Cinema, Film e Serie Tv

Film Marvel: la Definizione di Potere all’interno del MCU

Potere ed eroi Marvel, che dilemma!

I film Marvel sono la forma più onnipresente di successo del ventunesimo secolo. La stagione estiva è sempre più affollata da questo genere di film. Quest’anno è in realtà un anno piuttosto moderato per i Marvel Studios. Solo Captain Marvel e Avengers: Endgame sono sul docket dell’azienda, con Sony che gestisce l’uscita di Spider-Man: Far From Home in estate. Più avanti nell’anno, X-Men: Dark Phoenix chiuderà in modo efficace i cinecomics della Twentieth Century Fox prima che i diritti sui mutanti finiscano in mano alla Disney. In effetti, anche i supereroi non di marca sembrano aver avuto un anno abbastanza decente; abbiamo ad esempio Glass e Brightburn, entrambi i film con personaggi originali che giocano con il genere.

Cinecomics: perché?

Ci sono molte discussioni sul perché il genere sia diventato una caratteristica così dominante del panorama culturale pop. Forse dipende semplicemente dalla tecnologia, con i progressi nell’animazione generata al computer che consente di rappresentare in modo più convincente la scala e il dramma che ci si aspetta da questo genere di storie. Guardiani della Galassia sarebbe stato molto difficile da realizzare anche un decennio prima, quando sarebbe stato quasi impossibile animare Rocket Racoon con un budget praticabile. Tuttavia, potrebbe anche essere un fattore culturale. L’ascesa del moderno film sui successi dei supereroi ha coinciso grosso modo con la Guerra al Terrore, una connessione resa esplicita in film come Batman Begins, The Dark Knight e Iron Man. L’eroismo vecchio stile era indubbiamente attraente in un momento di crisi politica .

thor

Questo è interessante nel contesto di Endgame. In molti modi, Endgame sembra essere un evento di proporzioni bibliche. C’è una ragionevole possibilità che Endgame possa diventare il film di maggior successo di tutti i tempi. A poche ore dall’uscita, il film aveva è già collocato nella lista dei migliori 250 film da Internet Movie Database. Endgame è un buon fenomeno culturale pop. È un film che scuote il mondo sotto i suoi piedi. È il culmine di un viaggio cinematografico di oltre vent’anni, ma è anche una sorta di affermazione conclusiva (almeno) dell’iterazione moderna dei film Marvel, l’esempio più alto del supereroe del cinema moderno.

Cosa significa questa affermazione? Cosa sta dicendo in realtà il film? Per essere onesti, questo era un problema con Avengers: Infinity War. È stato molto difficile distillare un punto tematico singolare o una tesi morale in Infinity War, in gran parte perché il film era strutturato in modo tale da negare ai suoi personaggi centrali qualsiasi autonomia all’interno della narrazione. Infinity War era un pezzo di logistica aziendale incredibilmente cinico che occasionalmente virava al nichilismo. Dopotutto, il climax del film si svolge nel modo in cui lo fa semplicemente perché Stephen Strange vede che è supposto che accada in quel modo. Nessuna scelta fatta dai personaggi ha alcun impatto su ciò che accade, perché c’è sempre un modo in cui potrebbe accadere. Endgame è interessante nel modo in cui si evolve questo concetto. In particolare, come sceglie di definire i suoi personaggi centrali. Se Endgame è la storia del supereroe che definisce l’era moderna, la sua definizione di “eroismo” è molto esoterica.

Va notato che il Marvel Cinematic Universe non è così coeso come suggerirebbero i suoi architetti o fan. Il Marvel Cinematic Universe non è un monolito di cultura pop. Non tutti i film del franchising hanno la stessa prospettiva o direzione. Alcuni film offrono interpretazioni molto diverse dei personaggi e degli ideali principali. Per esempio, c’è qualcosa di molto accattivante su quanto Thor: Ragnarok prende in considerazione l’idea di eroismo del suo personaggio principale. In Ragnarok, Thor adora le trappole dell’eroismo. Ama il grande monologo malvagio di Surtur così tanto che vuole sperimentarlo come previsto, avvolto in catene, ma cerca di fare la cosa giusta “… Perché è quello che fanno gli eroi”.

ragnarok

Il potere dei Film Marvel

Guardando Ragnarok , c’è la sensazione che essere un supereroe sia divertente. E c’è qualcosa di eccitante in ciò, la fantasia di potere di essere in grado di volare o evocare tuoni o attraversare l’universo. Tuttavia, Ragnarok sottolinea anche che questo tipo di eroismo ha un senso dell’obbligo. Thor potrebbe godere di essere un eroe, ma capisce le responsabilità che ne derivano. Quando Loki suggerisce di abbandonare Asgard e rimanere su Sakaar, Thor rifiuta. Più tardi, ispirato da suo fratello, Loki decide di rischiare la vita per presentarsi e combattere per la gente di Asgard. Più precisamente, comprendendo che le istituzioni di Asgard sono basate sullo sfruttamento e la sofferenza, Thor fa l’audace scelta eroica di sacrificare l’Impero Asgardiano. Quindi assume il suo ruolo di capo del suo popolo.

Questa è un’idea sorprendentemente sfumata ed equilibrata di supereroismo. Storicamente, le storie dei supereroi tendevano ad avvicinarsi al tipo di potere associato al supereroismo come una benedizione mista. Gli Spider-man di Sam Raimi (Spider-Man e Spider-Man II) hanno abilmente e ripetutamente messo in contrasto Peter Parker e Spider-Man, il personaggio del titolo spesso catturato tra il suo desiderio di fare ciò che voleva e il suo maggiore senso di giusto e sbagliato. È un cliché (e una citazione errata) suggerire che “con un grande potere derivano grandi responsabilità”, ma quello era un motivo ricorrente delle storie dei supereroi del XXI secolo. I film degli X-Men raffiguravano i reietti che combattevano per proteggere un mondo che “temeva e odiava” loro, perché era la cosa giusta da fare.

Uno degli aspetti più interessanti dell’universo cinematografico Marvel è stato un allontanamento cosciente e graduale da questa idea di potere come un peso da gestire con responsabilità e con attenzione. Come con Ragnarok, molti dei film Marvel celebrano apertamente la fantasia del potere di essere un supereroe. E non c’è niente di intrinsecamente sbagliato in questo. Il cinema popolare dovrebbe essere esilarante e divertente. La sequenza “test di volo” in Iron Man rimane un must di genere, catturando il senso di meraviglia e avventura di essere in grado di volare. Le storie dei supereroi dovrebbero essere d’evasione, e c’è qualcosa di molto potente nel guardare un personaggio letteralmente volare via dalla realtà radicata. Non tutti i film devono essere così pesanti o riflessivi come The Dark Knight.

infinity war

Tuttavia, è possibile trovare un equilibrio – provare il brivido e l’euforia del potere, sottolineando anche gli obblighi che ne derivano. Spider-Man: Into the Spider-Verse è forse il miglior esempio recente, in quanto il film cattura perfettamente il senso di meraviglia e avventura di essere in grado di oscillare tra gli edifici e saltare sui tetti mentre incapsula anche il senso di responsabilità che deriva da tale potere. Il viaggio di Mile Morales non sta semplicemente ottenendo una serie di poteri incredibili, il viaggio di Miles Morales sta diventando il tipo di persona che dovrebbe essere e sta realizzando il suo potenziale, che adempie ai suoi obblighi verso le persone che lo circondano e mondo più ampio (Shazam! Mette Billy Batson attraverso un arco simile, imparando a essere meno egoista).

Per essere onesti, i primi film Marvel hanno un senso nel codificare e quantificare questi concetti. L’Incredibile Hulk sottolinea l’obbligo di Bruce Banner nel proteggere le persone che lo circondano da un errore che ha commesso. Thor impone al suo personaggio centrale di imparare l’umiltà e dimostrare a se stesso – letteralmente – di essere “degno” del potere di Thor. Anche Captain America: The First Avenger si preoccupa di sottolineare che ciò che rende Steve Rogers speciale non è il siero del super-soldato, ma la sua volontà di offrirsi volontariamente per il bene superiore e di prendere una posizione di principio per combattere gli oppressori nonostante la sua bassa statura. Tuttavia, i film successivi si spingono contro questo tipo di concetto. Ci viene suggerito in Iron Man 2, quando Tony Stark si oppone alla supervisione del governo. “La mia priorità è far consegnare l’arma di Iron Man al popolo degli Stati Uniti d’America”, afferma il senatore Stern. Tony non sta facendo nulla di tutto questo. “Beh, puoi dimenticartelo” , insiste. “Io sono iron man. Io e la tuta siamo uno. Trasformare la tuta di Iron Man sarebbe come consegnarmi a me stesso, il che equivale a una schiavitù a contratto, o alla prostituzione, a seconda dello stato in cui ti trovi. Non puoi averlo”. Per essere onesti, qui c’è una buona discussione. Qualcuno si fiderebbe del governo degli Stati Uniti (o di qualsiasi governo) con quella tecnologia? Tuttavia, questo non è il problema.

Iron Man 2 ci ricorda che non è mai un buon motivo fidarsi di Tony con quella tecnologia. Cosa ha fatto Tony per guadagnarselo? Cosa tiene in considerazione Tony? Per essere onesti, Iron Man 2 è almeno intenzionalmente ambiguo su questo punto, parlando del fatto che Tony è una persona di privilegio che ha accesso all’uomo di ferro a causa della sua enorme ricchezza e dei suoi legami familiari. Vanko esiste come personaggio più emarginato che cerca di affermare un potere simile, la sua famiglia è cancellata dalla storia da chi è al potere. Iron Man 2 solleva almeno scomode domande sul potere che Tony ha centralizzato dentro di sé, senza nessuna responsabilità. Tuttavia, in seguito, i film di Marvel Studios si impegnano a riprodurre il senso del diritto, mentre consapevolmente compongono l’ambiguità che lo circonda.

captain marvel

Forse riflettendo la reputazione un po’ polarizzante e divisiva di Iron Man 2, gli altri film Marvel – i sequel -tendono ad evitare di complicare eccessivamente di sollevare domande sulla questione del potere e della supervisione. Capitan America: The Winter Soldier sembra che dovrebbe essere un ammonimento sui pericoli del potere incontrollato; di estendersi nell’era della sorveglianza della NSA e della guerra dei droni nell’era di Obama. Tuttavia, questo non è in realtà ciò che il film sta criticando. Il Soldato d’Inverno sembra sinceramente convinto che questo tipo di potere andrebbe bene se rimarrà nelle mani di Nick Fury o Steve Rogers, con i cattivi che sono le persone che supervisiona Nick Fury.

Thor: The Dark World è decisamente più esplicito nel suo approccio al potere. The Dark World è incentrato sulla rivelazione che il nonno di Thor è stato complice nel genocidio dei cosiddetti “Elfi Oscuri” millenni fa, e il malvagio Malekith è motivato dal desiderio di vendicare questa atrocità. Come The Winter Soldier , l’arco morale di The Dark World sembra semplice; dovrebbe essere una favola sul potere incontrollato e sui cicli di punizione. Invece, The Dark World sembra sostenere (tutto sinceramente) che l’unico problema con il tentativo di genocidio degli Elfi Oscuri era che non era abbastanza approfondito. Thor non si troverebbe in questo pasticcio attuale se suo nonno avesse fatto un lavoro più approfondito della sua pulizia etnica. È un’idea orribile, quella contro cui Ragnarok reagisce.

Questo è uno dei paradossi dell’universo cinematografico Marvel, in particolare una volta superata la storia delle origini. Il tipico arco narrativo di un film dei Marvel Studios è fare in modo che l’eroe faccia qualcosa di sconsiderato, abbia fallito con terribili conseguenze, possibilmente abbia l’eroe rimproverato per aver fatto la cosa spericolata in primo luogo, e poi averli tentare esattamente nello stesso modo cosa contro nonostante tutte le persone che li avvertono di non farlo, inevitabilmente riuscendo nel tentativo finale. Avengers: Age of Ultron è un ottimo esempio; Tony Stark costruisce un’intelligenza artificiale per proteggere il mondo, ma diventa genocida, quindi… Tony Stark costruisce un’altra intelligenza artificiale per proteggere il mondo e funziona perfettamente.

cap america film marvel

In molti modi, questo è un rimprovero diretto all’idea di umiltà e responsabilità quando si tratta di esercitare il potere. In altri film, la cosa logica da fare potrebbe essere per un personaggio fare il punto sull’errore che hanno commesso, umiliarsi, e quindi adottare una nuova linea d’azione incorporando le lezioni che hanno imparato. Tuttavia, il Marvel Cinematic Universe non crede che il potere debba essere umiliato. Il potere dovrebbe essere celebrato, e coloro che presumono di dire a questi eroi cosa dovrebbero o non dovrebbero fare semplicemente hanno bisogno di essere istruiti su una lezione. Questo è l’arco morale di Spider-Man: Homecoming, dove Peter Parker viola ripetutamente le istruzioni di Tony Stark solo per dimostrare il suo valore in modo follemente rischioso e distruttivo.

Questo è il motivo per cui, storicamente, i sequel del supereroe tendono a concentrarsi sull’eroe che cede il proprio potere. Superman II vede Clark Kent diventare umano, così che potesse stare con Lois Lane, solo per poi reclamare il suo potere e la responsabilità che ne deriva. Spider-Man II fece in modo che Peter Parker buttasse via il suo costume e abbandonasse il suo alter ego, solo per imparare l’importanza di usare il suo potere per sempre. Perfino The Dark Knight suggerì che Bruce Wayne stava preparando Harvey Dent a sostituirlo in modo che potesse andare in pensione. Il Marvel Cinematic Universe rifiuta questa tipica formulazione di sequel. Gli eroi dell’universo cinematografico Marvel imparano molto raramente quelle lezioni sulla responsabilità e l’obbligo.

Le lezioni mai imparate nei film Marvel

Nell’universo cinematografico Marvel, gli eroi imparano molto raramente delle lezioni. Invece, dispensano lezioni. La lezione principale della serie post-origini dei film degli Studios Marvel è semplicemente che le persone hanno torto a dubitare o mettere in discussione o chiamare questi eroi. Questa non è sempre una brutta cosa; Captain Marvel è una storia autorizzante di una donna che asserisce il controllo del proprio corpo sugli uomini che presumono di controllarlo, dimostrando che questo tipo di storia ha il suo posto. Black Panther è il raro film dei Marvel Studios in cui l’eroe cambia idea dopo il confronto col cattivo, T’Challa cambia l’intero corso della Wakanda dopo il suo confronto con Erik (Ragnarok fa qualcosa di simile, con Thor che accetta che Asgard debba essere distrutta).

civil war

Tuttavia, queste sono le eccezioni piuttosto che la regola. L’esempio più illustrativo di questo tema rimane Captain America: Civil War, che ha senso dal momento che il film è dello stesso team creativo (scrittori e registi) di Infinity War ed Endgame. All’inizio del film, Steve Rogers porta in combattimento un eroe non addestrato, ferendo i civili. La questione è aggravata dal fatto che l’eroe in questione è un ex terrorista responsabile di gran parte del caos di Age of Ultron, compreso lo scatenamento di Hulk in una città africana popolata (senza nome). Questo (giustamente) porta ad argomentare che ci dovrebbe essere una certa supervisione o responsabilità nel modo in cui il team opera.

La caratterizzazione di Tony Stark in Civil War sottolinea anche il modo in cui il Marvel Cinematic Universe dà priorità alla ricerca del potere sopra ogni altra cosa. Tony è motivato (in parte) a sostenere la registrazione perché sente la storia di un adolescente inesperto che è morto durante un grande scontro tra supereroi. Questo dovrebbe rendere Tony più cauto nell’usare il suo potere. Tuttavia, recluta quasi immediatamente un adolescente inesperto per partecipare al combattimento tra supereroi al culmine del film, perché ha bisogno di un vantaggio contro Steve Rogers. Non viene mai spiegato perché Peter Parker è così vitale, o perché Tony metterebbe in pericolo la vita di un giovane come quello. È interessante contrapporre a Civil War, Batman Vs Superman: Dawn of Justice. Rilasciato nello stesso periodo di Civil War, Batman vs Superman ha suscitato un’ondata incredibile di indignazione tra i fan dei fumetti. Almeno una parte di questo era radicata nella rappresentazione del film di un Superman più introspettivo e insicuro e in una versione di Batman che aveva completamente abbracciato i suoi peggiori impulsi. Batman vs. Superman ha avuto più della sua buona dose di difetti, ma sembra aver attirato molte critiche per aver insinuato di mettere in discussione la moralità e l’integrità del modo in cui i suoi protagonisti hanno applicato il loro potere. Batman contro Superman ha permesso ai suoi personaggi più introspezione rispetto alla maggior parte dei film della Marvel Studios e ha provocato l’ira di un fandom per questo.

Tutto questo porta a Infinity War e Endgame. Thanos complotta per spazzare via metà della vita nell’universo, che è un piano terribilmente stupido. Non c’è niente di sbagliato che i piani di cattivo dei fumetti siano monumentalmente stupidi; il genere ci campa da anni sui piani stupidi. Tuttavia, Infinity War prende molto seriamente il viaggio del suo cattivo. Questo è molto rivelatore di se stesso. Infinity War non dedica molto sforzo o considerazione alla logica interna del piano di Thanos. Non ha senso. Tuttavia, Infinity War è molto interessato ai meccanismi del piano di Thanos.

infinity war

Infinity War dà a Thanos la motivazione più riconoscibile e universale nell’universo cinematografico Marvel. Thanos è motivato dalla volontà di potenza, dal desiderio di assemblare le Pietre dell’Infinito indipendentemente dal costo. Infinity War sembra invidiare la fissazione monomaniacale di Thanos sul premio . Sta dicendo che lo scopo unico di Thanos è qualcosa che condivide con Steve Rogers, il centro morale dei film Marvel Studios. Steve è altrettanto impegnato, ripetutamente giurando di fare “tutto il necessario” per vincere. In Civil War , Steve offre anche il sentimento amichevole di Thanos: “anche se tutti ti dicono che qualcosa di sbagliato è giusto, anche se il mondo intero ti sta dicendo di muoverti, è tuo dovere piantarti come un albero, guardarli negli occhi e dire: No”.

Quando Thanos affronta Strange su Titano, la loro conversazione suggerisce la misura in base alla quale il film prende le due parti opposte. “Le scelte più difficili richiedono le volontà più forti”, sostiene Thanos. Strange risponde: “penso che troverai la nostra volontà uguale alla tua”.

Per alcuni aspetti, quindi, Infinity War è una storia sulla battaglia della volontà di potenza. Dopotutto, gli eroi non perdono per nessuna scelta fatta durante la Guerra Civile; Tony è disposto a chiamare Steve ma viene interrotto quando le navi di Thanos arrivano a New York. Infinity War ed Endgame sembrano suggerire che gli eroi perdano in Infinity War semplicemente perché la loro volontà di potenza non è abbastanza forte, che non sono disposti a fare “qualunque cosa serva”. Il film sembra invidiare Thanos del suo impegno, dipingendolo come una figura quasi eroica. L’omicidio da parte di Thanos. di sua figlia a Vormir. è descritto come tragico – ma per lui. Il film chiede al pubblico di provare simpatia per il cattivo che uccide sua figlia lanciandola alla sua morte, alla ricerca del potere assoluto. Il film si aspetta che il pubblico prenda tutto questo al valore nominale, compresa l’affermazione che Thanos ami davvero la figlia che ha abusato per decenni.

endgame

Tuttavia, è la fine di Endgame che offre la definizione più perspicace dell’atteggiamento del Marvel Cinematic Universe verso il potere e quanto quell’atteggiamento sia ancorato nell’applicazione libera e incondizionata di quel potere. Endgame offre una definizione molto particolare di “eroismo”, in particolare per quanto riguarda la risoluzione degli archi di Thor e Capitan America. Gran parte dell’arco di Thor nei suoi tre film ha coinvolto l’idea del personaggio che accetta le responsabilità di guidare Asgard e il crescere necessario per temperare uno spirito avventuroso e un potere illimitato con un senso di dovere civico e fedeltà. Thor potrebbe ora volere essere il re di Asgard ma è un dovere solenne che ricade su di lui. Viene con il suo potere, ereditato dai precedenti re.

Endgame respinge qualsiasi sensazione che il potere di Thor debba essere usato al servizio delle persone che hanno perso così tanto a causa sua. Endgame ignora ogni implicazione che Thor debba al popolo asgardiano i suoi migliori sforzi o le sue migliori intenzioni. Invece, Endgame suggerisce che è irragionevole per chiunque aspettarsi qualcosa da Thor, e che i suoi doni e poteri siano applicati al meglio, tuttavia vorrebbe applicarli, piuttosto che usarli per perseguire il bene superiore.

L’arco di Thor in Endgame è forse l’ultima estensione degli stessi archi di personaggi egocentrici che sono apparsi nei film precedenti come Age of Ultron o Homecoming, film Marvel che si sono fatti beffa dell’idea che gli eroi avrebbero effettivamente bisogno di imparare, crescere o cambiare. “Sarò quello che sono,” Thor dice a Valkyrie alla fine di Endgame, scappando per abbandonare la sua gente così da poter volare in giro per la galassia con avventure stravaganti, “non chi dovrei essere.” Questo è una definizione di potere davvero terrificante. Thor non si limita a respingere l’idea che con un grande potere derivano grandi responsabilità, si abbraccia l’ipotesi che qualsiasi tentativo di rendere qualcuno responsabile, è un atto mostruoso di crudeltà.

Questo tema gioca anche in modo più sottile nella risoluzione dell’arco di Steve Rogers. Endgame si chiude con Tony Stark che si sacrifica per usare l’Infinity Gauntlet per sconfiggere Thanos, sfruttando efficacemente il tipo di potere che definisce gli dei. Con Tony morto e Thor fuori dal mondo, la Terra è in uno stato di transizione. Certo, ci sono eroi qualificati in giro come Rhodey e T’Challa. Anche Carol Danvers tiene d’occhio la Terra ma ha avuto difficoltà a farlo in un universo che era solo parzialmente popolato. Tuttavia, c’è la sensazione che le cose siano in uno stato di transizione e che possa esserci la necessità che qualche memoria istituzionale stabilizzi tutto questo. Steve potrebbe non avere alcun obbligo legale di assicurare una transizione stabile del potere, ma dovrebbe essere il “centro morale” dell’universo.

avengers

Parte dello sforzo per stabilizzare le cose dopo il funerale di Tony avrebbe dovuto includere un piano per inviare indietro nel tempo gli “spariti” 5 anni nel passato.  Una missione che potrebbe richiedere un po’ di tempo, ma che dovrebbe richiedere solo pochi secondi agli osservatori esterni. Tuttavia, Steve torna indietro. Riporta gli oggetti nel passato e poi decide unilateralmente di reinserirsi nella sua vecchia vita. C’è qualcosa di poetico in questo. Dopotutto Endgame è un tour nostalgico della storia dell’universo cinematografico Marvel che evoca esplicitamente gli alti di The Avengers , Guardians of the Galaxy e … eh … The Dark World? È un film sul desiderio di rivivere il passato, quindi ha senso che il viaggio di Steve si concluda con lui portando questo messaggio a bordo e letteralmente retrocedendo al passato.

La decisione di Steve è eccezionalmente egoista e irresponsabile. Endgame enfatizza ripetutamente quanto sarebbe facile danneggiare la timeline e quanto devono essere prudenti questi personaggi quando navigano nella timeline. Steve non fa alcun lavoro di preparazione per determinare se il suo piano è sicuro. In realtà, sembra suggerire che la decisione sia stata presa in modo impulsivo. Di nuovo, questo rivela molto su come i film Marvel Studios trattano il potere. Il franchising crede sinceramente che l’intero punto di forza sia quello di usarlo senza restrizioni e senza esitazioni. Ciò che rende Steve un eroe nell’universo cinematografico Marvel è la sua riluttanza a mettere la sicurezza o il conforto degli altri davanti ai suoi. Steve ha la volontà di usare il potere che ha, senza pensare alle conseguenze.

La natura egocentrica e spericolata della decisione di Steve si riflette nel suo ricongiungimento con Bucky e Sam dopo il fatto. Steve passa lo scudo iconico (e il mantello) a Sam. È un bel tocco e una buona scelta, ma sottolinea quanto spericolata sia stata la decisione di Steve. E se fosse stato investito da un camion? E se avesse avuto un infarto? E se Steve non fosse mai vissuto abbastanza a lungo da avere quella conversazione con Bucky e Sam? Avrebbero strappato la linea del tempo a parte per cercarlo? Il mondo sarebbe stato completamente abbandonato da Iron Man, Thor e Captain America? Questo è un uso del potere eccezionalmente spericolato, ma è perfettamente in linea con il modo in cui Infinity War e Endgame credono che il potere debba essere usato; tuttavia le persone forti vogliono che sia usato.

Nell’universo cinematografico Marvel, il potere – che siano le Gemme, il viaggio nel tempo, il martello di Thor, – non deve essere trattato con timore. Deve essere afferrato e usato. È uno strano rapporto con il potere, in particolare quando è in contrasto con l’approccio più umile dei film di Sam Raimi su Spider-Man o il tono più riflessivo della trilogia del Cavaliere Oscuro. Non c’è spazio per l’introspezione o il dubbio. C’è solo spazio per l’azione. È allettante chiedersi se – come l’esplosione nella cultura dello spoiler – questa sia semplicemente un’altra espressione di come le moderne preferenze della cultura pop si sovrappongano a concetti come il tema oi personaggi . Ovviamente l’universo cinematografico Marvel è investito nell’uso di potere, questi film parlano di personaggi che fanno cose.

Il Marvel Cinematic Universe ha una definizione egoista e egocentrica di “eroismo” , miope e meschino. C’è qualcosa di profondamente ironico nelle affermazioni secondo cui i film Marvel Studios siano più fiduciosi o ottimisti di altri lavori del genere. Le motivazioni dei personaggi centrali sono spesso profondamente personali e auto-coinvolgenti, concentrate principalmente sulla loro soddisfazione e sul senso della giustizia. Questi sono eroi violentemente individualisti nel senso più letterale dei sensi, personaggi investiti di un grande potere che molto raramente hanno l’obbligo di usare quei poteri per proteggere tutto tranne i propri interessi (l’ultima protezione di Carol degli Skrull in Captain Marvel è una recente eccezione accattivante).

ultron film marvel

Dopotutto, Endgame presta pochissima attenzione alle sfide logistiche o morali di resuscitare metà della popolazione dell’universo. Cosa succede a quelle persone e alle famiglie che sono andate avanti dopo gli eventi di Infinity War? Quanto deve essere orribile aver perso un bambino e improvvisamente quel bambino riappare cinque anni dopo come se non fosse passato un secondo? Come deve essere per qualcuno tornare a casa, scoprire la loro compagna di cinque anni più vecchia e possibilmente aver iniziato una nuova famiglia? Queste sono preoccupazioni logistiche molto reali sul piano degli eroi, ma non sono nemmeno mai riconosciute o affrontate. Queste vite non influenzano gli eroi, quindi potrebbero anche non esistere (a dire il vero, i bambini cercano ancora i selfie con Hulk anche dopo il fallimento degli eroi in Infinity War).

Il Marvel Cinematic Universe è il franchise cinematografico di maggior successo nella storia, e gran parte di questo è perché attinge allo spirito del tempo. Il Marvel Cinematic Universe parla a un’intera generazione di spettatori che rispondono ai temi e alle idee sottolineando i film. Per essere onesti, alcuni di questi riflettono un pubblico in cerca di speranza ed entusiasmo sul grande schermo. Black Panther e Captain Marvel risuonarono entrambi con un pubblico sottovalutato alla ricerca di film di successo che parlassero con loro. Tuttavia, sembra anche probabile che i temi del franchise siano in sintonia con l’attuale momento culturale, rivelando molto sulle ansie e l’umore del mondo moderno.

Che ne pensi? Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close