Cinema, Film e Serie Tv

John Wick: Parabellum, uno spettacolare circolo vizioso

La Recensione senza spoiler

Il più grande problema con John Wick 3 – Parabellum è che manca un finale.

Per essere chiari, non c’è niente di sbagliato in un film dal finale aperto. In effetti, gran parte del brivido di John Wick: Capitolo II era la misura in cui superava questi limiti. Nonostante il primo John Wick abbia dato una conclusione soddisfacente, il sequel è arrivato abbastanza presto per fornire – al pubblico – un proseguimento a una storia che non ne aveva esattamente bisogno. La fine del primo sequel sanguinava (letteralmente) in quello che sarebbe stato il seguito. Il finale aperto non è un problema di per sé.

Dopotutto, il Capitolo II apparteneva alla famiglia del concetto “ne faremo una trilogia”. Tradizionalmente, il primo film, lo si rende relativamente autonomo, con un finale che serve a soddisfare l’eventuale flop al botteghino – come accadde per Star Wars o Ritorno al Futuro . Al contrario, dopo che quei film diventano un successo al botteghino, i sequel venivano spesso commissionati in gruppi di due; Star Wars: Episodio V – The Empire Strikes Back proseguiva e concludeva in Star Wars: Episodio VI – il Ritorno dello Jedi , Ritorno al futuro II si concludeva in Ritorno al futuro III .

john wick

Tuttavia, tendeva ad essere comprensibile che la chiusura fosse necessaria ad un certo punto. Non necessariamente in modo definitivo o conclusivo per la serie nel suo insieme; Il ritorno dello Jedi non è l’ultimo film di Star Wars. Eppure, si ha la sensazione che la singola narrazione venga riordinata. I viaggi dei personaggi non possono essere completati, ma il loro arco all’interno di questa particolare storia è completo. Parabellum sembra molto un imbroglio su questo fronte. Sebbene costruisca da una premessa con un finale chiaro, sembra che stia goffamente costruendo un dispositivo di movimento perpetuo.

Dopotutto, il viaggio di John Wick ha un chiaro punto finale. L’arco del personaggio che è iniziato in John Wick ha un numero qualsiasi di potenziali risoluzioni. Il Capitolo II sembrava offrire un chiaro progresso lineare a quel viaggio, prendendo il personaggio dalla sua posizione nei momenti conclusivi di John Wick e intensificando significativamente le poste esistenziali. Il singolo problema più grande con Parabellum è che il film non gestisce una trasformazione analoga. La situazione di Wick non sembra particolarmente diversa tra l’inizio e la fine del film. Al massimo, il personaggio ha eseguito un ciclo chiuso.

Questo è un peccato, perché Parabellum poteva essere una degna fine. Come per John Wick e Chapter II, questo è un film visivamente sbalorditivo. È saturo di bagliori al neon di rossi e blu, che si mescolano e si riflettono in meravigliosi viola su strade sudice e insiemi sterili immacolati. La coreografia degli stunt è mozzafiato e la testimonianza di un’arte sottovalutata, il balletto con lame e proiettili. In effetti, Parabellum migliora ancora la già affascinante narrazione operistica (e gloriosamente melodrammatica) di John Wick e del Capitolo II, intrecciandoli in una parabola avvincente.

keanu reeves

I film di John Wick sono straordinari come esempio di una proprietà intellettuale originale in un mondo che si appoggia sempre più a marchi affermati; infatti, le maggiori minacce che Parabellum sta affrontando al botteghino sono Avengers: Endgame e Detective Pikachu , entrambi basati su concetti portati da altri media. Il franchise di John Wick ha una strana trama. Il suo mondo è così sviluppato e così dettagliato che sembra quasi un miracolo, visto che è stato sviluppato interamente da zero.

La trama di Parabellum

In effetti, potrebbe essere allettante dare la colpa alle debolezze strutturali di Parabellum – ai piedi dei moderni blockbuster. Anche se il Capitolo II è sembrato molto simile al “secondo film in una trilogia originariamente non pianificata” come “The Empire Strikes Back” o “Ritorno al futuro II” , è interessante notare che Parabellum è molto più simile a un film di un franchising contemporaneo. È un film progettato per raggiungere un punto in cui potrebbe servire come trampolino di lancio per un numero ancora maggiore di film, con scarsa considerazione per la propria coesione narrativa interna.

Parabellum è degno di nota per includere i primi personaggi in un film di John Wick che sentono come se potessero sostenere il proprio spin-off. C’è un tratto considerevole nel mezzo del film che mette in scena John Wick con una vecchia conoscenza a Casablanca, chiamata Sofia. Sofia è interpretata dal premio Oscar Halle Berry e ha una storia misteriosa e ambigua con John che suggerisce una complicata dinamica push-and-pull che non è mai completamente articolata. Sofia è notevolmente rimossa dalla narrazione in un punto relativamente precoce, come se il film stesse prendendo in giro consapevolmente il pubblico con la sua introduzione.

Analogamente, Parabellum si sente molto più prezioso con il suo ensemble che con John Wick o Chapter II, ed è molto più attento a giocare con i giocattoli che ha ereditato. I film di John Wick si concentrano su un assassino in pensione e quindi, ha senso che siano piuttosto assetati di sangue. L’omicida omonimo uccide quasi sempre il personaggio principale di John Wick, a parte Winston, Aurelio e Charon. Anche il Capitolo II è abbastanza sanguinario con i suoi nuovi personaggi, uccidendo i membri del cast di supporto interpretati da Riccardo Scamarcio, Ruby Rose, Common e Claudia Gerini.

locandina wick

Al contrario, Parabellum si sente come se avesse paura di separarsi da qualsiasi personaggio che potrebbe potenzialmente essere utile nei film successivi della serie. Il film evita di uccidere alcuni personaggi. Tuttavia, introduce anche una serie di antagonisti di supporto molto sviluppati a cui è permesso di andare avanti senza alcun danno reale. Sarebbe uno spoiler elencare i nomi, ma Wick confina molto del suo omicidio in Parabellum a dozzine di personaggi minori e tangenziali – piuttosto che a quelli dell’importazione narrativa reale.

Questo sembra una consapevole affiliazione di John Wick, anche al di là dell’estensione della premessa del Capitolo II. Per lo meno, il Capitolo II sembrava un’entità autosufficiente il cui contenuto è quella di un’intera storia; nel Capitolo II, John Wick si è trovato ad affrontare le conseguenze di un ritorno alla vita da assassino nel primo film, e di affrontare la possibilità che potrebbe non essere mai in grado di sfuggire dagli inferi. Era solo un approfondimento e letteralizzazione dell’idea centrale che guidava il protagonista; ma sembrava anche una dichiarazione chiara. Al contrario, Parabellum sembra funzionare in gran parte a caso.

Questo è chiaro sin dall’inizio. Nel finale del Capitolo II, si vede Wick che recupera il suo cane da Charon, il portiere del Continental Hotel. Le scene finali del Capitolo II vedono Wick zoppicare attraverso New York senza un amico nel mondo, e solo il suo cane per compagnia. Era un’immagine suggestiva, evocativa; un sicario e un cane. Tuttavia, all’inizio di Parabellum, Wick restituisce il suo cane a Charon al Continental. Questa è una decisione logica e pragmatica; le prime scene d’azione del film sono abbastanza complicate senza coinvolgere il cane di Wick. Tuttavia, sembra una metafora della storia del film stesso. Niente va da nessuna parte, tutto torna indietro.

keanu reeves

La cinematografia di Dan Laustsen è sorprendente, in particolare data la quantità che Parabellum viene ripresa per enfatizzare sia la riflessione che la rifrazione. La preoccupazione melodrammatica del tema è uno degli aspetti più accattivanti della serie di John Wick che permea ogni strato del suo film. L’uso della luce piegata attraverso la pioggia o il rimbalzo del vetro, sembra un’estensione di questa idea; un promemoria del mondo leggermente obliquo in cui opera Wick.

I momenti migliori del film funzionano meglio nelle immagini che come storia, al punto che Parabellum sembra quasi più un montaggio che una narrazione. Le immagini arrivano e si evolvono velocemente: John Wick a cavallo a New York, John Wick che sale una gigantesca duna di sabbia nel Sahara, John Wick che lotta con un altro riflesso distorto del suo io più giovane in una stanza piena di vetro mentre un monitor proietta un gigante ticchettando orologio dietro di lui. Questa elevata qualità si riflette nel cast e nelle prestazioni. Parabellum aggiunge un certo numero di nuovi personaggi all’ensemble, tra cui Saïd Taghmaoui e Jason Mantzoukas. I personaggi sono ampi e fumettistici ma questo è il fascino proprio del film. Il mondo di John Wick ha una qualità stravagante e assurda, costruita com’è sulle prestazioni.

Dopo tutto, i film di John Wick sono costruiti consapevolmente sulle acrobazie fisiche. La trama è quasi casuale, e la costruzione del mondo è molto curata nei dettagli. La coreografia d’azione di Parabellum è mozzafiato come in John Wick e nel Capitolo II. In particolare, l’atto di apertura è una corsa da brivido sulle montagne russe che porta Wick attraverso un numero di omicidi fantasticamente improvvisato; una resa dei conti in una biblioteca, una battaglia in una stalla. Il film perde un po’ di slancio nel suo secondo atto, ma non è mai meno impressionante; un inseguimento in moto con spade samurai, una rissa attraverso un labirinto di vetro. Il film ha un accattivante impegno per il caos; i momenti salienti includono una lotta con il coltello quando ormai le munizioni sono finite.

Quello che la John Wick Saga ti racconta veramente

Tuttavia, l’aspetto più eclatante di Parabellum è la misura in cui, in realtà, la tematica espande la sua costruzione del mondo in una direzione coinvolgente e astratta. Non sarebbe ingiusto descrivere John Wick e Chapter II come “pretenziosi”, sebbene ci fosse sempre un fascino nel fatto che quei film abbracciassero il melodramma e l’opera come un modo narrativo per una storia su un sicario che vendica il suo amato cane. Gli archi tematici di John Wick e del Capitolo II erano molto semplici; Wick è effettivamente condannato a rimanere bloccato in un ciclo di violenza. Questo porta anche a Parabellum.

john wick film

Detto questo, Parabellum trova cose interessanti da dire sul mondo sotterraneo del film – di assassini e mercanti. John Wick e Capitolo II hanno stratificato un intero mondo in cima al mondano, occupata da un esercito di senza tetto e un hotel per gli assassini. C’era qualcosa che richiama The Matrix, una miscela bizzarra di banale fantasia urbana con un film d’azione anni Ottanta.

Parabellum utilizza questo mondo di rituali arcaici e immagini religiose ambigue come metafora, in via di sviluppo sul sottotesto implicito di John Wick e Capitolo II. Sia John Wick che il Capitolo II hanno suggerito che le regole erano strutture attraverso le quali le società si organizzavano.

Le regole sono ciò che ci separa dagli animali

Winston si vanta ripetutamente per tutta la serie. C’è un contrasto ovvio e irresistibile con la stratificazione di questa struttura iper-civilizzata sulla brutalità dell’assassinio e dell’omicidio.

Parabellum sviluppa questo tema in direzioni interessanti, concentrandosi sull’idea di questo mondo sotterraneo come letteralizzazione del “contratto sociale” e della “commercializzazione dei rapporti”. C’è un senso in cui il mondo iperordinato e organizzato degli assassini, con le sue regole accuratamente codificate, esiste in contrasto con il caos del mondo esterno. C’è forse una ragione per cui queste regole sono state enfatizzate sempre più nel Capitolo II e in Parabellum, poiché il mondo esterno ha assistito all’erosione pubblica delle norme e delle strutture sociali.

Parabellum riflette più esplicitamente la chiarezza di queste strutture con la natura confusa dell’esistenza umana. C’è un attacco esistenziale a Parabellum. Quando Wick ha il lusso del “contratto sociale” che gli viene revocato, quando non può più contare sui “servizi” della sua società clandestina, è costretto a ritirarsi sfruttando un insieme più primitivo di strutture sociali. Mentre Parabellum si sviluppa, Wick si ritrova spogliato della sicurezza offerta dalla società più grande e facendo affidamento su una più personale rete di connessioni.

wick cane

Wick è costretto a trovare alleati con una connessione più personale con lui. Quando si presenta all’Accademia, avverte il Direttore che essere libero da obblighi sociali nei suoi confronti non significa che non abbia alcun obbligo personale. “Hai un debito” , ricorda. “E io sono debitore.” Allo stesso modo, quando Wick si incrocia con Sofia, è costretto a fare affidamento sul loro vecchio rapporto – letteralizzato attraverso un “marcatore” legato al sangue – per arruolare la sua assistenza. I confini tra le relazioni sociali e personali sfumano; Winston è più di un semplice compagno di lavoro di Wick, è “un amico” ?

Il climax di Parabellum presenta una sequenza estesa ambientata in una stanza di vetro; ci sono pannelli a muro, installazioni, persino un pavimento di secondo livello. I personaggi sottolineano ripetutamente quanto siano trasparenti e quasi invisibili questi oggetti; i personaggi entrano nei pannelli (o vengono lanciati) e non se ne rendono conto. La metafora è ricca ed evocativa. Non è un caso che Wick debba navigare attentamente nello spazio per raggiungere Winston; non si sa quali siano esattamente i dettagli delle loro relazioni.

winston

La stanza del vetro sembra un commento su queste strutture e relazioni, sui supporti che tengono insieme le persone e le tengono separate. Una delle più belle gags del film d’azione in Parabellum è il fatto che questo vetro non è così facile da frantumare quanto spesso il vetro è nei film d’azione. Certo, il vetro può essere rotto con forza e slancio, ma più di una volta rimane intatto nonostante gli spari e gli impatti. I vetri sono come quelle relazioni e quelle strutture; possono essere invisibili e possono essere rotti, ma sono più forti di quanto sembrino.

Nei suoi momenti più filosofici, Parabellum si sente come una meditazione su ciò che le persone devono reciprocamente e su quanto possa essere difficile orientarsi. Una fonte di informazioni richiede un regalo in cambio della sua assistenza. Un’altra figura insiste su un sacrificio come gesto di buona fede. “Ho servito e sarò di servizio”, ripetono i personaggi nel corso del film, suggerendo che tutto ciò che il mondo di Parabellum ha fatto è quello di codificare e mercificare le complicate interazioni umane riducendo l’ambiguità e offrendo invece chiarezza.

Come tale, il mondo di John Wick diventa sorprendentemente e coinvolgente in modo semplice, nonostante la sua complessità e sofisticazione in continua espansione. In un mondo in cui nulla sembra più avere senso, dove le convenzioni sociali sembrano essere erose e nulla è concreto, il mondo fantastico di John Wick è quasi allettante. È un mondo in cui tutti sanno immediatamente e chiaramente cosa devono reciprocamente.

Parabellum è un film affascinante, finché non lo è. Il film è straordinariamente ben messo insieme, ma si sente frustantemente incompiuto. Ogni aspetto del film è meticolosamente costruito, tranne che per il motore che dovrebbe guidarlo. Parabellum sembra spesso bloccato mentre gira le ruote, anche se la vista è fantastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close
Close