un pubblico più anziano. Tuttavia, il meglio di questi adattamenti ha trovato qualcosa di utile nel processo di aggiornamento. Il remake Pete’s Dragon si colloca tra i migliori film live-action che la Disney abbia mai prodotto. Inoltre, le vecchie proprietà incoraggiano attivamente l’ingegnosità e la creatività nel rielaborarle per l’era moderna.

Maleficent ha offerto un approccio consapevolmente più moderno alla Bella Addormentata, interrogando alcune delle politiche che informavano l’originale della fine degli anni Cinquanta in un modo che si sentiva almeno giustificabile. Allo stesso modo, Dumbo ha offerto allo studio la possibilità di reinventare una storia classica eliminando gli elementi esplicitamente razzisti del classico degli anni Quaranta e costringendo il team creativo a inserire un’altra storia al suo posto. Dumbo è una rivisitazione imperfetta, ma ha alcune cose interessanti da dire, inclusa una (delicata ma spietata) critica della stessa Disney. Quindi c’è qualcosa da dire per questo approccio.

La sfida con adattamenti di reimmaginazioni più moderne come Beauty and the Beast o Aladdin è che gli originali non sono così lontani da dover essere reinventati. Invece, sembrano esistere in gran parte in modo che queste proprietà possano rimanere commercializzabili per una generazione più giovane che si è allontanata dall’adattamento bidimensionale disegnato a mano. Con questo in mente, Aladdin di Guy Ritchie fa un buon lavoro nel comprendere il suo materiale a livello narrativo e capire come tradurre quegli elementi nel mondo moderno.

Questo è più ovvio con il ruolo del Genio. Nonostante il titolo del film, il personaggio principale di Aladdin era sempre il Genio. L’entrata nel cast di Robin Williams è stata una delle rare volte in cui il personaggio principale di un attore non solo si è complimentato con il film d’animazione (come con Jeremy Irons o James Earl Jones in Il Re Leone), ma lo ha attivamente sopraffatto. Williams era una forza della natura, anche in forma animata.

L’argomento Will Smith

In quanto tale, il ruolo più importante nella reinvenzione è anche per il Genio. Ritchie lo capisce, nel ruolo di Will Smith. Will Smith è una vera star del cinema, così come il concetto esiste in un’epoca costruita sul potere della proprietà intellettuale. Questa è la forza chiave di Aladdin. Il film ha bisogno di una star del cinema vecchio stile. L’incapacità di Smith di scomparire nel ruolo è molto importante. Mentre trascorre del tempo nella iconica forma blu del personaggio, Smith viene presentato per la prima volta senza trucco e trascorre la maggior parte del film ad assomigliare molto a Will Smith. Smith non è mai destinato a diventare il Genio, il Genio diventa Smith. Questo è un approccio intelligente, comprendendo che la versione cartoon era inseparabile da Robin Williams. Smith è una star del cinema vecchio stile, quindi porta nel film il carisma e il fascino di una star del cinema vecchio stile. Nonostante il protagonista nominale del film sia l’omonimo personaggio, Smith è sempre divertente da guardare. In effetti, i flirt del genio con la damigella di Jasmine, Dalia, hanno un fascino più giocoso per loro rispetto al rapporto convenzionale tra Aladdin e Jasmine. Smith porta presenza ed energia nel film.

aladdin copertina

In effetti, il più grande passo falso che il film compie nel tentativo di estendere il tempo di esecuzione è quello di aggiungere una parte non trascurabile di quei minuti extra prima dell’introduzione del genio. Tuttavia, anche quelle sequenze si sentono logiche e razionali. Le scene di apertura dell’azione dal vivo di Aladdin accrescono il materiale che coinvolge i personaggi per aggiungere un maggiore senso di consistenza, consentendo al pubblico di avere una maggiore consapevolezza di chi siano realmente Aladdin e Jasmine e Jafar prima che la trama inizi a farsi strada.

C’è un senso di pragmatismo qui, con Ritchie che comprende sia i suoi punti di forza e il modo in cui il film potrebbe essere piegato per accoglierli. La classe era sempre inerente ad Aladdin; questa è la rara storia della Disney su un personaggio maschile elevato a un principe e con esperienza di ansia sociale. Questo è un punto di intersezione efficace per Ritchie, che condivide un credito per la sceneggiatura.

Ben fatto, Ritchie

Difatti il film usa questo interesse nelle strutture sociali e di classe per confrontare e contrastare in modo più efficace Aladino e Jafar di quanto non fosse il materiale di partenza. A Jafar è concesso più sviluppo e sfumature rispetto alla sua controparte cartoon, le sue motivazioni hanno dato un contesto più ampio di un semplice desiderio di potere. Ritchie posiziona Jafar come uno straziante uomo che è stato impotente e diseredato, e quindi ha una vera fame di essere “l’uomo più potente nella stanza”. Non è certo l’approccio più sfumato, ma funziona abbastanza bene per la struttura della pellicola.

L’interesse del film per la classe e il potere aggiunge un senso di risonanza, in particolare la ripetuta osservazione del Genio che ciò che distingue Aladino dai suoi precedenti “padroni” è che gli manca la sfrenata voglia di potere e gloria che definisce personaggi come Jafar; Aladino non desidera ardentemente essere un re o un imperatore, se non come uno sforzo sconsiderato per impressionare Jasmine.

Aladdin ha il suo fascino, soprattutto nel modo in cui comprende ciò che ha funzionato sull’originale e nella sua volontà di aggiornare alcuni elementi della storia per un nuovo millennio. Inoltre, molti dei modi in cui il film utilizza il suo runtime extra sono intelligenti ed efficienti; riconoscono cosa ha senso aggiungere alla struttura base così com’è. Tuttavia, c’è ancora un senso in cui Aladdin avrebbe potuto essere un film più forte se avesse voluto essere un po’ più audace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close